MILANO (Reuters) - Il passaggio ai veicoli elettrici (Ev) imporrà un "onere significativo" ai fornitori di auto, ha detto l'AD di Stellantis Carlos Tavares, mentre le case automobilistiche occidentali cercano di ridurre i costi per competere con i concorrenti cinesi.

La sfida, ha spiegato il manager, consiste nel vendere i veicoli elettrici, i cui costi di produzione sono superiori del 40-50%, allo stesso prezzo dei modelli a benzina equivalenti. Questo costringe le case automobilistiche a tagliare i costi a tutti i livelli, comprese le catene di approvvigionamento e la logistica.

"Si assisterà a un enorme spostamento della base dei fornitori. L'approvvigionamento si sposterà dal mondo occidentale ai Paesi con i costi migliori", ha ammesso Tavares durante un convegno ad Amsterdam.

"La corsa ai veicoli elettrici è diventata una corsa alla riduzione dei costi", ha aggiunto.

Tavares ha detto che il suo obiettivo principale è quello di mantenere Stellantis in una solida posizione commerciale riguardo a potenziali operazioni di fusione e acquisizione.

"Se si presenterà un'opportunità, la prenderemo ovviamente in considerazione, ma dovremo essere pronti", ha detto.

(Tradotto da Laura Contemori, editing Francesca Piscioneri)