Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie
Tutte le notizieSocietÓIndiciValute/ForexMaterie PrimeCriptovaluteETFTassiEconomiaTematicheSettori 

Analisi - Lo smacco di Kohl per le grandi operazioni di vendita e leasing crea un nuovo scontro con gli hedge fund

22-11-2022 | 12:04
FILE PHOTO: A car drives by the Kohl's department store in Arvada

La riluttanza di Kohl's Corp a vendere gran parte dei suoi immobili per poi riaffittarli ha messo l'operatore dei grandi magazzini statunitensi di fronte ad un nuovo confronto con gli hedge fund.

Macellum Capital Management LLC e Ancora Advisors LLC sono tra gli hedge fund che hanno esercitato pressioni su Kohl's affinché incassi le attività e restituisca denaro agli azionisti, dopo aver lanciato sfide negli ultimi due anni che hanno portato tre nuovi ingressi nel consiglio di amministrazione dell'azienda.

La posta in gioco è alta. Le azioni di Kohl's sono scese del 37% da un anno all'altro, il doppio del calo del mercato azionario più ampio, in quanto gli investitori sono preoccupati per il crollo delle vendite dopo che l'azienda con sede a Menomonee Falls, nel Wisconsin, ha cercato senza successo di vendersi nella prima metà del 2022.

Kohl's, il cui amministratore delegato Michelle Gass ha annunciato questo mese di voler lasciare l'azienda per unirsi al produttore di jeans Levi Strauss & Co, potrebbe essere oggetto di un'altra contestazione per delega in occasione dell'assemblea annuale degli azionisti che si terrà la prossima primavera, a meno che non riesca a risollevare le sue sorti, hanno scritto gli analisti di Morningstar la scorsa settimana.

La vendita di leasing consente ai rivenditori di raccogliere capitali senza perdere negozi, vendendo gli immobili sottostanti e trasformandoli da proprietari in affittuari. I fautori di questa strategia sostengono che la mossa può sbloccare il valore nascosto dell'azienda. I critici affermano che i contratti di locazione presunti sono un'altra forma di debito che rende più onerose le finanze di un'azienda. Inoltre, sottolineano che le aziende spesso spendono il denaro in riacquisti di azioni e dividendi, anziché investire nella loro attività.

Kohl's ha sfidato Macellum e Ancora la scorsa settimana, quando il suo direttore finanziario Jill Timm ha dichiarato, durante la telefonata sugli utili del terzo trimestre, che l'azienda avrebbe continuato a valutare potenziali vendite-rilasci, ma non si sarebbe impegnata in alcuna "transazione trasformativa". Ha citato "la volatilità del mercato e l'attuale ambiente dei tassi", senza approfondire.

Il motivo per cui il consiglio di amministrazione di Kohl's ha deciso di non procedere a una grande vendita-leasing è che era preoccupato per l'impatto finanziario che avrebbe avuto sulla sua salute finanziaria, secondo le persone che hanno familiarità con la questione e che hanno richiesto l'anonimato per discutere le deliberazioni. I direttori del consiglio di amministrazione che hanno condotto la revisione erano preoccupati che il crollo delle vendite dell'azienda avrebbe reso rischioso l'aumento delle sue passività, hanno aggiunto le fonti.

I portavoce di Kohl's, Macellum e Ancora hanno rifiutato di commentare.

S&P ha tagliato il rating di Kohl's a settembre, evidenziando lo stato precario delle sue finanze. Ciò è avvenuto dopo che le sue vendite nette sono scese del 51% a 3,9 miliardi di dollari nel secondo trimestre, in quanto gli acquirenti l'hanno snobbata a favore delle catene di discount e dei rivenditori online. Alla fine di ottobre, il suo debito ammontava a 1,5 miliardi di dollari.

La società di private equity Oak Street Real Estate Capital LLC ha fatto un'offerta a settembre per acquisire fino a 2 miliardi di dollari di proprietà da Kohl's e far sì che il retailer statunitense affittasse i suoi negozi, ha riferito Reuters all'epoca. Non è chiaro quanti dei 1.100 negozi Kohl's sarebbero stati coinvolti in un eventuale accordo.

È ancora possibile che Kohl's, che è in procinto di trovare un nuovo amministratore delegato, si impegni in un numero limitato di vendite-leaseback, come ha fatto in precedenza. Nel 2020, ha venduto e poi riaffittato due centri di adempimento e distribuzione di San Bernardino, intascando 193 milioni di dollari dopo le spese, che ha utilizzato per rafforzare la sua posizione di cassa.

