Login
E-mail
Password
Mostra password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaAgendaSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Cina : nuova arma legale contro cause per furto proprietÓ intellettuale

27-09-2021 | 11:43

MILANO (MF-DJ)--I giganti della tecnologia cinese hanno colto al volo una nuova tattica legale per combattere le accuse di furto di proprietà intellettuale, sollevando preoccupazioni negli Stati Uniti sul fatto che le promesse di Pechino di applicare rigorosamente le leggi sui brevetti e sul copyright saranno minate dai tribunali cinesi.

In quattro casi importanti dal 2020 a oggi, i tribunali cinesi hanno concesso le cosiddette ingiunzioni anti-querela che impediscono alle società straniere di intraprendere azioni legali in qualsiasi parte del mondo per proteggere i loro segreti commerciali.

Tre delle sentenze sono state a favore delle società di telecomunicazioni cinesi: Huawei Technologies, Xiaomi e Bbk Electronics. La quarta ha sostenuto la sudcoreana Samsung Electronics in una disputa con il gigante svedese delle telecomunicazioni Ericsson.

Nel caso di Xiaomi, alla società con sede a Pechino è stata concessa un'ingiunzione anti-querela contro InterDigital, una società del Delaware che detiene brevetti per la tecnologia wireless e digitale utilizzata negli smartphone.

Xiaomi, il più grande produttore di smartphone al mondo, ha venduto milioni di telefoni utilizzando i brevetti di InterDigital dal 2013, secondo la pratica del settore che consente alle aziende di farlo mentre vengono negoziate le tasse per la licenza. Quando i colloqui si sono interrotti dopo sette anni, InterDigital ha deciso l'anno scorso di citare in giudizio Xiaomi per violazione del brevetto ma è stata battuta sul tempo.

Su richiesta di Xiaomi, un tribunale cinese di Wuhan ha emesso un'ingiunzione che vieta a InterDigital di perseguire il suo caso contro Xiaomi, in Cina o altrove. Se InterDigital persistesse, ha affermato il tribunale cinese, andrebbe incontro a multe equivalenti a circa 1 milione di dollari a settimana.

Per gli avvocati commerciali e altri che si sono scontrati con aziende cinesi sulla proprietà intellettuale, il caso di InterDigital è l'ultimo segno di come la Cina ignori i brevetti, i diritti d'autore e i segreti commerciali delle società straniere. Dicono che la situazione non è migliorata in aspetti chiave nonostante le promesse di Pechino, compresi gli impegni presi nell'accordo commerciale Usa-Cina del 2020.

"La strategia di crescita e sviluppo cinese è subordinata al furto di proprietà intellettuale e al trasferimento forzato di tecnologia", ha affermato Charles Boustany, ex deputato repubblicano della Louisiana e membro della Commissione sul furto della proprietà intellettuale, un gruppo di difesa indipendente.

In passato, la Cina ha affermato di aver adottato molte misure concrete per migliorare il proprio ambiente per la protezione della proprietà intellettuale, comprese le modifiche alle leggi sui brevetti e sul copyright in risposta all'accordo commerciale di Fase Uno firmato con gli Stati Uniti.

Negli Stati Uniti e nel Regno Unito, le ingiunzioni anti-querela sono in genere emesse dai tribunali per impedire che casi identici vengano discussi in più sedi legali contemporaneamente. In un caso ben noto, un tribunale distrettuale federale nello Stato di Washington ha emesso un'ingiunzione anti-querela impedendo a Motorola di intentare una causa parallela contro Microsoft in Germania.

Le ingiunzioni cinesi fanno un ulteriore passo avanti bloccando l'azione legale a livello globale, secondo avvocati e altre persone che seguono i tribunali cinesi. I tribunali cinesi hanno anche affermato la giurisdizione sulle tasse per la licenza del brevetto a livello globale, in quella che gli avvocati considerano un allontanamento dalla pratica standard in Occidente.

"Quello che stanno facendo i cinesi è usare questo strumento legale, l'ingiunzione anti-querela, per far sì che i tribunali cinesi - in realtà il Governo cinese - e nessun altro decidano quanto sia preziosa la proprietà intellettuale", ha affermato Brian Pomper, un partner di Akin Gump, ed esperto di commercio internazionale e controversie in materia di proprietà intellettuale.

La rappresentante commerciale degli Stati Uniti ha affrontato la questione in un rapporto ad aprile, affermando che erano "emersi sviluppi preoccupanti come le ampie ingiunzioni anti-querela emesse dai tribunali cinesi".

Le aziende statunitensi si lamentano da tempo del furto di proprietà intellettuale da parte delle aziende cinesi. Quando l'amministrazione Trump ha avviato la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina nel 2018, ha utilizzato un rapporto sul furto di proprietà intellettuale in Cina come giustificazione legale iniziale per imporre le tariffe. Si stimava che il furto o il mancato pagamento danneggiassero le società statunitensi per circa 50 miliardi di dollari all'anno.

Come parte dell'accordo commerciale con gli Stati Uniti, Pechino ha aumentato le sanzioni pecuniarie per le violazioni e ha reso più facile per le aziende straniere presentare reclami direttamente al Governo cinese.

Negli ultimi anni le istanze giudiziarie delle società statunitensi contro le imprese cinesi per furto di proprietà intellettuale sono diminuite drasticamente ma gli analisti legali affermano che questo non è un segno di progresso. Al contrario, dicono: le aziende hanno concluso che perderanno in tribunale o non vogliono rischiare rappresaglie da parte della Cina.

L'uso emergente in Cina dell'ingiunzione anti-querela è un esempio di come le ambizioni globali cinesi influenzino anche i suoi tribunali, ha affermato Jorge Contreras, professore di legge dell'Università dello Utah e principale autorità in materia di ingiunzioni anti-querela. "E' assolutamente una prospettiva spaventosa per queste aziende internazionali", ha detto Contreras, sottolineando che "questo è totalmente il Far West".

cos

(END) Dow Jones Newswires

September 27, 2021 05:42 ET (09:42 GMT)

Ultime notizie "Economia & Forex"
27/11Temendo gli scaffali vuoti, i "mattinieri" del Black Friday si dirigono verso i negozi statunitensi
MR
27/11L'offerta di KKR spinge il consiglio di amministrazione di Telecom Italia alla resa dei conti sul futuro dell'amministratore delegato
MR
26/11Nota di chiusura
DJ
26/11SANITÀ: necessario coinvolgere cooperative a sostegno medicina generale
DJ
26/11PORSCHE C.: transizione digitale trasforma sostenibilità da costo a valore
DJ
26/11S. LEGALI: Pavia e Ansaldo con Primonial nell'acquisizione di 2 Rsa
DJ
26/11CONFINDUSTRIA MODA: al Mastertech esempi di sostenibilità del settore
DJ
26/11FIERE: Mecspe 2021, 48 mila visitatori e 2 mila aziende presenti
DJ
26/11BAPR: arriva in Sicilia Hope, 1* piattaforma di investimento Pir alternative
DJ
26/11ASKOLL: partecipa alla Next Gems Conference 2021
DJ
Ultime notizie "Economia & Forex"