Login
E-mail
Password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietàMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaAgendaSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Bitcoin : la maggioranza studia tassa (MF)

24-02-2021 | 08:16

MILANO (MF-DJ)--Maggioranza al lavoro per dare un quadro chiaro alla tassazione delle criptovalute. In piena fase da montagne russe per l'andamento del bitcoin, il progetto sta prendendo forma.

Secondo quanto risulta a MF-Milano Finanza, la base di partenza sono i contenuti di un emendamento presentato dal Movimento 5 Stelle all'ultima Legge di Bilancio, non andato in porto. Con la proposta i criptoasset troveranno definitivamente spazio all'interno del quadro RW della dichiarazione dei redditi, dove viene segnalata la detenzione, da parte di persone fisiche residenti in Italia, di investimenti o altre attività di natura finanziaria all'estero, suscettibili di produrre reddito imponibile in Italia. Già oggi gli investimenti sono dichiarati, segnalando la cifra investita, anche se non mancano contestazioni ad esempio per le caratteristica di conservazione delle valute virtuali nei wallet (portafoglio elettronico) che secondo una scuola di pensiero non possono però essere assimilati a investimenti all'estero anche per la mancanza di una sede fisica.

L'intenzione è quella di dare una cornice certa a quanto già avviene per prassi anche in base alle istruzioni fornite dall'Agenzia delle entrate, anche in base a una sentenza del Tar Lazio di febbraio 2020. Le valute virtuali per i giudici amministrativi sono strumenti finanziari soggetti a «monitoraggio fiscale» e tassazione e a loro si applicano i principi che regolano le operazioni riguardanti le valute tradizionali. Quindi per normare la materia, in base a quanto previsto dall'emendamento, le plusvalenze derivanti dal pagamento o dalle conversione in euro o altre valute della criptomonete concorre a formare reddito se il controvalore supera i 51.645,69 euro per sette giorni lavorativi consecutivi. Nel caso non sia possibile documentare il costo d'acquisto, secondo quanto previsto dalla modifica inizialmente prevista per la manovra, la plusvalenza sarà parametrata al 25% di quanto ricevuto in pagamento o con la conversione. Il provvedimento entrava anche in una serie di definizioni, ad esempio quello di unità matematica o ancora dei prestatori di servizi di cambio di valute virtuali.

fch

(END) Dow Jones Newswires

February 24, 2021 02:15 ET (07:15 GMT)

Ultime notizie "Economia & Forex"
19/04Nota di chiusura
DJ
19/04STUDI LEGALI : Gianni & Origoni lancia il Focus Team Esg
DJ
19/04COVID : Inps, in arrivo circolare su bonus 2.400 euro
DJ
19/04UPMC : al via nuovo modello assistenza domiciliare digitale
DJ
19/04SUPER LEAGUE : Premier League convoca club, esclusi i sei fondatori (stampa)
DJ
19/04ICF : accordo per acquisto ramo d'azienda Morel
DJ
19/04MIKRO KAPITAL/CONFLOMBARDIA : insieme per supportare Pmi
DJ
19/04TOP STORIES ITALIA : Sabatini, bene riesame Eba linee guida su rischio
DJ
19/04Bper cede 370 milioni euro Utp, sta per chiudere nuova cessione per 52 milioni euro
RE
19/04Tim, Antitrust avvia istruttoria su acquisto rami d'azienda Bt Italia
RE
Ultime notizie "Economia & Forex"