Nella maggior parte dei casi, il mercato azionario si muove agevolmente verso l'alto e i blocchi regionali registrano performance abbastanza omogenee. Nei mercati occidentali, ad esempio, tutti sono saliti negli ultimi 30 anni, tutti hanno subito il crollo della bolla di internet, il flop della crisi dei subprime o lo scoppio del crollo del covide/rimbalzo dell'express. Questo è il quadro generale. Se si ingrandisce, il quadro diventa più granulare. I mercati statunitensi, ricchi di tecnologia, tendono a sovraperformare la media. Il FTSE 100 del Regno Unito è rimasto indietro dopo la Brexit. L'indice greco ATHEX è stato il migliore in Europa per due anni, ma è ancora in calo del 50% rispetto al 2009 a causa della crisi del debito del Paese.

Naturalmente gli investitori si chiedono se le turbolenze politiche in Francia possano essere un "cigno nero" per il Paese. Questo termine viene utilizzato regolarmente in finanza da quando è stato (ri)coniato da Nassim Taleb nel 2001. Si riferisce a un evento imprevedibile o considerato altamente improbabile che si verifichi, con conseguenze importanti e spesso gravi.

Al momento, tutti si riducono a fare previsioni azzardate. In attesa di un quadro più chiaro, gli investitori applicano un premio di rischio aggiuntivo alla Francia e riducono la loro esposizione. Da qui la forte contrazione del CAC40 la scorsa settimana: -6,3% in cinque sedute. Un simile calo settimanale è raro. Ho tracciato altre due brusche sequenze su un grafico vecchio stile negli ultimi quattro anni:

  • Un calo del -10,2% nella settimana del 28 febbraio 2022, corrispondente alle conseguenze dell'invasione russa dell'Ucraina e al suo corollario, l'aumento dei prezzi dell'energia.
  • Un calo del -6,4% nella settimana del 26 ottobre 2020, dopo che Emmanuel Macron (ancora lui!) ha annunciato un secondo contenimento legato alla Covidae.

Il calo di oltre il 6% registrato in Francia la scorsa settimana in seguito all'annuncio dello scioglimento dell'Assemblea nazionale è quindi un evento importante. Sarà peggio per il mercato di Parigi? La risposta è ancora da vedere. Per il momento, la tettonica delle previsioni ha prevalso e il principio di precauzione ha portato a una contrazione generale degli indici francesi, che si è estesa ad altri Paesi (con gli indici dell'Europa meridionale più colpiti di quelli del nord). Alcuni settori sono stati più colpiti: quello bancario, che ha subito un generale deterioramento delle condizioni economiche e finanziarie (-12% durante la settimana in Francia). Le concessioni e i servizi di pubblica utilità (-11% durante la settimana in Francia), che i finanzieri sanno saranno penalizzati dalle politiche giacobine, sia di sinistra che di estrema destra. È probabile che la pressione rimanga forte fino al verdetto del primo turno delle elezioni politiche anticipate a fine mese.

Nel frattempo, gli Stati Uniti continuano la loro ascesa. Per essere chiari, i principali titoli tecnologici statunitensi continuano a salire. Il Nasdaq 100 ha guadagnato lo 0,4% venerdì, stabilendo un nuovo record, e il 3,5% per la settimana. Allo stesso tempo, gli indici Dow Jones e Russell 2000 delle piccole e medie imprese statunitensi hanno perso terreno in cinque sedute. Continuiamo a vedere uno schema in cui i titoli più performanti hanno la meglio, mentre il resto del mercato vacilla. Questo è sorprendente, dato che la banca centrale statunitense ha confermato che il ciclo di riduzione dei tassi inizierà quest'anno. Forse Wall Street ha finalmente smesso di dare credito all'allentamento della politica monetaria e aspetta di vedere prima di credere. Nel frattempo, le grandi piattaforme si stanno rimpinzando: dopo i guadagni tra il 4% e il 9% della scorsa settimana, Microsoft, Apple e Nvidia sono tutte a un fazzoletto di distanza l'una dall'altra, con circa 3,3 trilioni di dollari di capitalizzazione di mercato. Questo nuovo triumvirato ha ampliato notevolmente il divario con Amazon, Alphabet e Meta. Ma tutte e sei hanno registrato guadagni significativi dal 1° gennaio, schiacciando tutto ciò che si trovava sul loro cammino.