In occasione di una conferenza di settore di Goldman Sachs, tenutasi a settembre, Timm ha affermato che la vendita e il leasing di San Bernardino sono stati interessanti perché i contratti di locazione avevano una durata breve di cinque anni che le consentiva di essere flessibile in caso di cambiamento delle circostanze. Non vorrebbe accettare un contratto di locazione di 20 anni, come fanno alcuni operatori del settore, ha aggiunto.

"Chi può sapere come sarà la vendita al dettaglio tra 20 anni. Voglio assicurarmi di fare un accordo che ci dia la flessibilità finanziaria per gestire questa azienda a lungo termine", ha detto Timm.

Timm ha aggiunto che il tasso di cap del 4,5% sull'affare di San Bernandino - una misura del suo costo - è stato finanziariamente più vantaggioso di un'obbligazione emessa da Kohl's durante la pandemia COVID-19.

SPESE DI AFFITTO

In una lettera agli azionisti di marzo, in cui difendeva la sua strategia dalle critiche del fondo hedge Macellum Capital Management LLC, Kohl's ha affermato che una vendita-leaseback "di grandi dimensioni" avrebbe "un impatto negativo sui margini, aggiungendo spese di affitto non necessarie in perpetuo e mettendo a rischio il rating investment-grade di Kohl's".

Ha citato l'esempio del rivenditore Big Lots Inc, che sotto la pressione di Macellum e di altri hedge fund ha sottoscritto contratti di locazione di 15 e 20 anni per quattro centri di distribuzione, raccogliendo 725 milioni di dollari, per poi vedere i suoi margini operativi crollare.

Big Lots non ha risposto a una richiesta di commento.

In un altro esempio di vendita di leasing che ha aggravato i problemi finanziari di un rivenditore, Bed Bath & Beyond Inc ha raccolto 250 milioni di dollari con la vendita di leasing per i suoi negozi, un impianto di distribuzione e spazi per uffici, per poi trovarsi di fronte a una crisi di liquidità e a una lotta per trovare il modo di uscire dai contratti di locazione.

Bed Bath & Beyond non ha risposto a una richiesta di commento.

Esistono tuttavia esempi di aziende, come Life Time Fitness e Walgreens Boots Alliance Inc, che effettuano vendite-leaseback senza gravare sulle loro finanze. Si tratta in genere di operazioni più piccole rispetto alle loro dimensioni, che consentono loro di ottenere maggiori rendimenti nella loro attività rispetto a quelli che ottengono nel settore immobiliare.

"In generale, ritengo che un rivenditore stabile con una gestione stabile, che si preoccupa della performance a lungo termine dell'attività, sia molto più adatto a controllare il proprio destino piuttosto che essere soggetto ai capricci degli accordi di leaseback", ha dichiarato Mark Cohen, direttore degli studi sul commercio al dettaglio presso la Columbia Business School.


ę MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
BIG LOTS, INC. -2.46%17.04 Prezzo in differita.15.92%
KOHL'S CORPORATION -4.08%33.14 Prezzo in differita.31.25%
LEVI STRAUSS & CO. -3.39%17.65 Prezzo in differita.13.72%
LIFE TIME GROUP HOLDINGS, INC. -2.21%19.07 Prezzo in differita.59.45%
MORNINGSTAR, INC. -0.96%242.85 Prezzo in differita.12.12%
WALGREENS BOOTS ALLIANCE, INC. -0.49%36.56 Prezzo in differita.-2.14%
Ultime notizie "Economia"
13:26Terna: 1* società elettrica al mondo nel 'Sustainability Yearbook 2023' S&P
DJ
13:20Gli investitori guidati da BlackRock nei gasdotti di Aramco avviano la vendita di obbligazioni
MR
13:20L'indiana Voltas registra una perdita nel terzo trimestre a causa dell'interruzione dei contratti
MR
13:20Intesa Sanpaolo : Profumo; dati 2022 oltre aspettative, merito ottimo management
DJ
13:18Enea: rileva inquinanti nell'acqua con sistema laser innovativo
DJ
13:18Gefran : Ebitda cons prel 2022 sale a 24,6 mln (+9,7% a/a)
DJ
13:16L'autorità di regolamentazione sudcoreana fa i nomi delle aziende straniere multate per vendite allo scoperto nude
MR
13:16B.Mps : F.Profumo; su investimento ad oggi risultato positivo, ha reagito bene anche Borsa
DJ
13:14B.Mps : F.Profumo, su rinnovo cda per ora non sappiamo nulla
DJ
13:12Sudafrica: problemi energetici mettono a rischio fornitura metallìi
DJ
Ultime notizie "Economia"