Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie
Tutte le notizieSocietÓIndiciValute/ForexMaterie PrimeCriptovaluteETFTassiEconomiaTematicheSettori 

Energia: navi rigassificatrici scarseggiano in guerra energetica europea

01-12-2022 | 18:58

MILANO (MF-DJ)--Le navi rigassificatrici sono fondamentali nella guerra energetica dell'Europa con la Russia. Una vera e propria sfortuna per le altre regioni del mondo che vi facevano affidamento per le proprie esigenze energetiche.

L'Europa ha iniziato a fare scorta di unità galleggianti di stoccaggio e rigassificazione, note come Fsru, da quando quest'estate il Cremlino ha interrotto i flussi di gas verso il continente. Queste navi possono aiutare i Paesi ad aumentare rapidamente la propria capacità di importare gas naturale liquefatto, ma ne esistono soltanto 50 in tutto il mondo.

Le Fsru sono collegate ai porti esistenti, dove riconvertono il Gnl allo stato fangoso in gas che viene poi pompato nei gasdotti di collegamento a terra. Queste navi possono essere costruite da zero in circa la metà del tempo di un terminale di gas permanente onshore e al 60% del costo. Un aspetto che le ha rese particolarmente attrattive per i governi a corto di liquidità dei Paesi in via di sviluppo.

Anche Bruxelles sta mostrando di recente un crescente interesse per le Fsru, considerandole adesso come parte della soluzione alla crisi energetica. L'Unione Europea deve ridurre la propria esposizione al gas russo in maniera rapida, ma anche passare dal Gnl a forme di energia più pulita: l'Ue vuole infatti che le energie rinnovabili come l'eolico e il fotovoltaico rappresentino almeno il 40% del suo mix energetico entro il 2030. E noleggiare Fsru è l'espediente perfetto.

Mentre la Spagna e il Regno Unito possiedono una buona capacità di importazione di Gnl, Germania e Paesi Bassi hanno tradizionalmente fatto affidamento sul gas dei gasdotti dalla Russia e devono pertanto migliorare la propria capacità di ricevere carichi via mare.

Nello specifico, i Paesi Bassi stanno installando due navi rigassificatrici nel porto di Eemshaven che, una volta completamente operative, dovrebbero essere in grado di gestire 8 miliardi di metri cubi di importazioni all'anno. Insieme all'espansione del terminale di importazione di Gnl esistente a Rotterdam, il paese raddoppierà la propria capacità di importazione dall'inizio della crisi energetica.

La Germania ha noleggiato circa sei Fsru e ne sta attualmente installando una a Lubmin, vicino al porto dove arrivavano i flussi del gasdotto Nord Stream. Questi e altri progetti di espansione portuale dovrebbero aumentare la capacità complessiva di rigassificazione di Gnl dell'Ue del 15% per questo inverno. Secondo l'Agenzia internazionale per l'Energia, dall'invasione russa dell'Ucraina, sono state messe in sicurezza 21 Fsru per diverse strutture in tutta l'Ue.

Tutto ciò rappresenta un'inversione di tendenza per i proprietari di queste navi rilegate in precedenza in secondo piano. L'anno scorso, il costo del noleggio di una di queste navi ammontava a soli 100.000 dollari al giorno e la domanda era così contenuta da far sì che le navi trasportassero Gnl da A a B piuttosto che rigassificare i carichi.

Le tariffe giornaliere sono raddoppiate negli ultimi 12 mesi e dovrebbero rimanere elevate, con un'offerta limitata poiché i cantieri navali in Corea del Sud, dove di solito vengono prodotte, sono al completo da diversi anni.

Da quando si è quotata nell'aprile di quest'anno, il titolo di Excelerate Energy, che possiede un quinto delle navi rigassificatrici del mondo, ha guadagnato il 20%. Le sue navi avrebbero dovuto svolgere un ruolo chiave nell'apertura di nuovi mercati di Gnl in paesi come il Pakistan, ma adesso prevede di inviare più navi in Europa. Un'altra società con sede negli Stati Uniti, New Fortress Energy, possiede una delle Fsru che è attualmente in fase di installazione nei Paesi Bassi.

Con il progressivo abbassamento delle temperature, i prezzi del Gnl in Europa stanno nuovamente aumentando dopo i sostanziali cali registrati questo autunno. La brama dell'Ue ha già lasciato fuori i Paesi in via di sviluppo, che dovranno fare affidamento su combustibili più inquinanti, come il carbone, più a lungo del previsto.

Tuttavia, anche se i prezzi scendessero, le navi rigassificatrici di cui hanno bisogno per importare il gas salperanno per l'Europa.

zag


(END) Dow Jones Newswires

December 01, 2022 12:57 ET (17:57 GMT)

Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
EXCELERATE ENERGY, INC. -2.09%22.96 Prezzo in differita.-8.34%
NEW FORTRESS ENERGY INC. -3.00%39.82 Prezzo in differita.-3.23%
S&P GSCI NATURAL GAS INDEX -1.87%112.8383 Prezzo in tempo reale.-45.12%
US DOLLAR / RUSSIAN ROUBLE (USD/RUB) -0.11%70.55 Prezzo in differita.-2.67%
Ultime notizie "Economia"
16:24Il Papa, l'Arcivescovo incontra le persone sfollate a causa della guerra nel Sud Sudan
MR
15:28Banco BPM vuole spremere più valore a lungo termine dall'attività di pagamento dei rivenditori.
MR
15:26Monte dei Paschi è un affare troppo grande per Banco BPM, dice il capo di BPM
MR
14:30Piombino : Wwf/Greenpeace sostengono in aula ricorso Comune su rigassificatore
DJ
14:20Banche : Gros-Pietro, ora è fondamentale qualità analisi e valutazione rischi
DJ
14:19Bce: Gros-Pietro (Isp), per politica virtuosa serve confronto continuo
DJ
14:17Isp : Gros-Pietro; anno decisamente buono, aspettative prudenti ma positive
DJ
14:17Bce: Gros-Pietro, tassi sono limite a redditività investimenti
DJ
14:15Bce: Gros Pietro, compito è convincere mercato che tassi scenderanno
DJ
14:14Banche: Patuelli, pronte anche a stress test più duri
DJ
Ultime notizie "Economia"