I rendimenti dei titoli di Stato della zona euro e Usa sono in calo, con i mercati che hanno aumentato le loro scommesse su futuri tagli dei tassi dopo che i dati dello stato tedesco della Renania Settentrionale-Vestfalia hanno confermato le attese di un abbassamento dell'inflazione tedesca. Inflazione in discesa anche in Spagna che su base annua si attesta a 3,2% a novembre.

Intorno alle 9,30 il Ftse Mib avanza dello 0,22%.

In netto calo Campari a -1,1% dopo che JP Morgan ha tagliato la sua raccomandazione sul titolo a 'Underweight' da 'Neutral', abbassando il target price a 8,30 euro da 11.

Venduta anche Tim in flessione di poco meno dell'1%, mentre si inasprisce la battaglia con gli avvocati di di Vivendi che stanno continuando a lavorare sul ricorso contro la decisione del Cda di vendere la rete fissa del gruppo.

Ben raccolta Saipem (+1,6%). Stamani la Oil service ha annunciato che si è aggiudicata due contratti offshore, uno in Guyana e l'altro in Brasile, del valore di circa 1,9 miliardi di dollari. Secondo Banca Akros, "questi contratti confermano che il mercato offshore continua a crescere e la forte posizione competitiva di Saipem".

Fra le banche, acquisti su Mps in crescita del 2,5% a 3,065 euro, a un passo da 3,072 euro, il valore del titolo precedente al collocamento del 25% da parte del Tesoro la scorsa settimana.

Rimbalza il lusso con Cucinelli in salita dello 0,9% nel giorno in cui Ftse Russel dovrebbe annunciare l'ingresso delle azioni nell'indice delle blue chip a partire dal 18 ottobre, bene anche Tod's e Ferragamo rispettivamente a +0,9% e +0,5%.

(Giancarlo Navach, editing Andrea Mandalà)