Wall Street è chiaramente in difficoltà, avendo perso il sostegno del segmento tecnologico. Ho messo nel mio paniere le 15 maggiori società statunitensi per vedere come si sono comportate la scorsa settimana: solo 3 si sono mosse in verde. Berkshire Hathaway, di proprietà di Warren Buffett, il nonno del mercato azionario, è l'emblema della cautela. JPMorgan Chase, la più grande banca statunitense, rimane in una posizione redditizia finché i tassi d'interesse sono alti e l'economia rimane forte. E UnitedHealth, la compagnia di assicurazione sanitaria che ancora una volta ha sorpreso tutti con la sua performance incrollabile, anche se i suoi rivali sono in difficoltà. UnitedHealth è il titolo più pesante del Dow Jones, il che spiega in parte il rialzo dello 0,3% dell'indice più antico d'America durante la settimana, mentre il Nasdaq 100 è sceso del 5,4%. È un po' come quando il vecchio giocatore esperto ha appena battuto il suo giovane avversario e gli dice "ti sei difeso bene, ma devi ancora imparare alcune cose".

Il lato negativo, tuttavia, brucia. La superstar Nvidia è scesa di quasi il 14% durante la settimana, così come Tesla. La capitalizzazione di mercato di Exxon Mobil ha appena superato quella del gruppo di Elon Musk. È un'altra dimostrazione dello scontro tra il vecchio mondo e il nuovo. Apple, Microsoft, Alphabet e Meta hanno opposto resistenza, ma hanno perso più del 5%. Il settore dei semiconduttori, oltre a Nvidia, ha sentito il terreno aprirsi sotto i piedi dopo che Taiwan Semiconductor Manufacturing (TSMC) ha rivisto al ribasso le sue previsioni.

Ma questo avvertimento da parte di TSMC è quasi storia passata. La grande notizia è la momentanea scomparsa delle speranze di un taglio dei tassi negli Stati Uniti, che riapre alcune ferite e nuove congetture. Troppa inflazione perché la Fed si senta tranquilla. Anche i banchieri centrali dovish hanno dovuto fare i conti con la loro confiteor: erano troppo ottimisti. I mercati azionari hanno tardato a capire che questa volta era tutto vero. Se la politica monetaria non prenderà una piega più favorevole, almeno non nell'immediato, è logico che i titoli tecnologici soffriranno per primi. E poiché questi sono di gran lunga i titoli più pesati negli Stati Uniti, ci ritroveremo con gli indici a mezz'asta. A meno che non abbiate la fortuna di avere UnitedHealth in casa, ma questo è un dato aneddotico.

Tuttavia, vale la pena notare che i mercati europei, che sono meno all'avanguardia nell'IA e hanno meno campioni tecnologici, stanno facendo molto bene. L'Ibex35 spagnolo ha guadagnato lo 0,41%, il Dax tedesco ha perso l'1,08%, il FTSE MIB italiano lo 0,12% e CAC40 francese  ha guadagnato lo 0,1% la scorsa settimana, grazie ai risultati rassicuranti del Made in France, con LVMH e L'Oréal in testa. Inoltre, la Banca Centrale Europea ha ancora la possibilità di tagliare i tassi a giugno. E questo conta. L'EURO STOXX 50 ha guadagnato l'8,8% dal 1° gennaio, mentre il Nasdaq ha ridotto i suoi guadagni all'1,2%.

Questa settimana è un po' cruciale, perché sarà ricca di risultati societari. Di settimane cruciali sul mercato azionario ce ne sono parecchie, ma diciamo che questa sarebbe stata importante comunque, ma lo è ancora di più perché i mercati azionari sono meno vivaci. I gruppi in agenda sono una cinquantina, con un peso di oltre 100 miliardi di euro. Ciò significa che ci saranno centinaia di gruppi più piccoli. In Europa, i grandi nomi sono SAP, Novartis, Roche, Air Liquide, Hermès, Nestlé, Sanofi, Schneider e TotalEnergies. Negli Stati Uniti, Tesla, Meta, IBM, Qualcomm, Boeing, Microsoft, Alphabet e Intel. È ovvio che i titoli tecnologici statunitensi saranno sotto i riflettori.

