Il primo paziente umano a cui è stato impiantato un chip cerebrale di Neuralink sembra essersi completamente ripreso ed è in grado di controllare un mouse per computer usando i propri pensieri, ha dichiarato lunedì il fondatore della startup Elon Musk.

"I progressi sono buoni e il paziente sembra aver recuperato completamente, con effetti neurali di cui siamo a conoscenza. Il paziente è in grado di muovere un mouse sullo schermo semplicemente pensando", ha detto Musk in un evento Spaces sulla piattaforma social media X.

Musk ha detto che Neuralink sta cercando di ottenere dal paziente il maggior numero possibile di clic sui pulsanti del mouse.

Neuralink non ha risposto immediatamente alla richiesta di Reuters di ulteriori dettagli.

L'azienda ha impiantato con successo un chip sul suo primo paziente umano il mese scorso, dopo aver ricevuto l'approvazione per il reclutamento della sperimentazione umana a settembre.

Lo studio utilizza un robot per posizionare chirurgicamente un impianto di interfaccia cervello-computer in una regione del cervello che controlla l'intenzione di muoversi, ha detto Neuralink, aggiungendo che l'obiettivo iniziale è quello di consentire alle persone di controllare un cursore o una tastiera del computer usando i loro pensieri.

Musk ha grandi ambizioni per Neuralink, dicendo che faciliterebbe l'inserimento chirurgico rapido dei suoi dispositivi chip per trattare condizioni come l'obesità, l'autismo, la depressione e la schizofrenia.

Neuralink, che è stata valutata circa 5 miliardi di dollari l'anno scorso, ha affrontato ripetute richieste di controllo sui suoi protocolli di sicurezza. Reuters ha riferito il mese scorso che l'azienda è stata multata per aver violato le regole del Dipartimento dei Trasporti degli Stati Uniti relative al movimento di materiali pericolosi. (Servizio di Kanjyik Ghosh a Bengaluru; Redazione di Varun H K)