Tra le notizie del fine settimana:

  • In Cina, le vendite al dettaglio di maggio sono state un po' più forti del previsto, ma l'aumento della produzione industriale ha deluso le aspettative. La solita storia: alti e bassi, ma nessuna chiara accelerazione.
  • Il vertice sull'Ucraina in Svizzera ha prodotto una dichiarazione di sostegno all'indipendenza e alla sovranità territoriale dell'Ucraina e alla necessità di pace con la Russia. Circa 80 Paesi l'hanno firmata, ma non l'India e il Brasile. La Cina e la Russia hanno rifiutato di partecipare.
  • Nell'agenda settimanale, ci sono pochi eventi importanti, anche se la seconda lettura dell'inflazione europea di maggio sarà interessante. Altrove, molti banchieri centrali degli Stati Uniti daranno il loro parere sulla direzione dei tassi d'interesse, promettendo alcuni episodi di volatilità.
  • I mercati di Singapore, India e Indonesia saranno chiusi oggi per festività.

Nella regione Asia-Pacifico, la settimana è iniziata con forti ribassi a Tokyo, dove il Nikkei 225 ha perso l'1,9% a fine giornata. Gli indici cinesi hanno oscillato intorno all'equilibrio a Hong Kong e Shanghai. La Corea del Sud (-0,5%) e l'Australia (-0,2%) hanno perso terreno. I principali indici europei dovrebbero tentare un rimbalzo all'apertura, ma i mercati restano nervosi.

I punti salienti dell'economia di oggi

I costi del lavoro dell'Eurozona (11:00) e l'indice manifatturiero Empire degli Stati Uniti (14:30) saranno al centro dell'attenzione. Consulta l'agenda completa qui.

L'euro scende a 1,070 dollari. L'oro viene scambiato a 2323 dollari per oncia . Il petrolio rimane fermo, con il Brent del Mare del Nord a 82,30 USD al barile e il greggio leggero statunitense WTI a 77,72 USD. Il rendimento del debito USA a 10 anni è stabile al 4,24%. Il Bitcoin è scambiato a 66.300 dollari USA.

In Italia

Principali cambiamenti nelle raccomandazioni

  • Banco Bpm S.p.a.: William O'Neil & Co Incorporated interrompe la copertura dell'azione.
  • Danieli & C. Officine Meccaniche S.p.a.: Equita SIM conferma il suo rating di acquisto e aumenta il prezzo obiettivo da 31 a 42 EUR.
  • Eni S.p.a: Zacks conferma il rating neutrale con un prezzo obiettivo ridotto da 33 a 31 USD.
  • Intesa Sanpaolo: La ricerca di UBS e il suo analista Ignacio Cerezo ribadisce l'opportunità comprare del titolo. Il prezzo obiettivo è invariato a 4.30 EUR.
  • Mfe-Mediaforeurope N.v.: Equita SIM conferma il suo rating di mantenere con un prezzo obiettivo aumentato da 3,30 a 4,10 EUR.
  • Ovs S.p.a.: Equita SIM mantiene la raccomandazione comprare con un obiettivo di prezzo elevato da 3,10 a 3,30 EUR. Kepler Cheuvreux conferma il suo rating di acquisto e alza il prezzo obiettivo da 2,80 a 3,10 EUR.
  • Stellantis N.v.: Intesa Sanpaolo conferma il rating mantenere con un prezzo obiettivo ridotto da 23,60 a 22 EUR.
  • Unicredit: UBS ritiene che il titolo sia un'opportunità comprare. Il prezzo obiettivo rimane invariato a 48 EUR.

