Login
E-mail
Password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietàMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaAgendaSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Deloitte : Millennial e GenZ chiedono rafforzamento politiche aziendali

21-07-2021 | 19:21

MILANO (MF-DJ)--A più di un anno dall'inizio della pandemia, i Millennial e la GenZ lanciano un appello alle istituzioni e al mondo del lavoro affinché si impegnino in un reale e concreto cambiamento: tra le priorità più sentite dalle nuove generazioni emerge la richiesta di un rafforzamento delle politiche aziendali su temi quali la diversità e l'inclusione, il sostegno al lavoro femminile e la tutela della salute mentale.

Queste alcune delle principali evidenze che emergono dalla Millennial and GenZ Survey 2021 di Deloitte, l'indagine sul "sentiment" di Millennial (nati tra il 1983 e il 1994) e GenZ (nati tra il 1995 e il 2003). Nell'ultima edizione è stato condotto un sondaggio su circa 23.000 intervistati in 45 paesi, tra cui 800 italiani.

"Nei 10 anni in cui Deloitte ha condotto la Millennial Survey, le vite dei Millennial e della GenZ sono cambiate - commenta Stefania Papa, People & Purpose Leader di Deloitte Italia - ma un tratto che è rimasto inalterato è la determinazione delle nuove generazioni nel portare avanti i loro valori e ideali. A partire dal desiderio di un mondo migliore e dalla convinzione che le imprese possano e debbano fare di più per aiutare la società: ad esempio, sul fronte delle discriminazioni razziali la GenZ manifesta una sensibilità senza precedenti. Oltre il 76% di loro pensa che esista un problema di 'razzismo sistemico'. È anche sulla base di questi stimoli che vogliamo rendere i nostri ambienti di lavoro sempre più inclusivi e accoglienti per tutti".

I Millennial e i GenZ si dichiarano generalmente entusiasti di poter tornare in un ambiente di lavoro formale, ma non prima di essere certi che il posto di lavoro sia completamente sicuro, e non necessariamente a tempo pieno. Infatti, il 25% dei Millennial e il 22% della GenZ hanno manifestato il desiderio di una maggiore flessibilità e di poter lavorare meno ore in ufficio rispetto al passato.

Inoltre, lo stress e l'ansia sono per queste generazioni una costante sul posto di lavoro, soprattutto per le donne più giovani. A causa della pandemia, queste generazioni hanno subito un immenso stress, con il 46% dei Millennial (vs 41% Global) e il 49 (vs 46% Global) dei GenZ italiani che si sono sentiti o si sentono tuttora stressati.

com/lde

fine

MF-DJ NEWS

2119:19 lug 2021

(END) Dow Jones Newswires

July 21, 2021 13:20 ET (17:20 GMT)

Ultime notizie "Economia & Forex"
18:19COVID: Mattarella, vaccinazione è dovere morale e civico
DJ
18:15USA: Portman, raggiunto accordo su pacchetto infrastrutture
DJ
18:15COVID: p.Chigi, 1 mln in più di vaccini Pfizer disponibile ad agosto
DJ
18:09COVID: task force, attive moratorie su prestiti per 79 mld
DJ
18:08Aeffe acquista 30% Moschino per 66,6 million, sale al 100%, titolo +6,4%
RE
18:03TOP STORIES ITALIA: Ita, deliberato aumento di capitale da 700 mln
DJ
18:02Boeing registra primo utile in quasi due anni grazie a consegne 737 MAX
RE
17:59IDNTT: non eserciterà opzione acquisto 51% Do-Hub, punta a M&A
DJ
17:37ASTE BOND: Usa collocano 28 mld usd Frn 2 anni; sperad 0,029%, cover 3,04
DJ
17:37ASTE BOND: Usa collocano 30 mld usd Bill 119 giorni a 0,05%, cover 3,5
DJ
Ultime notizie "Economia & Forex"