Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Esclusivo - Gli Stati Uniti e l'Ucraina discutono del pericolo di un'escalation, mentre le nuove armi estendono il raggio d'azione di Kyiv

26-05-2022 | 21:58
FILE PHOTO: U.S. Marine Corps M777 howitzers shipped to support Ukraine

Mentre gli Stati Uniti e i suoi alleati forniscono all'Ucraina armi sempre pi¨ sofisticate, Washington ha discusso con Kyiv del pericolo di un'escalation se colpisse in profonditÓ la Russia, hanno dichiarato a Reuters funzionari statunitensi e diplomatici.

I colloqui dietro le quinte, che sono altamente sensibili e non sono stati riportati in precedenza, non pongono restrizioni geografiche esplicite sull'uso delle armi fornite alle forze ucraine. Ma le conversazioni hanno cercato di raggiungere una comprensione condivisa del rischio di escalation, hanno detto tre funzionari statunitensi e fonti diplomatiche.

"Siamo preoccupati per l'escalation, ma non vogliamo porre limiti geografici o legare troppo le mani con il materiale che stiamo fornendo loro", ha detto uno dei tre funzionari statunitensi, parlando a condizione di anonimato.

L'amministrazione del Presidente Joe Biden e gli alleati degli Stati Uniti sono stati sempre più disposti a fornire all'Ucraina armi a più lungo raggio, compresi gli obici M777, mentre Kyiv combatte le forze di invasione della Russia con più successo di quanto i funzionari dell'intelligence americana avessero previsto. L'annuncio del Pentagono della scorsa settimana che la Danimarca fornirà all'Ucraina missili antinave Harpoon estenderà ulteriormente il raggio d'azione di Kyiv.

Dopo aver inizialmente previsto che l'Ucraina sarebbe stata sopraffatta dalle forze armate molto più grandi della Russia, i funzionari americani hanno recentemente espresso la speranza che le forze ucraine possano vincere la guerra, e vogliono armarle per farlo.

I funzionari statunitensi affermano che l'amministrazione Biden sta persino valutando la possibilità di fornire a Kyiv il sistema di razzi di artiglieria ad alta mobilità M142 (HIMARS), che a seconda delle munizioni può avere una portata di centinaia di chilometri.

Ma l'intelligence statunitense ha anche messo in guardia sui rischi crescenti, in particolare per la mancata corrispondenza tra le ambizioni apparenti del Presidente russo Vladimir Putin e le prestazioni del suo esercito. I prossimi mesi potrebbero portare la guerra su una "traiettoria più imprevedibile e potenzialmente escalativa", ha dichiarato il Direttore dell'Intelligence Nazionale Avril Haines in un'audizione al Senato questo mese.

Gli Stati Uniti, per impostazione, non stanno combattendo direttamente le forze russe, ma i comandanti del Pentagono sono in costante contatto con i leader ucraini e hanno fornito informazioni critiche che hanno permesso all'Ucraina di colpire le truppe russe, a terra e in mare, hanno detto i funzionari statunitensi.

Un secondo funzionario statunitense, anch'egli in condizione di anonimato, ha detto che Washington e Kiev hanno una "comprensione" condivisa sull'uso di alcuni sistemi d'arma forniti dall'Occidente.

"Finora siamo stati sulla stessa lunghezza d'onda per quanto riguarda le soglie", ha detto il funzionario.

Il Ministero della Difesa ucraino non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

OBIETTIVI MILITARI

La Russia ha attaccato la capitale dell'Ucraina e località lontane dalle prime linee di combattimento. Ma l'Ucraina non ha ricambiato con attacchi a una grande città russa o ha effettuato attacchi in profondità all'interno della Russia, compresi obiettivi militari come produttori di armi o hub di rifornimento lontani dal confine.

I funzionari russi hanno ripetutamente accusato l'esercito ucraino di aver effettuato attacchi transfrontalieri, tra cui un deposito di carburante nella città di Belgorod. La Russia ha giustificato la sua invasione dell'Ucraina in parte sulla base della premessa che l'Ucraina fosse una minaccia per la Russia - un'idea che Kyiv e l'Occidente rifiutano.