Ecco alcune cose da ricordare per iniziare bene la settimana:

  • I legislatori statunitensi hanno raggiunto un accordo bipartisan per liberare fondi per l'Ucraina. Il pacchetto non è così ambizioso come si sperava, ma è comunque sostanzioso.
  • La situazione tra Israele e Iran non si è aggravata nel fine settimana, contribuendo a mantenere bassi i prezzi del petrolio. Il Wall Street Journal pubblica un articolo ben documentato su come la Casa Bianca abbia lavorato dietro le quinte per evitare un'escalation.
  • Venerdì è avvenuto il quarto dimezzamento del bitcoin. Questo dimezzamento della retribuzione dei minatori che creano la criptovaluta avviene ogni 210.000 blocchi. La ricompensa per il mining di un blocco è scesa da 6,25 a 3,125 bitcoin. Il prossimo dimezzamento avverrà nel 2028. La criptovaluta più famosa è attualmente scambiata a poco meno di 66.000 dollari per unità.
  • Nell'agenda economica della settimana, negli Stati Uniti troveremo la prima stima del PIL del primo trimestre (giovedì) e l'inflazione PCE di marzo (venerdì). Il mercato sarà anche interessato alla decisione della Banca del Giappone sui tassi di interesse (giovedì sera), con uno status quo in vista ma un aggiornamento sulle prospettive dell'inflazione. Gli indicatori anticipatori PMI di aprile (martedì) completano il quadro.

In Asia-Pacifico, questa mattina i mercati cercano di rimbalzare dopo i postumi delle sedute precedenti. In Giappone, il Nikkei 225 è rimbalzato dello 0,6%, dopo il calo di oltre il 6% della scorsa settimana. Corea del Sud, India e Australia hanno guadagnato tra lo 0,5% e l'1%. Hong Kong è salita di quasi il 2%. La Cina continentale, invece, ha registrato un lieve calo. I principali indici europei sono in verde, mentre i futures statunitensi indicano una ripresa dopo l'epurazione della scorsa settimana.

I punti salienti della giornata di oggi

Alle 14:30 verrà pubblicato l'indice di attività nazionale della Fed di Chicago per gli Stati Uniti. Consulta l'agenda completa qui.

L'euro è scambiato a 1,0665 USD. L'oncia d'oro perde terreno a 2,372 USD. I prezzi del petrolio sono in calo, con il Brent del Mare del Nord a 86,51 dollari al barile e il greggio leggero statunitense WTI a 81,50 dollari. Il rendimento del debito decennale statunitense ha raggiunto il 4,66%. Il Bitcoin è scambiato a 65.753 dollari.*

In Italia
  • Generali ha investito circa 77 milioni di euro a livello centrale e assunto 29 persone nella sola capogruppo per attuare tre piani di trasformazione della sicurezza che hanno coinvolto tutti i Paesi del gruppo con "l'obiettivo di migliorare ulteriormente la nostra posizione di sicurezza adottando soluzioni avanzate di cybersecurity".
  • Digital Value Spa ha firmato venerdì un'offerta vincolante che regola i principali termini dell'acquisizione di una quota del 100% del capitale sociale di Infordata Spa, con sede in Spagna, per un importo fisso di 22 milioni di euro.
  • Tessellis Spa ha annunciato venerdì di aver ricevuto una comunicazione da Jefferies Financial Group Inc. in relazione all'acquisizione della quota di controllo indiretto.
  • Pininfarina Spa ha annunciato venerdì che il Consiglio di Amministrazione ha nominato all'unanimità Lucia Morselli nuovo Presidente del Consiglio di Amministrazione, in seguito alla scomparsa di Paolo Pininfarina.
  •  Il consiglio di amministrazione di Iveco Group NV ha annunciato che Olof Persson sostituirà Gerrit Marx nel ruolo di CEO del gruppo con decorrenza dal 1° luglio, quando Gerrit Marx lascerà Iveco Group per assumere l'incarico di CEO in CNH Industrial NV.
  • Monnalisa Spa ha fatto sapere venerdì che il consiglio di amministrazione ha approvato il perfezionamento di un'operazione con parti correlate con Jafin Srl avente ad oggetto la riduzione dei canoni di affitto relativi a due immobili siti in Milano e la risoluzione per mutuo consenso del contratto di locazione avente ad oggetto l'immobile sito ad Arezzo.
  • Telecom Italia (TIM) ha valutato la sua attività di cavi sottomarini Sparkle a 481 milioni di euro (521 milioni di dollari) al 31 dicembre 2023, a seguito di una svalutazione di 107 milioni registrata nel corso dell'anno.

