Login
E-mail
Password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaAgendaSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Commodities : prezzi in netto calo con interventi Cina e usd forte

18-06-2021 | 09:25

MILANO (MF-DJ)--I prezzi delle materie prime sono scesi bruscamente ieri, mettendo apparentemente fine a mesi di guadagni e pesando sui mercati azionari, mentre la Cina si adopera per raffreddare i prezzi e il dollaro Usa si rafforza.

Il calo delle materie prime è stato diffuso tra tutti i tipi di commodities, con i prezzi dei futures di palladio e platino in calo rispettivamente di oltre l'11% e del 7%, insieme a cali di quasi il 6% per i futures sul mais e del 4,8% per i contratti legati al rame. Anche i prezzi del petrolio sono scesi di oltre l'1%.

La mossa di giovedì ha esteso un calo iniziata all'inizio della settimana, grazie in parte alle azioni dei regolatori cinesi.

Un'agenzia governativa cinese ha annunciato mercoledì un piano per mettere sul mercato riserve di metalli industriali chiave, tra cui rame e alluminio. I funzionari del Paese hanno anche avvertito della speculazione in atto sui mercati finanziari nelle ultime settimane.

"I prezzi dei metalli di base si stanno indeboledo mentre Pechino intensifica la sua repressione contro gli speculatori e gli accaparratori di materie prime", ha affermato Daniel Ghali, strategist delle materie prime di TD Securities. "Mentre le posizioni all'estero sono più difficili da controllare con avvertimenti, questa repressione ha un certo effetto".

Anche le proiezioni della Federal Reserve per una maggiore inflazione e aumenti dei tassi più vicini nel tempo potrebbero contribuire al declino esercitando una pressione al rialzo sul dollaro e segnalando che la banca centrale sta seguendo da vicino l'aumento dei prezzi. Le materie prime si muovono spesso inversamente al biglietto verde poiché sono per lo più valutate in dollari a livello globale.

"Il dollaro Usa sta probabilmente reagendo al rialzo dei rendimenti obbligazionari e alla prospettiva di un tapering anticipato e questo ha portato a un considerevole calo dei prezzi delle materie prime su tutta la linea", ha detto Jim Paulsen di Leuthold Group. "Le materie prime sono state un investimento popolare nell'ultimo anno poiché hanno aggiunto una certa protezione del portafoglio contro l'inflazione".

La caduta arriva infatti dopo una forte prima metà dell'anno per le materie prime, alimentata dall'aumento della domanda industriale mentre gli Stati Uniti e altre economie hanno iniziato a riaprire mentre i casi di Covid sono diminuiti.

Quel rapido aumento dei prezzi potrebbe aver reso alcuni dei mercati delle materie prime maturi per un rapido pullback. L'analista tecnico di Evercore ISI Rick Ross ha dichiarato giovedì in una nota che il rame sembrava essere al suo livello più "ipercomprato" dal 2006.

La debolezza per le materie prime si è diffusa nel mercato azionario, attraverso i titoli energetici e minerari.

lus

(END) Dow Jones Newswires

June 18, 2021 03:24 ET (07:24 GMT)

Ultime notizie "Economia & Forex"
05:45Bitcoin balza del 12% ai massimi di sei settimane
23/07Nota di chiusura
DJ
23/07NOMISMA: mondo biologico punta al 30% superficie agricola bio entro il 2027
DJ
23/07IMPRESE: solo 10% leader in inclusione/diversity nelle funzioni tecnologiche
DJ
23/07LEXANT: per Executive Programme in Credit Management di Luiss Business School
DJ
23/07DEDAGROUP: riceve certificato Family Audit Executive
DJ
23/07GOVERNO: Lega, profonda irritazione per 5S e Pd
DJ
23/07COVID: 5.143 contagi e 17 vittime, tasso al 2,2%
DJ
23/07BANCHE: Bce non estende raccomandazione su dividendi oltre settembre
DJ
23/07TOP STORIES ITALIA: Colao, entro 2026 digitale 80% servizi pubblici
DJ
Ultime notizie "Economia & Forex"