La ricerca di un nuovo amministratore delegato da parte di BP è destinata a prolungarsi fino al primo trimestre del 2024, come hanno riferito tre fonti a Reuters, mentre si protrae l'indagine del Consiglio di Amministrazione per verificare se il precedente amministratore delegato Bernard Looney abbia violato il codice di condotta nelle sue relazioni personali non rivelate con il personale.

L'azienda petrolifera è stata in subbuglio dopo le dimissioni di Looney a settembre, hanno detto fonti aziendali a Reuters, e da allora il prezzo delle azioni ha sottoperformato la rivale Shell a causa dell'incertezza degli investitori sulla strategia futura di BP.

Le azioni di BP sono scese del 9% dopo la partenza di Looney, mentre quelle di Shell hanno guadagnato il 2% nello stesso periodo. Gli utili di BP nei due trimestri precedenti hanno mancato le aspettative del mercato, contribuendo alla cattiva performance delle azioni.

Il Presidente Helge Lund sta conducendo un'indagine, con l'aiuto dello studio legale Freshfields, sulle relazioni e sull'eventuale violazione delle regole aziendali da parte di Looney, hanno detto le fonti.

Il codice di condotta di BP specifica che "avere una relazione intima con qualcuno di cui si può influenzare la retribuzione, l'avanzamento o la gestione" rappresenta un conflitto di interessi, che deve essere reso noto.

BP ha dichiarato a Reuters che l'indagine è in corso. Un portavoce di Looney ha rifiutato di commentare.

BP non ha fornito dettagli sulle potenziali violazioni del codice di condotta oggetto dell'indagine. Due fonti hanno detto che l'indagine non stava esaminando le promozioni di persone che avevano precedenti relazioni personali con Looney.

Il senso di agitazione interna all'azienda energetica è stato aggravato dalla brusca partenza del capo delle attività statunitensi di BP, Dave Lawler, poche settimane dopo l'uscita di Looney, il 12 settembre.

Il membro veterano del consiglio di amministrazione Paula Rosput Reynolds, che dirige il comitato di remunerazione di BP, sta conducendo le discussioni sul pacchetto retributivo di Looney dopo le sue dimissioni, ha dichiarato BP.

La decisione sui termini finanziari della sua uscita rifletterà il fatto che si è dimesso e terrà conto della sua eventuale violazione del codice di condotta, hanno detto le fonti.

La decisione sulla retribuzione è prevista entro la fine dell'anno, ha detto una fonte vicina alle discussioni.

Il pacchetto retributivo di Looney ha raggiunto circa 12 milioni di dollari nel 2022, grazie ai profitti record in mezzo alla spirale dei prezzi dell'energia.

Le dimissioni a sorpresa di Looney a settembre sono arrivate dopo le accuse anonime di relazioni personali con i colleghi dell'azienda, che hanno spinto il Consiglio di Amministrazione a lanciare l'ultima indagine.

Nel maggio 2022, accuse simili erano emerse e avevano provocato una revisione, durante la quale Looney aveva rivelato un piccolo numero di relazioni storiche con colleghi prima di diventare Amministratore Delegato e aveva dato garanzie "in merito alla divulgazione di relazioni personali passate, nonché al suo comportamento futuro". All'epoca non è stata riscontrata alcuna violazione del codice di condotta dell'azienda.

Nella dichiarazione del 12 settembre a seguito delle nuove accuse, BP ha detto che Looney ha accettato di non essere stato completamente trasparente nel rivelare le sue relazioni, il che ha portato alle sue dimissioni.

NUOVO CEO

Lund e il Consiglio di Amministrazione di BP stanno conducendo un processo di selezione di un Amministratore Delegato permanente, e la ricerca include candidati interni ed esterni, ha dichiarato BP nella sua dichiarazione.

Il consiglio di amministrazione probabilmente nominerà il nuovo CEO nel primo trimestre e la nomina potrebbe coincidere con gli utili dell'intero anno di BP a febbraio, hanno detto le fonti. BP ha rifiutato di commentare la tempistica del processo.

L'amministratore delegato ad interim Murray Auchincloss, direttore finanziario sotto Looney, ha cercato di mantenere l'attenzione dell'azienda sulle operazioni quotidiane, rifiutando pubblicamente, e anche nei saloni cittadini dell'azienda, di dire se desiderava un incarico permanente.

Ma in privato, il 53enne Auchincloss, il cui partner è anche un dipendente di BP - una relazione che aveva già rivelato in precedenza - ha indicato di essere interessato al posto di vertice, secondo due fonti vicine all'azienda.

Auchincloss non ha risposto a una richiesta di commento.

La sua nomina al posto fisso, che l'analista Biraj Borkhataria di RBC Capital Markets ha definito probabile, offrirebbe un senso di continuità sulla strategia, hanno detto gli investitori.

Auchincloss è stato fondamentale nel formulare le modifiche apportate da Looney a febbraio alla strategia di transizione energetica dell'azienda, che comprendeva il rallentamento del ritiro dal petrolio e dal gas e la riduzione della spesa sulle energie rinnovabili, nel tentativo di migliorare i rendimenti.

Borkhataria di RBC ha affermato che una scelta esterna per il ruolo di CEO "potrebbe aggiungere maggiore incertezza alla strategia complessiva, sollevando anche questioni sulla competenza del consiglio di amministrazione. Riteniamo che la conferma (di Auchincloss) sia importante dal punto di vista simbolico per mostrare una nave ferma".