Nel mondo

Grandi (e piccoli) annunci

In Europa

  • Secondo la SonntagsZeitung, a giugno inizieranno cinque ondate di licenziamenti presso UBS.
  • GTT annuncia un aumento dei ricavi nel primo trimestre e nomina Jean-Baptiste Choimet come CEO a partire dal 12 giugno.
  • Icade annuncia un leggero aumento del fatturato nel primo trimestre, ma un calo del 6,5% del portafoglio ordini.
  • Henkel è alla ricerca di acquisizioni, ha dichiarato il suo CEO a FAZ.
  • Venerdì la Spagna ha segnalato di essere aperta a un'eventuale offerta pubblica di acquisto per la società energetica Naturgy da parte di TAQA di Abu Dhabi, affermando che il governo difenderà i propri interessi strategici, ma che ciò non significa che bloccherà l'operazione.
  • Endesa inaugura il suo primo hub di ricarica ultraveloce sull'autostrada A-2.
  • Aena distribuirà un dividendo di 7,66 euro per azione il 7 maggio.
  • Alstom ha venduto le sue attività di segnalamento convenzionale negli Stati Uniti a Knorr-Bremse per 630 milioni di euro.
  • La proposta di acquisizione della rete fissa di Telecom Italia da parte della società di private equity statunitense KKR sarà soggetta alla decisione delle autorità europee per la concorrenza entro il 30 maggio.
  • Ipsen firma un accordo di sviluppo con Skyhawk Therapeutics per la ricerca di RNA per malattie neurologiche rare, con pagamenti anticipati e milestone fino a 1,8 miliardi di dollari, escluse le royalties.
  • Hindenburg Research non ha smesso di opporsi a Temenos, pubblicando un nuovo comunicato stampa.

Nelle Americhe

  • Tesla abbassa i prezzi in tutto il mondo, sia per i suoi veicoli che per il suo software di guida autonoma. Tesla, la cui capitalizzazione di mercato ha superato quella di Exxon Mobil per la prima volta dall'inizio del 2023.
  • I lavoratori canadesi dell' Airbus A220 rifiutano un accordo di principio.
  • Le trattative tra Salesforce e Informatica si interrompono, secondo il WSJ.
  • Blackstone si offre di acquistare Hipgnosis per 1,24 dollari per azione.
  • Dopo la vittoria nello stabilimento Volkswagen, l'UAW affronta la Mercedes in Alabama.
  • Embraer consegna 25 aerei nel primo trimestre e riporta un portafoglio ordini al livello più alto degli ultimi sette anni.
  • Nike licenzia 740 persone nella sede centrale dell'Oregon.

Asia-Pacifico

  • La casa automobilistica cinese Li Auto riduce i prezzi delle auto per guadagnare quote di mercato.
  • Lo sviluppatore cinese Landsea non rimborsa le sue obbligazioni offshore.
  • Honda investirà 808 milioni di dollari in Brasile entro il 2030.
  • Il produttore cinese BYD svela il nome del suo pick-up elettrico: "Shark".
  • Air New Zealand rivede al ribasso le sue previsioni.

Principali pubblicazioni del giorno: SAP, Sandvik, Verizon, Cadence Design... Consulta l'agenda completa qui.

Letture