Login
E-mail
Password
Mostra password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaAgendaSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Economia : Usa e Uk verso forte ripresa grazie a vaccinazioni

26-04-2021 | 10:22

MILANO (MF-DJ)--Dopo l'anno peggiore per l'economia globale dalla Grande Depressione, gli Stati Uniti e il Regno Unito sembrano pronti per una vigorosa ripresa con le vaccinazioni di massa contro il Covid-19 che favoriscono il ritorno a una vita più o meno normale.

L'Unione europea potrebbe restare un po' più indietro. La ripresa avverrà in più fasi, poiché i tempi e la velocità delle ripartenze dipenderanno in gran parte dal ritmo e dalla portata delle vaccinazioni, affermano gli economisti.

Si prevede che le economie in Nord America e in Europa riprenderanno a crescere quando negozi, ristoranti e hotel si affolleranno di nuovo con persone appena vaccinate e pronte a usare i risparmi accumulati durante la lunga pandemia. Moody's Analytics stima che le famiglie di tutto il mondo abbiano registrato risparmi legati alla pandemia pari a 5.400 miliardi di dollari alla fine del primo trimestre.

Paesi come gli Stati Uniti e il Regno Unito dovrebbero godere di riprese più rapide man mano che i loro Governi si avvicineranno agli obiettivi di vaccinazione. I dati di giovedì dovrebbero mostrare che la crescita degli Stati Uniti è accelerata nel primo trimestre con l'allentamento delle restrizioni legate al coronavirus e l'aumento della copertura vaccinale.

In Europa, dove le campagne di vaccinazione sono state colpite da problemi di offerta e preoccupazioni per gli effetti collaterali dei sieri, è probabile che le economie impiegheranno più tempo per scrollarsi di dosso il torpore indotto dalla pandemia. I dati di venerdì dovrebbero mostrare che l'economia della zona euro è si è contratta nel primo trimestre dato che parti dell'Eurozona hanno reimposto restrizioni per contenere nuove ondate di casi, sebbene le indagini più aggiornate sulle imprese suggeriscano che la crescita stia già tornando ad aprile.

"L'unico modo per garantire una riapertura dell'economia è attraverso la vaccinazione", ha affermato Klaus Baader, capo economista globale di Societe Generale. "Sono le economie che vaccinano più rapidamente che saranno in cima alla classifica della crescita", ha spiegato.

Il risveglio dall'incubo potrebbe ancora vacillare. Le varianti del virus che possono eludere le nostre difese immunitarie creando nuovi focolai sono una preoccupazione non solo per i funzionari della salute pubblica ma anche per i responsabili politici che si occupano delle economie indebolite. La presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde, ha detto la scorsa settimana che la diffusione delle mutazioni del virus è una minaccia significativa per la ripresa prevista dell'Eurozona.

Anche se i vaccini aiutano a respingere il Covid-19 in gran parte dell'Occidente, la pandemia è tutt'altro che finita in Paesi come l'India e il Brasile, dove imponenti ondate di nuovi casi stanno travolgendo gli ospedali e colpendo duramente l'attività economica.

Gli economisti si aspettano che gli Stati Uniti registrino una crescita annualizzata del 6,5% nel primo trimestre, secondo un sondaggio del Wall Street Journal, con l'aumento della spesa dei consumatori che compensa le interruzioni della produzione di petrolio legate alle condizioni meteorologiche in Texas e le interruzioni dell'offerta nell'industria automobilistica.

Alla base della ripresa attesa ci sono i tassi di interesse più bassi e il disegno di legge di stimolo da 1.900 miliardi di dollari dell'amministrazione Biden.

Il Fondo monetario internazionale si aspetta che gli Stati Uniti registrino una crescita annuale di oltre il 6% quest'anno poiché la vaccinazione consentirà alle aziende di riaprire le loro porte e ai consumatori i loro portafogli. L'Fmi prevede che l'economia statunitense supererà le dimensioni pre-pandemiche quest'anno, con altre importanti economie che seguiranno tale strada nel 2022. La Cina ha già recuperato il terreno perso a causa del Covid-19.