In quello che una fonte diplomatica ha detto essere una chiara indicazione che Kyiv comprende la sensibilità di qualsiasi azione transfrontaliera, l'Ucraina ha rifiutato di confermare qualsiasi coinvolgimento in questi presunti incidenti. Anche gli Stati Uniti non hanno commentato.

La sensibilità degli Stati Uniti è stata resa pubblica ad aprile, quando il Pentagono ha citato gli avvertimenti dell'intelligence statunitense sul rischio di un'escalation militare tra la Russia e l'alleanza NATO se gli Stati Uniti avessero trasferito dei jet da combattimento all'Ucraina.

Il rappresentante democratico Jason Crow, che ha visitato l'Ucraina il mese scorso e ha parlato con il Presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy, ha dichiarato di non essere preoccupato per il rischio di escalation e che l'Ucraina utilizzerà le armi fornite nel sud.

A tre mesi dall'inizio del conflitto, la Russia sta concentrando la sua campagna nel sud dopo un tentativo fallito di catturare Kyiv.

"Dovremmo ribadire, come facciamo in tutti i casi, che queste armi devono essere usate in modo responsabile", ha detto Crow, un veterano dell'Esercito Ranger che fa parte del Comitato dei Servizi Armati e del Comitato Permanente di Selezione sull'Intelligence del Congresso.

"Ma sono meno preoccupato della questione dell'escalation, piuttosto che assicurarmi che gli ucraini possano vincere ora e respingere le forze russe".

Il primo funzionario statunitense ha detto che l'Ucraina aveva molti obiettivi da colpire all'interno del Paese, e che questo era l'obiettivo di ottenere armi a più lungo raggio dagli alleati occidentali.

Douglas Lute, ex ambasciatore degli Stati Uniti presso la NATO e tenente generale dell'esercito in pensione, ha concordato che l'Ucraina ha abbastanza obiettivi russi all'interno dell'Ucraina di cui preoccuparsi.

Ma ha riconosciuto il rischio di escalation e di divisione politica all'interno della NATO se l'Ucraina dovesse colpire in profondità la Russia.

"Si scatenerebbe un dibattito divisivo all'interno dell'Alleanza. E, ovviamente, l'Alleanza non lo vuole. E nemmeno l'Ucraina", ha detto Lute a Reuters.

Una domanda che rimane è se l'Ucraina potrebbe cambiare la sua strategia se la guerra prendesse una piega peggiore, magari usando le armi fornite dagli Stati Uniti in modi non originariamente previsti.

"Potrebbero esserci scenari in cui gli ucraini sono messi in un angolo tale da ritenere di dover intensificare ulteriormente la guerra, ma non abbiamo ancora visto questo", ha detto il secondo funzionario statunitense.


ę MarketScreener con Reuters 2022
Ultime notizie "Economia & Forex"
00:59Il Nuovo Messico protegge le cliniche abortive in vista del previsto aumento di pazienti
MR
00:58La società britannica di private equity Actis acquisterà il 10% della brasiliana Omega Energia
MR
00:32Medvedev dice che qualsiasi invasione della NATO in Crimea potrebbe portare alla Terza Guerra Mondiale.
MR
00:11Biden annuncerà l'estensione della presenza di truppe statunitensi in Polonia -NBC News
MR
27/06Morgan Stanley, Bank of America aumentano i dividendi, JPMorgan rimane piatta
MR
27/06Lockheed si aggiudica un contratto da 2,3 miliardi di dollari per la costruzione di elicotteri Black Hawk
MR
27/06Il fatturato trimestrale di Nike è superiore alla domanda di abbigliamento sportivo
MR
27/06Morgan Stanley coprirà i viaggi dei dipendenti statunitensi per i servizi di aborto - fonte
MR
27/06Albemarle progetta un importante impianto di lavorazione del litio negli Stati Uniti
MR
27/06FTX di Bankman-Fried sta cercando di acquistare Robinhood - Bloomberg News
MR
Ultime notizie "Economia & Forex"