Annunci grandi (e piccoli)

  • CY4Gate lunedì ha comunicato di avere siglato, attraverso una delle sue controllate, contratti del valore complessivo di circa EUR1,7 milioni per il rinnovo e l'evoluzione di soluzioni in ambito decision intelligence sui mercati esteri.
  • Banca Mediolanum ha fatto sapere venerdì di aver rilevato 496.000 azioni proprie tra il 10 e il 14 giugno e per un controvalore complessivo di EUR5,3 milioni. Così, la società detiene 4,6 milioni di azioni, rappresentative dello 0,6% del capitale sociale.
  • Brunello Cucinelli venerdì ha fatto sapere di aver ricevuto ieri le dimissioni del consigliere indipendente e non esecutivo Emanuela Bonadiman. Bonadiman ricopriva il ruolo di presidente del Comitato per la Remunerazione e per le Nomine e di Componente del Comitato Controllo Rischi.
  • Cresce il commercio estero italiano: stando ai dati diffusi stamani dall'Istituto nazionale di statistica (Istat) le esportazioni sono salite (su base annua) del 10,7%, mentre le importazioni sono cresciute dell'1,4%. Rispetto ad aprile si registra rispettivamente +2,3% e -1,1%.
  • S&P Global ha confermato il rating investment grade 'BBB-' di Pirelli, migliorando l'outlook da "stabile" a "positivo".
  • STELLANTIS : i punti chiave della CMD: Stellantis rimane la migliore della classe nel settore auto (Alpha Value).

Nel mondo

Grandi (e piccoli) annunci

Dall'Europa

  • Sampo acquisisce Topdanmark per 366,38 DKK per azione.
  • Adidas indaga sulle accuse di corruzione diffusa in Cina.
  • L'esercito francese ordina munizioni a Thales. Thales e CEA firmano un accordo di collaborazione sull'AI generativa.
  • Alstom si aggiudica un contratto da 430 milioni di euro nel Regno Unito.
  • Vallourec si aggiudica un nuovo contratto di 5 anni con Equinor.
  • Emesa lascia il Consiglio di Amministrazione di Elior.
  • Ferrovial venderà la quota di maggioranza del 25% dell'aeroporto di Heathrow in un accordo rivisto da 3,26 miliardi di sterline.
  • Il presidente di Grifols Thomas Glanzmann ha annunciato che la vendita di una quota del 20% di Shanghai RAAS a Haier per 1,8 miliardi di dollari sarà completata la prossima settimana.
  • Essity rivede i suoi obiettivi finanziari a seguito della vendita di Vinda.
  • Nestlé interrompe parte della produzione di Perrier per manutenzione.
  • La Serbia si prepara a dare il via libera alla miniera di litio di Rio Tinto, secondo il FT.
  • Pierer Mobility rivede al ribasso i suoi obiettivi per il 2024.
  • Le principali pubblicazioni di oggi: Hennes & Mauritz...

Dalle Americhe

  • Google perde la sua richiesta di porre fine al procedimento antitrust statunitense sulla pubblicità digitale.
  • Apple e Meta dovrebbero essere accusate dall'UE in base alle norme sulle piattaforme tecnologiche.
  • L'attivista Starboard Value acquisisce una partecipazione di circa 500 milioni di dollari in Autodesk, secondo il WSJ.
  • Le principali pubblicazioni di oggi: Lennar...

Dal resto del mondo

  • Reinold Geiger, il capo di L'Occitane International, propone un'offerta alternativa di nuove azioni agli azionisti di minoranza, se la preferiscono all'offerta in contanti di 34 HKD.
  • Hyundai presenta un'IPO per la sua filiale indiana.
  • Infratil raccoglie 704 milioni di dollari USA per finanziare investimenti in data center.
  • Le principali pubblicazioni di oggi: nessuna...

Il resto del calendario globale delle pubblicazioni qui.

Letture