Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie
Tutte le notizieSocietÓIndiciValute/ForexMaterie PrimeCriptovaluteETFTassiEconomiaTematicheSettori 

Analisi - La solidarietÓ sul gas dell'UE Ŕ complicata dalla mancanza di accordi di condivisione del carburante

29-07-2022 | 07:48
Illustration shows natural gas pipeline, EU and Russia flags

L'Unione Europea ha raggiunto un accordo questa settimana per far fronte alla crisi delle forniture di gas, ma per farlo funzionare gli Stati membri devono stabilire patti bilaterali per condividere il gas e, al momento, la maggior parte di essi non ha un accordo di questo tipo.

Solo sei accordi di questo tipo sono stati garantiti, lasciando la maggior parte dei 27 Paesi dell'UE senza termini precisi su come e quando condividere il gas in caso di crisi di approvvigionamento, o sulla compensazione finanziaria che darebbero o otterrebbero per farlo.

"(Gli accordi bilaterali) sono davvero... l'unica cosa che reggerà alla fine della giornata se ci sarà una vera crisi di approvvigionamento", ha detto Christian Egenhofer, ricercatore senior associato presso il Centro per gli Studi di Politica Europea.

"Organizzano le questioni legali, i risarcimenti, i vincoli finanziari ma anche quelli infrastrutturali", ha detto.

Temendo che la Russia possa bloccare completamente i flussi di gas, martedì i Paesi dell'Unione Europea hanno concordato di ridurre il consumo di gas del 15% durante l'inverno, per riempire lo stoccaggio e liberare carburante da condividere in caso di crisi di approvvigionamento.

Ma spetta ai singoli Paesi stabilire come avverrà in pratica la condivisione del carburante.

Le leggi dell'UE obbligano gli Stati membri a inviare gas a uno Stato vicino le cui famiglie o i cui servizi essenziali, come gli ospedali, devono affrontare una grave carenza. Per far sì che ciò avvenga, i governi stipulano accordi bilaterali. Tuttavia, solo otto Paesi sono coperti dai sei accordi finora stipulati, tra cui Germania e Austria, Estonia e Lettonia e Italia e Slovenia.

"Questo non è sufficiente", ha detto il mese scorso il capo della politica energetica dell'UE Kadri Simson, esortando i Paesi ad organizzare di più.

Una manciata di Paesi sta negoziando nuovi accordi bidirezionali, hanno detto i funzionari governativi. Un accordo tedesco-ceco dovrebbe essere firmato entro l'inverno, e la Germania sta lavorando su ulteriori accordi con la Polonia e l'Italia, ha detto il suo Ministero dell'Economia.

Ma alcuni Paesi che dipendono fortemente dal gas russo - come l'Ungheria, senza sbocco sul mare, che si è opposta all'accordo di questa settimana - non ne hanno. L'Italia e la Francia sono i maggiori consumatori di gas dell'UE dopo la Germania, potenza economica. L'Italia ha solo un accordo bilaterale sulla condivisione del gas di emergenza e la Francia non ne ha nessuno.

Un alto funzionario italiano ha detto che il Paese sta negoziando un accordo con la Grecia sullo stoccaggio del gas. Il Ministero dell'Energia francese non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Gli accordi di solidarietà mirano ad evitare una risposta di panico in caso di crisi di approvvigionamento e a ridurre il rischio che i Paesi accumulino carburante e si rifiutino di aiutare i loro vicini.

GARANTIRE LA CONDIVISIONE DEL GAS

Simone Tagliapietra, senior fellow presso il think tank Bruegel, ha suggerito che l'UE dovrebbe implementare un sistema di compensazione più ampio, in cui i Paesi paghino gli altri Stati membri per risparmiare e condividere il gas.

"Senza un tale meccanismo di compensazione, sarà difficile garantire la solidarietà", ha detto, aggiungendo che la Germania, la più grande economia europea, che dipende fortemente dal gas russo, dovrebbe essere la prima a contribuire.

Senza termini più precisi sulla condivisione del gas, "potremmo non vedere tutta la solidarietà che attualmente vediamo sulla carta trasformarsi in molecole che si muovono in Europa", ha aggiunto Tagliapietra.

