Login
E-mail
Password
Mostra password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaAgendaSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Covid : variante Delta sconvolge risposta mondiale a pandemia

26-07-2021 | 10:25

MILANO (MF-DJ)--La variante Delta del Covid-19 sta cambiando i calcoli dei Governi di tutto il mondo, sollevando dubbi su quanto velocemente possano lasciarsi alle spalle la pandemia di coronavirus, allargando il divario tra i luoghi altamente vaccinati e il resto del mondo e infiltrandosi nei Paesi che in precedenza avevano tenuto a bada il virus.

La capacità della variante di diffondersi più facilmente rispetto alle precedenti versioni dominanti del virus ha determinato un rapido aumento dei casi di Covid-19 anche in Paesi altamente vaccinati come il Regno Unito e Israele. Lì, i vaccini hanno evitato casi gravi e morti ma in molte parti del resto del mondo la pandemia che ha già colpito almeno 200 milioni di persone uccidendone più di quattro milioni.

La buona notizia che i vaccini sono altamente efficaci contro la variante Delta nel prevenire malattie gravi e decessi tra coloro che sono stati completamente vaccinati è una conferma delle audaci scommesse dei Governi sui sieri come la via più sicura per tornare alla normalità.

L'immunità contro il coronavirus sta diminuendo nelle persone che sono state completamente vaccinate con il vaccino effettuato da BioNTech e Pfizer a gennaio a causa della variante Delta in rapida diffusione, ha affermato l'amministratore delegato di BioNTech, Ugur Sahin, il quale ha detto, tuttavia, che la maggior parte di loro rimarrà protetta contro i casi gravi e potrebbe non avere ancora bisogno di una terza dose.

Per le economie avanzate, la variante fa sì che molte più persone debbano essere vaccinate per tenere sotto controllo i nuovi focolai e le speranze che il Covid-19 finisca rapidamente in secondo piano come l'influenza stagionale.

Già i Governi in Europa e in alcuni Stati degli Stati Uniti stanno adottando misure per ravvivare le campagne di vaccinazione e cercare di stare al passo con la variante. Altri stanno reimponendo l'obbligo della mascherina e chiedendo ad alcune aziende di chiudere di nuovo. Restrizioni di viaggio, quarantena quando richiesto e lavoro da casa sono all'ordine del giorno.

La prognosi per il mondo in via di sviluppo è più fosca. La variante Delta ha già causato ondate di infezioni record in Asia e Africa, anche in Paesi che in precedenza avevano gestito il virus relativamente bene.

"L'orribile realtà con cui non penso che le persone abbiano ancora davvero a che fare è che questa è una nuova, brutta malattia, che sarà qui per sempre, probabilmente", ha detto Martin Hibberd, professore di malattie infettive emergenti presso la London School di Igiene e Medicina Tropicale. "E' un onere aggiuntivo che tutti noi dovremo affrontare", ha spiegato.

La variante Delta del coronavirus è stata individuata per la prima volta in India alla fine dello scorso anno e da allora è stata rilevata in più di 100 Paesi e territori, secondo la Gisaid Initiative, un database online in cui gli scienziati condividono analisi genetiche di campioni virali. Circa l'80% dei campioni inviati a Gisaid a metà luglio erano della variante Delta, il doppio della percentuale di un mese prima, evidenziando la rapidità con cui la variante ha sostituito le versioni precedenti del virus.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie affermano che la Delta rappresenta l'83% dei campioni soggetti a sequenziamento genetico negli Stati Uniti. Nel Regno Unito, tale cifra è del 99%. La variante Delta rappresenta più della metà dei genomi virali analizzati in Francia, Germania, Svezia e Portogallo, secondo l'equivalente europeo del Cdc. La variante rappresenta, inoltre, oltre il 70% dei campioni ricevuti dal Gisaid dall'Asia e oltre il 60% di quelli inviati dall'Africa.

All'inizio della pandemia, prima dell'arrivo della variante Delta, gli scienziati avevano stimato che forse i due terzi della popolazione avrebbero avuto bisogno dell'immunità, dalla vaccinazione o da una combinazione tra vaccinazione e infezione precedente, per impedire al virus che causa la diffusione del Covid-19 di diffondersi abbastanza facilmente da innescare grandi nuovi focolai. Una volta raggiunto quell'obiettivo il Covid-19 sarebbe diventato più simile all'influenza, un pericolo stagionale che raramente mette in difficoltà i sistemi sanitari.

La velocità dell'avanzata della variante Delta in tutto il mondo è un prodotto della sua maggiore trasmissibilità. Le stime variano, ma gli scienziati ritengono che la Delta sia forse da due a tre volte più trasmissibile del ceppo originale emerso per la prima volta in Cina nel 2019.

