Il tema di fondo alla base della salita dei listini rimane quello legato alla scommesse degli investitori sulla discesa dei tassi delle banche centrali dopo il calo dell'inflazione più rapido delle attese e la crescente possibilita di uno scenario di 'soft landing' dell'economia.

Intorno alle 9,40 il Ftse Mib avanza dello 0,25% ritoccando i massimi da giugno 2008 e dopo avere chiuso il mese di novembre con un guadagno del 7,2%.

Sul listino principale spicca CNH Industrial, in rialzo di oltre il 2% dopo che l'agenzia S&P Global Ratings ha alzato il rating a lungo termine a 'BBB+' da 'BBB'.

Acquisti anche sul settore bancario, comparto che trascina le performance della borsa milanese fin da inizio anno. Tra i più gettonati di avvio seduta MPS e Bper con rialzi di circa un punto e mezzo percentuale.

Prysmian sale dell'1% circa in scia alla notizia, annunciata ieri appena prima della chiusura di borsa, sull'aggiudicazione di una commessa del valore di circa 850 milioni di euro assegnata da Eastern Green Link 1 Limited.

Moncler, Diasorin e Amplifon in fondo al Ftse Mib con cali attorno all'1%.

Fuori dal listino principale in gran rialzo Technogym (+7%) dopo che Nif Holding, controllata della saudita Neom investment fund, ha chiuso l'operazione di acquisto, attraverso un reverse accelerated bookbuilding, di circa 8,8 milioni di azioni al prezzo di 9,2 euro ben sopra il prezzo di chiusura di ieri di 7,99 euro.

(Andrea Mandalà, editing Stefano Bernabei)