Login
E-mail
Password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaAgendaSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Anac : Busia, ok correttivi a codice appalti ma piu' urgenti riforme

18-06-2021 | 11:22

ROMA (MF-DJ)--"Alcuni correttivi" al codice degli appalti "sono necessari per semplificare le procedure, e noi stessi ce ne siamo fatti promotori, ma non illudiamoci che le sole modifiche normative possano rappresentare una panacea. Occorrono e sono probabilmente ancora più urgenti riforme sul piano amministrativo, organizzativo e funzionale".

Lo ha detto il presidente dell'Anac, Giuseppe Busia, nel corso della presentazione della Relazione annuale.

"I contratti pubblici sono da sempre oggetto di particolare attenzione da parte delle pubbliche amministrazioni, degli operatori economici e di tutti i cittadini - ha spiegato - Nel prossimo futuro lo saranno ancor di più, in quanto è attraverso essi che passerà la parte più significativa delle ingenti risorse legate all'attuazione del Piano di ripresa".

"Purtroppo - ha proseguito -il codice dei contratti pubblici è, da un lato, un cantiere sempre aperto, oggetto di continui interventi e modifiche e, dall'altro, un'opera incompiuta perché mancano ancora dei tasselli fondamentali per la sua attuazione, come la qualificazione delle stazioni appaltanti e la digitalizzazione".

Negli ultimi mesi, ha sottolineato Busia, "l'attenzione generale si è comprensibilmente concentrata sull'esigenza di rendere più celeri le procedure. Questo è fondamentale non solo per rispettare le precise scadenze legate all'utilizzo dei fondi europei, ma anche perché, a regime, abbiamo bisogno di recuperare il non giustificabile divario temporale che ci separa da altri paesi".

"Tuttavia - ha aggiunto - falliremmo se tale accelerazione portasse a trascurare che il vero obiettivo è quello di costruire infrastrutture solide e funzionali, di acquistare beni di qualità e a prezzi convenienti, di ricevere e fornire ai cittadini servizi più efficienti. Ciò, garantendo una sana competizione fra gli operatori economici ed evitando che in essa si inserisca e magari prevalga chi usa comportamenti scorretti o risorse ricavate in modo illecito".

E' quindi "doveroso preoccuparsi di fare in fretta, ma non dimentichiamo che il vero obiettivo è fare bene. Se non saremo capaci di ciò, avremo prodotto solo 'debito cattivo', come tanto autorevolmente è stato definito, non importa se debito nazionale o europeo, e il fardello ricadrà sulle prossime generazioni".

rov

(END) Dow Jones Newswires

June 18, 2021 05:21 ET (09:21 GMT)

Ultime notizie "Economia & Forex"
05:45Bitcoin balza del 12% ai massimi di sei settimane
23/07Nota di chiusura
DJ
23/07NOMISMA: mondo biologico punta al 30% superficie agricola bio entro il 2027
DJ
23/07IMPRESE: solo 10% leader in inclusione/diversity nelle funzioni tecnologiche
DJ
23/07LEXANT: per Executive Programme in Credit Management di Luiss Business School
DJ
23/07DEDAGROUP: riceve certificato Family Audit Executive
DJ
23/07GOVERNO: Lega, profonda irritazione per 5S e Pd
DJ
23/07COVID: 5.143 contagi e 17 vittime, tasso al 2,2%
DJ
23/07BANCHE: Bce non estende raccomandazione su dividendi oltre settembre
DJ
23/07TOP STORIES ITALIA: Colao, entro 2026 digitale 80% servizi pubblici
DJ
Ultime notizie "Economia & Forex"