Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrazione
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     

I Leader della Finanza

HomeTutte le notizieLe notizie più letteBiografie dei Leader della finanza 
Data di nascita : 19-07-1953
Luogo di nascita : New York - Stati Uniti
Principali società : Starbucks Corporation
Biografia : Howard D. Schultz è presidente emerito di Starbucks Corp., presidente e amministratore delegato di...

Starbucks Schultz tornerà come CEO Johnson si ritira tra le battaglie sindacali

16-03-2022 | 13:43
FILE PHOTO: Starbucks CEO Kevin Johnson attends a press conference at the new Starbucks Reserve Roastery in Shanghai

L'ex amministratore delegato di Starbucks Corp. Howard Schultz tornerà a guidare l'azienda per la terza volta, assumendo il ruolo di amministratore delegato ad interim e guidando la strategia per affrontare una crescente spinta sindacale nei caffè statunitensi.

L'attuale amministratore delegato Kevin Johnson andrà in pensione e Starbucks cercherà un nuovo leader, ha detto mercoledì l'azienda. Le azioni della catena di caffè sono salite del 4,8%.

Schultz è praticamente sinonimo dell'azienda che ha rilevato nel 1987. L'ha trasformata in un colosso del caffè che ha reso i cappuccini venti un fenomeno globale.

"Schultz è un leader riverito e unicamente ben qualificato per dirigere" l'azienda, ha detto l'analista di Credit Suisse Lauren Silberman. Schultz riceverà 1 dollaro di compenso.

Il consiglio prevede di selezionare un nuovo leader entro l'autunno, con l'aiuto della ditta di ricerca di dirigenti Russell Reynolds Associates, che ha arruolato nel 2021. Schultz non è apparso durante la riunione annuale degli azionisti di mercoledì.

Separatamente, gli azionisti hanno votato contro una proposta affinché l'azienda produca rapporti annuali sulla prevenzione delle molestie e della discriminazione sul posto di lavoro.

Johnson ha segnalato al consiglio di amministrazione un anno fa che avrebbe potuto ritirarsi quando la pandemia di COVID-19 fosse diminuita, ha detto in una dichiarazione dell'azienda.

Johnson, 61 anni, è stato in Starbucks per 13 anni, gli ultimi cinque come amministratore delegato.

Johnson ha guidato l'azienda nel periodo peggiore della pandemia, quando i caffè di tutto il mondo hanno dovuto chiudere temporaneamente. Anche se inizialmente le vendite sono scese in picchiata, sono tornate a ruggire quando i clienti sono passati al to-go e al drive-thru e hanno fatto ordini sull'applicazione mobile di Starbucks.

L'azienda ha anche modificato il suo approccio alla costruzione di nuovi caffè e ora sta aggiungendo un maggior numero di negozi più piccoli con meno spazio per sedersi e più enfasi sugli ordini to-go nelle aree urbane, mentre aggiunge più spazio per il drive-thru nelle località suburbane.

Sotto la guida di Johnson, Starbucks ha anche aumentato più volte i salari dei dipendenti, prima della maggior parte delle altre catene di ristoranti globali. La paga oraria di partenza andrà da 15 a 23 dollari entro quest'estate.

SPINTA DEI SINDACATI

Il successo dell'applicazione mobile, però, ha portato a lunghe code e a dipendenti che lavorano troppo in alcune zone. Quel burnout dei baristi, così come le accuse di alcuni lavoratori di non essere sufficientemente protetti dal virus sul posto di lavoro, hanno contribuito ad un'impennata delle organizzazioni sindacali nelle sedi statunitensi.

Martedì, una commissione federale del lavoro ha accusato Starbucks di aver fatto ritorsioni illegali contro due dipendenti di un caffè di Phoenix, Arizona, per aver cercato di sindacalizzare il loro negozio.

Lo stesso giorno, un gruppo di investitori con 3,4 trilioni di dollari in gestione ha sollecitato l'azienda a smettere di inviare comunicazioni antisindacali ai suoi dipendenti e ad adottare una politica neutrale nei confronti dei sindacati.

Il gruppo, guidato da Trillium Asset Management e SOC Investment Group, ha detto che Starbucks rischiava di danneggiare la sua reputazione positiva come marchio a favore dei dipendenti combattendo il sindacato.

Schultz ha detto a lungo che Starbucks non ha bisogno di sindacati perché lavora così strettamente con i dipendenti, che chiama "partner".

Ha già avuto uno scontro con Workers United, il sindacato che ora rappresenta i dipendenti di sei negozi. I dipendenti di più di 140 negozi in 27 stati hanno chiesto le elezioni sindacali negli ultimi 7 mesi.

A novembre Schultz ha parlato ai dipendenti che erano stati convocati ad una grande riunione con i manager a Buffalo, dove il primo dei 9.000 punti vendita di Starbucks negli Stati Uniti stava decidendo se aderire al sindacato.

Nella riunione, Schultz ha paragonato la posizione pro-dipendenti di Starbucks a quella dei prigionieri dell'Olocausto nei campi di concentramento che condividono coperte, secondo quanto riportato dai media. Le osservazioni hanno provocato un contraccolpo sui social media.

"Schultz è venuto a Buffalo per distruggere i sindacati", ha scritto l'organizzatrice sindacale e barista Jaz Brisack su Twitter dopo la notizia di mercoledì. "La sua acquisizione è un'altra mossa nella guerra ideologica di Starbucks ai sindacati".

Johnson ha preso il timone dopo le dimissioni di Schultz nel 2017.

In una lettera ai dipendenti mercoledì, Johnson ha detto di avere "bei ricordi di quando preparavamo bevande insieme, ridevamo insieme e condividevamo storie tra di noi".

Starbucks "attirerà candidati CEO di alta qualità data la sua cultura, il riconoscimento globale del marchio e le forti prospettive di crescita", ha detto Andrew Strelzik, analista di BMO Capital Markets.

Poiché Johnson ha lavorato in precedenza nella tecnologia - presso Microsoft e Juniper Networks - è probabile che la ricerca del consiglio sia ampia. Tuttavia, "preferiamo vedere un amministratore delegato entrante con una forte esperienza nel settore del consumo", ha detto Strelzik.

Anche i CEO di Domino's Pizza Inc e Wingstop Inc si sono dimessi nelle ultime due settimane.

L'ex direttore operativo di Starbucks Troy Alstead, che ha lasciato nel 2016, "era amato dalla comunità degli investitori" e "dovrebbe essere nella breve lista" per il ruolo di CEO, ha detto Andrew Charles, analista di Cowen.

Diversi candidati interni potrebbero essere considerati, ma "la pubblicità della sindacalizzazione potrebbe essere un fattore che spinge l'azienda a guardare all'esterno", ha detto Charles.


© MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
ACCENT GROUP LIMITED -2.85%1.365 Prezzo in differita.-42.65%
CREDIT SUISSE GROUP AG 5.36%4.443 Prezzo in differita.-52.47%
DOMINO'S PIZZA GROUP PLC -2.17%225.6 Prezzo in differita.-49.74%
DOMINO'S PIZZA INC. -2.99%314.52 Prezzo in differita.-42.55%
JUNIPER NETWORKS, INC. -2.90%26.74 Prezzo in differita.-22.77%
S&P GSCI COFFEE INDEX 0.18%167.9631 Prezzo in tempo reale.-3.72%
STARBUCKS CORPORATION -2.60%87.03 Prezzo in differita.-22.95%
WINGSTOP INC. -3.55%128.32 Prezzo in differita.-23.01%