Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietàMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Daly della Fed: ridurre l'inflazione è la 'priorità numero uno'.

24-06-2022 | 22:40
People shop in a supermarket as inflation affected consumer prices in Manhattan, New York City

Ridurre l'inflazione è la "priorità numero uno" della Banca centrale americana in questo momento, ma è improbabile che un aumento dei tassi di interesse possa innescare una recessione, ha dichiarato venerdì la Presidente della Federal Reserve Bank di San Francisco, Mary Daly.

L'aumento dei tassi d'interesse di 75 punti base della banca centrale la scorsa settimana, in un intervallo compreso tra l'1,5% e il 1,75%, "mette la politica su un percorso rapido verso la neutralità entro la fine dell'anno", ha detto Daly nelle osservazioni preparate per essere consegnate alla Chapman University.

"Dopo di che, vedo un ulteriore inasprimento oltre la neutralità come il prossimo passo probabile", ha detto.

L'esatto livello dei tassi dipenderà in gran parte da fattori al di fuori del controllo della Fed, ha detto.

Questo è un punto che anche il Presidente della Fed Jerome Powell ha sottolineato, perché gran parte dell'inflazione attuale deriva dall'aumento dei costi dell'energia e degli alimenti legati alla guerra della Russia in Ucraina, e dai continui vincoli della catena di approvvigionamento e della manodopera.

"Se l'offerta continua a essere insufficiente e l'inflazione rimane alta, dovremo fare di più", ha detto Daly. "Se le condizioni miglioreranno e l'offerta si riprenderà, potremo fare di meno".

In ogni caso, ha detto, l'economia probabilmente rallenterà e il tasso di disoccupazione probabilmente aumenterà dall'attuale livello del 3,6%.

Ma non è probabile che si arrivi al tipo di recessione dolorosa che ha seguito negli anni '80, l'ultima volta che la Fed ha alzato i tassi in modo brusco per combattere l'inflazione elevata, ha detto.

I costi di adeguamento a tassi d'interesse più alti e a una crescita più lenta saranno più morbidi questa volta, ha detto, in parte perché le aspettative d'inflazione sono molto meglio ancorate e in parte perché i tassi più alti dovrebbero raffreddare l'inflazione riducendo l'eccesso di domanda di beni e di lavoro, ben prima che inizino a ridurre la produzione e l'occupazione effettive.

"Mi aspetto che i costi dell'aggiustamento siano moderati, con un certo rallentamento della crescita del PIL al di sotto del suo trend di lungo periodo e un aumento del tasso di disoccupazione dai livelli molto bassi che vediamo oggi", ha detto.

"A mio avviso, questo rappresenterebbe una transizione relativamente agevole da un'economia altamente accomodante e colpita da una pandemia a un'economia in cui una politica più restrittiva sostiene sia la piena occupazione che la stabilità dei prezzi".


© MarketScreener con Reuters 2022
Ultime notizie "Economia & Forex"
14:04UCRAINA: nuove esplosioni in Crimea, vicino a base russa Simferopoli
DJ
13:38Le perdite da hacking di criptovalute sono aumentate del 60% a 1,9 miliardi di dollari nel periodo gennaio-luglio -Chainalysis
MR
13:23BCE: colloca 0,82 mld euro Mro allo 0,5%
DJ
13:19DAZN: Codacons, indennizzi immediati e procedure semplici per utenti
DJ
13:13Factbox-L'azione sindacale dei lavoratori del Regno Unito è un'occasione di crisi per il costo della vita
MR
13:08Walmart prevede un calo degli utili più contenuto, mentre gli sconti spingono la domanda
MR
13:03L'Indonesia prevede un investimento di 1,41 miliardi di dollari per la nuova capitale nel 2023 -governo
MR
13:02ESCLUSIVO: la Casa Bianca propone un piano in tre parti per i diritti dell'aborto
MR
13:00Grandi esplosioni scuotono il deposito di munizioni nella Crimea annessa alla Russia
MR
12:50UCRAINA: Finlandia taglierà dell'80-90% visti per cittadini russi
DJ
Ultime notizie "Economia & Forex"