Login
E-mail
Password
Mostra password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaAgendaSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Covid : G7 donerÓ 1 mld dosi vaccini a Paesi a basso reddito

11-06-2021 | 10:24

MILANO (MF-DJ)--Il piano per rilanciare la campagna per portare i vaccini contro il Covid-19 nei Paesi in via di sviluppo ha ricevuto un forte impulso dagli Stati Uniti, che doneranno 500 milioni di dosi del siero di Pfizer/BioNTech entro il prossimo giugno, nel quadro di un annuncio più ampio da parte dei leader del G7 che hanno intenzione di fornire, nel complesso, un miliardo di dosi ai Paesi a basso reddito.

Mentre i Paesi ricchi del Nord America e dell'Europa hanno in gran parte immunizzato i loro cittadini ad alto rischio e ora si stanno muovendo per vaccinare gli adolescenti in vista del nuovo anno scolastico, molte Nazioni povere stanno affrontando nuove ondate di casi di Covid-19 con poche protezioni. In Africa, ad esempio, solo lo 0,6% della popolazione è stato completamente vaccinato, rispetto al 42% negli Stati Uniti.

Il mondo in via di sviluppo è emerso come il centro della pandemia, con infezioni e decessi che hanno raggiunto nuovi record negli ultimi mesi, in parte a causa dei bassi tassi di vaccinazione.

Dopo che gli Stati Uniti hanno dichiarato che avrebbero donato 500 milioni di dosi, l'ufficio del primo ministro britannico, Boris Johnson, ha annunciato ieri che il Regno Unito donerà 100 milioni di dosi dei vaccini in eccesso al resto del mondo entro il prossimo anno. Tali impegni fanno parte di almeno un miliardo di dosi che i leader mondiali forniranno "attraverso la condivisione di dosi e finanziamenti". Il G7 "definirà anche un piano per espandere la produzione di vaccini al fine di raggiungere tale obiettivo", ha affermato l'ufficio di Johnson prima dell'inizio del vertice dei leader oggi in Cornovaglia.

I funzionari sanitari dei Paesi in via di sviluppo hanno dichiarato prima del vertice che sperano che i 500 milioni di dosi che saranno donati dagli Stati Uniti incoraggeranno altri Governi ad alto reddito a farsi avanti. L'annuncio "è un passo avanti monumentale" nello sforzo globale per fornire vaccini ai Paesi poveri, ha affermato Matshidiso Moeti, direttore dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) per la regione africana. "Ora stiamo vedendo le Nazioni ricche che iniziano a trasformare le promesse in azioni", ha aggiunto.

Il presidente Usa, Joe Biden, ha affermato che gli Stati Uniti non sono perfetti ma si fanno avanti nei momenti di bisogno e ha anche riconosciuto che è nell'interesse della salute pubblica e dell'economia americana donare i vaccini. "Finché il virus infuria altrove, c'è il rischio di nuove mutazioni che potrebbero minacciare la nostra gente", ha detto, aggiungendo che "sappiamo che la furia del Covid-19 in altri Paesi frena la crescita globale, aumenta l'instabilità e indebolisce i Governi".

Le consegne delle dosi donate dagli Stati Uniti inizieranno ad agosto e raggiungeranno i 200 milioni entro la fine dell'anno, hanno detto le due Pfizer e BioNTech ieri. I restanti 300 milioni di dosi dovrebbero essere spediti entro giugno 2022.

Come colmare il divario globale nelle vaccinazioni, causato in gran parte dai Governi ricchi che acquistano la maggior parte dell'offerta per il 2021, sarà al centro dei colloqui tra i leader delle economie del G7 a partire da oggi. Johnson, che ospita il vertice, ha invitato i leader del G7 a impegnarsi a vaccinare il mondo intero entro la fine del 2022.

Le consegne ad agosto dei vaccini di Pfizer/BioNTech aiuteranno a colmare un divario immediato di 250 milioni di vaccini affrontato quest'estate dall'iniziativa Covax sostenuta dall'Oms, che mira a far arrivare i vaccini contro il Covid-19 al 30% degli adulti nei Paesi più poveri del mondo entro i primi giorni del 2022. Gli Stati Uniti hanno precedentemente affermato che avrebbero condiviso 80 milioni di dosi dei vaccini con altri Paesi, anche attraverso Covax, entro la fine di questo mese.

Una portavoce di Gavi, l'alleanza per i vaccini, che contribuisce a gestire Covax, ha affermato che "accoglie con favore questo importante contributo a Covax, che vedrà più vaccini a disposizione per proteggere alcune delle persone più vulnerabili al mondo".

