Login
E-mail
Password
Mostra password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaAgendaSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Canale Suez : il commercio s'incaglia (Mi.Fi.)

29-03-2021 | 08:37

MILANO (MF-DJ)--Il reshoring e la diversificazione geografica delle produzioni industriali era già iniziato prima del 2020 ma ora, dopo i gravi effetti generati dalla pandemia e dal blocco del canale di Suez sul trasporto marittimo intercontinentale, il processo subirà una decisa accelerata.

La nave Ever Given che ha bloccato la via d'acqua egiziana che collega l'Oceano Indiano al Mediterraneo non sarà liberata prima di qualche giorno e l'immediata conseguenza è che molte altre navi sono ferme in attesa mentre molte altre hanno già optato per il piano B: vale a dire circumnavigare l'Africa. Alternativa che ha un costo: sette giorni in più di navigazione e un consumo extra di carburante pari a mille tonnellate di bunker. Ai prezzi attuali dunque quasi 500mila dollari in più, anche se è vero che si risparmia la tariffa per l'attraversamento del canale» spiega a MF-MilanoFinanza l'armatore Cesare d'Amico, al vertice di d'Amico Società di Navigazione. Secondo cui alcuni segmenti d'attività del trasporto marittimo saranno colpiti più di altri: «Il più toccato sarà il trasporto di container perché circa il 50% delle navi transita attraverso il canale di Suez, mentre le navi cisterna portaprodotti raffinati dovrebbero essere poco colpite. La questione semmai riguarda le navi che trasportano petrolio greggio».

C'è poi una direttrice di traffico che da questo incidente potrà subire effetti rilevanti: «Per i traffici marittimi fra Mar Nero e Asia l'opzione di circumnavigare l'Africa significa un allungamento dei viaggi di 20 giorni. Lungo questa direttrice sono trasportati grano, fertilizzanti e altre rinfuse secche». L'esperto armatore romano sottolinea che «si tratta di una situazione nuova e che genera incertezza, complicato dalla mole della nave che si pensa di alleggerire per disincagliarla approfittando di un'alta marea prevista per i prossimi giorni». A questo punto il gigantismo navale (la Ever Given è lunga 400 metri, larga 60 e ha un pescaggio di circa 15) sarà messo in discussione? Secondo d'Amico «la storia del trasporto marittimo insegna che indietro non si torna. È vero che le petroliere Vlcc nei decenni passati erano arrivate anche a 500.000 tonnellate di portata e oggi non superano le 300.000 ma non per una questione di dimensioni ma di convenienza.

Certo, dal punto di vista tecnico bisognerà fare qualche passo avanti in termini di sicurezza».Eppure i clienti del trasporto marittimo containerizzato sono sempre meno contenti. Scarsa disponibilità dei container vuoti, pessima puntualità delle linee marittime (solo un terzo arriva il giorno programmato) e noli marittimi quintuplicati nel giro di 12 mesi stanno convincendo molte aziende europee a rivedere le proprie catene logistiche. Secondo l'esperto analista Lars Jensen (SeaIntelligence Consulting) il blocco del canale di Suez nel breve termine innescherà una indisponibilità ancora maggiore di container vuoti (necessari per spedire le merci), un incremento delle linee cancellate (perché le rotazioni delle navi dovranno essere riprogrammate), un congestionamento di container nei porti del Mediterraneo per l'export dall'Europa (le navi per caricare tarderanno ad arrivare) e anche quando la nave sarà liberata ci vorranno giorni prima che la situazione torni alla normalità. A conferma di quanto la situazione fosse già esplosiva prima dell'incaglio che ha interrotto i traffici marittimi fra Oriente e Occidente via Suez, il direttore Coesione territoriale, infrastrutture e trasporti di Confindustria, Giuseppe Mele, ha detto: «Quello che porto è un messaggio di forte preoccupazione del sistema industriale per una condizione d'incertezza che sta diventando insostenibile. Nel sistema associativo la questione dei noli marittimi sta diventando esplosiva e si sta sovrapponendo al deciso incremento dei prezzi delle materie prime». Un mix preoccupante che impone agli industriali di trovare subito contromisure.

fch

(END) Dow Jones Newswires

March 29, 2021 02:36 ET (06:36 GMT)

Ultime notizie "Economia & Forex"
17:41UE: Di Maio, coesa e solidale per affrontare sfide
DJ
17:41USA: Biden incontrerà oggi Manchin e Sinema, focus su pacchetto da 3.500 mld
DJ
17:39Economia Usa ben lontana da piena occupazione - Powell
RE
17:36BOND: spread Btp/Bund chiude a 105,565 punti base
DJ
17:30BCC SAN MARZANO: promossa da Altroconsumo Finanza con 5 stelle
DJ
17:28STUDI LEGALI: Lipani Catricalà & Partners rafforza Governance
DJ
17:27JONES DAY: entrano Paolo Foppiani e suo team
DJ
17:16DAMIANO: tra vincitrici premio Deloitte Best Managed Companies
DJ
17:15TURISMO: Fto, stop distanziamento nei musei
DJ
17:15UE: von der Leyen, a vertice Balcani occidentali tracceremo rotta futuro
DJ
Ultime notizie "Economia & Forex"