Laddove in precedenza i Governi e i funzionari della salute pubblica avevano sperato che l'immunità di gregge potesse essere raggiungibile con il 60%-70% della popolazione vaccinata, la variante Delta fa sì che tale soglia debba essere probabilmente compresa tra l'80% e il 90%, ha affermato Mark Woolhouse, professore di epidemiologia delle malattie infettive presso l'Università di Edimburgo.

Alcune stime mettono tale soglia ancora più in alto, oltre il 95%, una volta presa in considerazione l'efficacia inferiore al 100% dei vaccini nel ridurre la trasmissione virale. Inoltre, c'è incertezza su quanto tempo duri la protezione offerta dai vaccini o se possano emergere nuove varianti in grado di eludere tali difese.

"Poiché la barra dell'immunità di gregge è stata alzata così tanto, non è una questione di quando ci arriveremo ma se ci arriveremo", ha affermato il prof. Woolhouse. Mettere il virus sotto controllo potrebbe far sì che l'uso delle mascherine e il distanziamento sociale siano in vigore per molto tempo, ha affermato.

Nelle economie avanzate, anche con un livello consistente di persone vaccinate, la variante Delta sta costringendo le autorità sanitarie pubbliche a ripensare ai propri approcci. A seguito di un aumento di sei volte dei casi, i Paesi Bassi hanno chiuso i locali notturni questo mese dopo averli aperti solo a fine giugno. L'uso della mascherina al chiuso e il distanziamento sociale rimangono in vigore in Francia, Germania e Italia.

In Francia, Italia, Israele e Regno Unito sono in discussione o sono in fase di lancio piani per l'uso dei "passaporti vaccinali" per partecipare ad attività sociali, nell'ambito di un ampio sforzo sia per trovare alternative ai lockdown per ridurre la trasmissione e incoraggiare la vaccinazione tra gli esitanti.

Negli Stati Uniti, la variante Delta ha fermato il forte calo dei casi. La media di sette giorni dei nuovi casi giornalieri di Covid-19 ha superato quota 49.000, più del doppio rispetto a soli 10 giorni prima, secondo i dati della Johns Hopkins University. La contea di Los Angeles, la più popolosa degli Stati Uniti, ha reintrodotto l'obbligo della mascherina al chiuso a seguito di un aumento delle infezioni.

Superare la resistenza ai vaccini si è rivelato difficile, specialmente in aree come il profondo sud, dove gli Stati hanno i tassi di vaccinazione più bassi. Gli Stati Uniti hanno mancato l'obiettivo del presidente Usa, Joe Biden, di vaccinare almeno con una dose il 70% della popolazione adulta entro il 4 luglio ed entro venerdì tale dato si attestava al 68,8%, secondo i dati federali.

In Africa, dove meno dell'1,5% degli 1,3 miliardi di persone del continente è stato completamente vaccinato, un'impennata record dei casi nelle ultime settimane ha travolto gli ospedali e portato i decessi a un punto in cui le camere mortuarie in Paesi come lo Zambia e la Namibia hanno esaurito lo spazio. La scorsa settimana, il Sudafrica ha registrato 10.000 morti in eccesso.

I Governi che si sono concentrati sulla guarigione delle loro economie dalla contrazione più profonda mai registrata del continente lo scorso anno hanno dovuto imporre nuove e severe restrizioni. Sudafrica, Uganda e Namibia sono tornati tutti in lockdown.

Il capo dei Centri africani per il controllo e la prevenzione delle malattie ha dichiarato giovedì scorso che, anche nella migliore delle ipotesi, si aspetta che solo il 25-30% degli africani venga vaccinato entro la fine dell'anno.

I dati dal Sudafrica evidenziano un altro ostacolo sulla strada per un'immunità durevole a livello di popolazione e la sfida speciale che la variante Delta pone al mondo.

cos

(END) Dow Jones Newswires

July 26, 2021 04:24 ET (08:24 GMT)

Ultime notizie "Economia & Forex"
18:26FINANZA: Qonto lancia soluzione di expense management
DJ
18:23Gli NFT di Freddie Mercury sono in vendita per beneficenza contro l'AIDS
MR
18:08TOP STORIES ITALIA: Corte Conti, per Pnrr migliorare nettamente gestione spesa
DJ
18:07TOP STORIES ITALIA: Unem; +7,8% consumi petroliferi agosto, +9,7% in 8 mesi
DJ
18:00Ue lancia nuova autorità crisi sanitarie per prepararsi a future pandemie
RE
17:57Covid-19, studio mostra calo efficacia vaccino Moderna, a sostegno uso richiamo
RE
17:56General Motors estende blocco produzione veicoli elettrici in Usa
RE
17:54BCC: dell'Erba, proficuo incontro Federcasse-sindacati su contratto
DJ
17:43FISCO: Cgil-Cisl-Uil, aprire confronto con parti sociali su riforma
DJ
17:41BIP: partner di Chili per piattaforma Ott white label per imprese
DJ
Ultime notizie "Economia & Forex"