Login
E-mail
Password
Mostra password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON

I Leader della Finanza

Ultime notizieSocietàMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaAgendaSettori 
HomeTutte le notizieLe notizie più letteBiografie dei Leader della finanza
Età : 58
Paese di residenza : Unknown
Principali società : UniCredit S.p.A.
Biografia : Andrea Orcel is an Italian businessperson who has been at the head of 8 different companies. Present

UniCredit, Orcel vara nuova struttura con Italia geografia autonoma

12-05-2021 | 16:15
Andrea Orcel a Londra

MILANO (Reuters) -UniCredit ha annunciato una nuova struttura organizzativa e il team manageriale che avrà il compito di sviluppare il nuovo piano strategico nella seconda parte dell'anno sotto la guida del nuovo Ceo Andrea Orcel.

Tra le principali novità l'Italia si posiziona come geografia autonoma e, insieme a Germania, Europa Centrale e Orientale, è a diretto riporto di Orcel, spiega una nota.

Nella precedente struttura l'Italia, come Germania e Austria, rientrava nella divisione Europa Occidentale.

"Come business è fondamentale che riconosciamo le nostre origini e radici culturali che ci hanno formato ed è per questa ragione che rendiamo l'Italia una geografia autonoma al fianco di Germania, Europa Centrale e Orientale", spiega Orcel nella nota.

Niccolò Ubertalli, precedentemente alla guida dell'Europa Centrale e Orientale con Gianfranco Bisagni, sarà head of Italy, mentre Michael Diederich sarà a capo della Germania. Bisagni guiderà l'Europa Centrale e Teodora Petkova sarà a capo dell'Europa Orientale.

MENO CO-HEAD, NASCE DIVISIONE DIGITAL

In generale la nuova struttura minimizza la presenza di co-head e crea un team più coeso, si legge nella nota.

Inoltre viene creato un nuovo comitato esecutivo denominato Group Executive Committee (GEC), composto da 15 membri, che sostituisce l'attuale Executive Management Committee (EMC) a 27 membri, aumentandone "il livello di coinvolgimento e responsabilizzazione del team manageriale".

Del comitato faranno parte, tra gli altri, Orcel, i responsabili delle quattro aree geografiche, il capo del Corporate & Investment Banking (CIB) Richard Burton, il Cfo Stefano Porro, il Coo Ranieri de Marchis, il Group Risk Officer TJ Lim.

Nell'ambito di un programma di semplificazione in tutta l'organizzazione, a partire dalla SpA, viene ridotto il numero dei comitati da 44 a un massimo di 15-20.

L'area del Cib sarà, nell'ambito di una struttura a matrice, al servizio di tutte le geografie "per offrire ai clienti un catalogo di prodotti e servizi completo e in grado di soddisfare i bisogni locali".

Viene creata una nuova divisione Digital che porta tecnologia, digitalizzazione e dati nell'ambito del nuovo Gec, "assicurandone la piena inclusione in ogni decisione strategica e sottolineando l'importanza critica di quest'area per le sfide future del business".

UniCredit ha assunto Jingle Pang, che ha supervisionato la transizione digitale del gruppo bancario e delle assicurazioni cinese Ping An, come nuovo Digital and Information Officer.

Viene poi istituito un Ceo office che include le aree di Stakeholder Engagement e Strategy and Optimization, che faranno parte del Gec.

Due ex Ubs, dove Orcel ha lavorato dal 2012 al 2018, saranno a capo delle due aree: Fiona Melrose, già head of Strategy presso la sezione investment banking di Ubs prima di passare alla divisione strategy di Santander nel 2019 guiderà l'area Strategy and Optimization, mentre Joanna Carss, ex Merrill e Ubs, gestirà la nuova funzione di Stakeholder Engagement.

Viene istituita la divisione People and Culture che estende il mandato della precedente funzione di Human Capital.

"Questo è solo il primo passo di un programma ambizioso volto a realizzare il pieno potenziale di UniCredit. Ci permetterà di passare da un periodo di ridimensionamento a uno di crescita sostenibile e profittevole", conclude Orcel.

MERCATO APPREZZA

Secondo Alessandro Zattoni, direttore del dipartimento Impresa e Management alla Luiss, la nuova struttura "sulla carta è molto positiva poiché incoraggia l'assunzione di responsabilità manageriali e enfatizza le persone e le tecnologie digitali come fattori chiave per la competizione futura. Le persone che ricopriranno i ruoli principali nella nuova struttura determineranno il suo successo".

Anche secondo gli analisti di Citi "l'annuncio è positivo".

"La semplificazione del gruppo era una delle priorità del nuovo Ceo e una delle preoccupazioni per il mercato (ad esempio per l'elevato numero di co-Ceo nelle divisioni). Inoltre la creazione della nuova divisione Digital probabilmente sosterrà la digitalizzazione (altra priorità del management)", si legge in un report.

Il titolo alle 16,10 sale dell'1,70% sovraperformando il settore in Italia ed Europa.

(Gianluca Semeraro, Valentina Za, in redazione a Milano Sabina Suzzi)


© Reuters 2021