Le principali compagnie aeree, tra cui Southwest Airlines e American Airlines Group, stanno richiamando i piloti e gli assistenti di volo con l'aumento della domanda di viaggio dopo un anno. "Crediamo che il peggio sia finalmente passato", ha detto la scorsa settimana Gary Kelly, amministratore delegato di Southwest.

Gli Stati Uniti hanno somministrato almeno una dose del vaccino al 42% della popolazione e tutti gli Stati hanno esteso l'accesso alle vaccinazione a tutti i soggetti di età pari o superiore a 16 anni. I casi di Covid-19 a livello nazionale stanno nuovamente diminuendo dopo che sono aumentati fino a marzo. In calo anche i decessi e i ricoveri, soprattutto tra gli anziani.

La zona euro, al contrario, dovrebbe registrare una contrazione annualizzata del 3,2% nel primo trimestre, poiché alcuni Paesi, tra cui la Francia, hanno rafforzato le restrizioni per la salute pubblica a causa dell'aumento dei casi di Covid-19.

I Paesi europei per la maggior parte sono stati più lenti nel vaccinare i loro cittadini rispetto agli Stati Uniti. L'Unione europea ha somministrato almeno una dose del vaccino solo al 21% dei suoi cittadini, secondo i dati compilati da Our World in Data dell'Università di Oxford.

Tuttavia, i tassi di vaccinazione stanno accelerando, grazie all'ampliamento dell'accesso ai vaccini e all'offerta extra. Ciò sta aprendo la strada a un rimbalzo più forte nella seconda metà dell'anno. L'Fmi prevede una crescita del 4,4% nell'area dell'euro quest'anno, guidata dalla ripresa in Francia e Germania.

La crescita nel Regno Unito, che nel 2020 ha subito la sua recessione più profonda dall'inverno del 1709, sta già mostrando segni di ripresa mentre il Paese riapre con cautela a seguito di una rapida campagna di vaccinazione.

Dietro le differenze nelle campagne di vaccinazione c'è un complesso mix di decisioni normative e politiche, problemi di approvvigionamento, burocrazia e sfide logistiche.

I Paesi dell'Ue hanno somministrato le loro prime dosi una settimana dopo rispetto agli Stati Uniti e due settimane dopo l'inizio delle vaccinazioni nel Regno Unito. L'avvio delle vaccinazioni nell'Ue è stato frenato a inizio anno dalle carenze di fornitura del vaccino sviluppato dall'Università di Oxford e AstraZeneca, portando a tensioni con il Regno Unito sull'accesso alle dosi.

I responsabili politici in Europa sono ora ottimisti sul fatto che la maggior parte degli adulti riceverà il vaccino durante l'estate mentre la produzione di sieri aumenta. La Commissione europea ha detto venerdì che l'Ue è sulla buona strada per raggiungere il suo obiettivo di vaccinare il 70% della popolazione adulta entro luglio.

Mentre i Paesi occidentali discutono sull'uso di singoli vaccini, gli sforzi per vaccinare i Paesi più poveri contro il Covid-19 sono rallentati fino a diminuire con il peso della pandemia che si sposta sui Paesi in via di sviluppo.

L'iniziativa Covax, sostenuta dall'Organizzazione mondiale della sanità e dai Paesi ricchi per fornire vaccini gratuiti a 92 Paesi a basso e medio reddito, ha recentemente ridotto del 40% il numero di vaccini che prevede di spedire entro la fine di maggio, a 145 milioni di dosi e l'India, il suo principale fornitore, ha in gran parte smesso di esportare i vaccini mentre combatte una nuova ondata di casi.

cos

(END) Dow Jones Newswires

April 26, 2021 04:21 ET (08:21 GMT)

Ultime notizie "Economia & Forex"
Ultime notizie "Economia & Forex"