Covax ha lottato per proseguire le spedizioni da marzo, quando il Governo indiano ha imposto un divieto di esportazione al suo principale fornitore, il Serum Institute of India, che sta producendo il vaccino sviluppato da AstraZeneca e dall'Università di Oxford. L'India ha bloccato le spedizioni dei vaccini per vaccinare la propria popolazione nel tentativo di rallentare un'epidemia devastante sul suo territorio. Molti dei 92 Paesi più dipendenti da Covax devono ancora completare l'immunizzazione degli operatori sanitari, decine di milioni dei quali sono in attesa di ricevere la seconda dose di AstraZeneca nelle prossime settimane.

La donazione delle dosi di Pfizer riflette un cambiamento più ampio nella politica di vaccinazione degli Stati Uniti. Finora Washington aveva tenuto sotto stretto controllo l'esportazione delle dosi, una posizione che è stata criticata dai suoi alleati europei e dai Paesi in via di sviluppo. Pfizer ha dichiarato ieri che si aspetta che i 500 milioni di dosi provengano dai suoi impianti di produzione negli Stati Uniti e che sta vendendo il vaccino a quello che ha definito un prezzo senza scopo di lucro.

I funzionari dell'amministrazione Biden hanno affermato che i 500 milioni di dosi costeranno circa 3,5 miliardi di dollari, con il contratto che dovrebbe essere finalizzato nelle prossime settimane. Ciò suggerisce un prezzo di 7 dollari a dose, molto al di sotto dei 19,50 dollari che gli Stati Uniti hanno pagato nel quadro del precedente accordo di fornitura. Circa 2 miliardi del costo complessivo saranno coperti dal precedente impegno di 4 miliardi di dollari dell'amministrazione nei confronti di Covax. Altri 1,5 miliardi di dollari proverranno dai fondi inclusi nella legge contro il coronavirus firmata da Biden all'inizio di quest'anno.

Il Fondo Monetario Internazionale e altri organismi multilaterali hanno stimato questo mese che vaccinare almeno il 60% della popolazione nei Paesi in via di sviluppo costerà 50 miliardi di dollari nel tentativo di porre fine alla pandemia entro la metà del 2022. Ciò include gli investimenti necessari per costruire l'infrastruttura per gestire efficacemente le dosi dei vaccini contro il Covid-19 nei Paesi poveri, nonché la nuova capacità produttiva e coprire alcuni dei costi dei test e dei trattamenti contro il Covid-19 e di altre misure di salute pubblica.

I leader del G7 dovrebbero fare nuovi annunci su come raccogliere quei fondi durante il vertice.

Il passaggio dall'iniezione di AstraZeneca, relativamente facile da conservare, nello sforzo di inoculazione globale all'iniezione di Pfizer/BioNTech aggiunge nuova urgenza alla raccolta di più fondi. Il vaccino di Pfizer/BioNTech deve essere infatti conservato in sofisticati congelatori in grado di mantenerlo a meno 70 gradi Celsius, che non sono comunemente disponibili in molti Paesi in via di sviluppo.

John Nkengasong, direttore dei Centri africani per il controllo e la prevenzione delle malattie, ha dichiarato ieri di essere fiducioso che l'iniezione di Pfizer possa essere lanciata nelle principali città africane, dove la fornitura di elettricità è più affidabile. "La mia posizione è sempre stata: se mi dai le dosi di Pfizer le userò nel continente", ha detto.

cos

(END) Dow Jones Newswires

June 11, 2021 04:23 ET (08:23 GMT)

Ultime notizie "Economia & Forex"
17/09Gli Stati Uniti indagano sul possibile insider trading di Binance - Bloomberg News
MR
17/09Il consiglio di amministrazione di Naturgy dice che l'offerta di IFM è "ragionevole".
MR
17/09Nota di chiusura
DJ
17/09UNIVERSITÀ: al via 2░ edizione di "Management 4 Steel"
DJ
17/09CREDIT AGRICOLE I.: Opa FriulAdria; adesione del 97,483%, quota al 99,101%
DJ
17/09TONUCCI & PARTNERS: in giuria 2* edizione Wire Startup Pitch Battle
DJ
17/09AMISSIMA ASS.: 20/9 al via evento "Rush Finale 2021" con Hdi Ass.
DJ
17/09IMPRESE: salpata la Iberian Express di Rif Line
DJ
17/09TOP STORIES ITALIA: Franco, successo Ngeu dipende molto da nostro Piano
DJ
17/09COVID: Mims, 20 mln per ristori a operatori terminal portuali
DJ
Ultime notizie "Economia & Forex"