L'idea di una compensazione potrebbe piacere a Stati come la Grecia e la Spagna, che inizialmente si sono opposti alla richiesta di Bruxelles di utilizzare meno gas per aiutare Paesi che per anni hanno coltivato legami energetici più stretti con Mosca.

La Spagna non dipende dal gas russo, e i diplomatici dell'UE hanno detto che l'appello di Bruxelles alla solidarietà ha irritato alcune capitali che ancora risentono delle aspre critiche della Germania alle politiche economiche degli Stati del Sud durante le passate crisi finanziarie.

Dopo che i Paesi dell'UE hanno approvato i limiti al gas martedì, tuttavia, il Ministro dell'Energia spagnolo Teresa Ribera ha assunto un tono più conciliante, esprimendo la volontà di rafforzare la capacità di importazione di gas naturale liquefatto della Spagna "a beneficio di tutti".

Anche il Ministro dell'Economia tedesco Robert Habeck si è impegnato, "come parte della solidarietà europea", a mantenere il flusso di gas ai suoi vicini, tra cui Austria e Repubblica Ceca.

La Germania è stata finora il Paese più attivo nel cercare accordi di solidarietà con i vicini. Oltre ad essere il maggior consumatore di gas in Europa, i gasdotti tedeschi sono le vene attraverso le quali il gas raggiunge molti Stati centrali e orientali.

Tuttavia, alcuni sembrano non essere disposti a collaborare. L'Ungheria questo mese ha dichiarato che smetterà di esportare combustibili ad altri Paesi. Anche la Polonia ha assunto un tono scettico sulla condivisione delle forniture.

L'accordo a livello europeo di martedì è stato approvato da tutti i 27 membri tranne l'Ungheria, che inizialmente si era anche opposta alle sanzioni petrolifere dell'UE contro la Russia. L'accordo stabilisce dei limiti volontari all'uso del gas che possono essere resi vincolanti in caso di crisi di approvvigionamento. Ma includeva una serie di esenzioni e deroghe per Paesi e industrie che, secondo alcuni analisti, significava che se la Russia avesse interrotto i flussi, sarebbero stati necessari limiti più severi e la condivisione tra Stati per garantire l'approvvigionamento.

Un diplomatico dell'UE ha affermato che, in ultima analisi, è nell'interesse dei Paesi aiutarsi l'un l'altro, poiché una crisi economica o una carenza di gas in uno di essi - in particolare in Germania - si ripercuoterebbe sul blocco.

"Se la Germania cade, ognuno di noi cadrà con la Germania", ha detto il diplomatico.


ę MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
BRENT OIL -1.57%86.05 Prezzo in differita.1.71%
S&P GSCI NATURAL GAS INDEX 0.04%133.3926 Prezzo in tempo reale.-36.36%
US DOLLAR / RUSSIAN ROUBLE (USD/RUB) 1.23%70.627 Prezzo in differita.-3.48%
WTI 0.00%79.45 Prezzo in differita.0.75%
XRP (XRP/BTC) 0.56%1.79E-5 Prezzo di chiusura.-12.21%
XRP (XRP/EUR) 1.06%0.3796 Prezzo di chiusura.20.09%
XRP (XRP/USD) 0.83%0.4127 Prezzo di chiusura.21.85%
Ultime notizie "Economia"
28/01Memphis scioglie l'unità di polizia per il pestaggio mortale; si prevedono altre proteste
MR
28/01L'Ucraina smentisce la notizia che intende ottenere 24 jet dagli alleati - media
MR
28/01Rheinmetall si avvia verso un portafoglio ordini di 30 miliardi di euro - CEO
MR
28/01Le chiese revivaliste del Congo attirano i cattolici
MR
28/01Il generale ceco in pensione punta a battere il magnate ex-PM nella corsa presidenziale
MR
28/01Russia: impennata dei trasferimenti di denaro all'estero
AW
28/01La rassegna settimanale di Borsa : La Fed torna in pista
MS
28/01Il Sudafrica chiede a MTN e al Ghana di risolvere una controversia fiscale da 773 milioni di dollari
MR
28/01I partner per lo sviluppo impegnano 30 miliardi di dollari per la produzione alimentare in Africa
MR
28/01Il governo del Ghana e gli operatori del mercato dei capitali concordano i termini di scambio del debito nazionale
MR
Ultime notizie "Economia"