Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Esclusivo: Kyiv chiede alla Turchia di indagare su altre tre navi russe che secondo lei hanno trasportato grano rubato

05-07-2022 | 20:25
Russian-flagged bulk carrier Mikhail Nenashev is unloaded at the MMK Port in Dortyol near the Mediterranean town of Iskenderun

L'Ucraina ha chiesto alla Turchia di aiutarla a indagare su tre navi battenti bandiera russa, nell'ambito degli sforzi di Kiev per indagare su quello che sostiene sia il furto di grano dal territorio occupato dalla Russia, secondo i documenti ufficiali.

In una lettera del 13 giugno, che non è stata riportata in precedenza, l'ufficio del procuratore generale ucraino ha chiesto al ministero della Giustizia della Turchia di indagare e fornire prove sulle tre navi nominate che sospetta siano state coinvolte nel trasporto di grano presumibilmente rubato dai territori ucraini recentemente occupati, come Kherson.

La lettera, che Reuters ha esaminato, afferma che le navi hanno viaggiato dal principale terminal cerealicolo della Crimea a Sebastopoli nei mesi di aprile e maggio e ha fatto pressione su Ankara per ottenere la documentazione sul loro carico e sull'arrivo nei porti turchi. La Russia ha annesso la Crimea nel 2014.

Tutte e tre le grandi navi portarinfuse secche - Mikhail Nenashev, Matros Pozynich e Matros Koshka - sono di proprietà di una filiale di una società statale russa sottoposta a sanzioni occidentali, chiamata United Shipbuilding Corporation, secondo Equasis, un database di navigazione. L'azienda russa non ha risposto a una richiesta di commento.

Se viene accertato che la United Shipbuilding Corporation ha trasportato grano dal territorio ucraino recentemente occupato, ciò si aggiungerebbe alle prove emergenti del coinvolgimento di entità statali russe nell'esportazione di ciò che Kyiv sostiene essere merce rubata. L'Ucraina ha accusato pubblicamente Mosca di aver rubato del grano dopo l'invasione di febbraio; la Russia ha ripetutamente negato di aver rubato del grano ucraino.

Il conflitto in Ucraina ha aumentato le preoccupazioni per la sicurezza alimentare sia in Ucraina che nel resto del mondo, facendo salire i prezzi alimentari mondiali a livelli record quest'anno. L'Ucraina è uno dei maggiori esportatori di cereali al mondo, ma ha faticato ad esportare merci con la guerra che infuria lungo la sua costa meridionale e molti dei suoi porti bloccati. Il grano rappresenta quasi un quinto di tutte le esportazioni del Paese, secondo i dati ufficiali.

Reuters non è stata in grado di determinare l'origine o la destinazione finale del grano nelle navi nominate da Kyiv nella lettera.

Il Cremlino non ha risposto alle richieste di commento. Kirill Stremousov, vice capo dell'amministrazione russa installata a Kherson, ha detto che il grano della regione era diretto in Crimea e che gli agricoltori locali erano responsabili del trasporto. Ha detto di non essere a conoscenza di spedizioni verso la Turchia o il Medio Oriente.

Venerdì la Reuters ha riferito che Kyiv, in una lettera separata, datata 30 giugno, ha chiesto al Ministero della Giustizia turco di trattenere e arrestare un'altra nave battente bandiera russa che trasportava, a suo dire, grano ucraino dal porto occupato di Berdyansk. Lunedì, un alto funzionario turco ha dichiarato che la Turchia ha bloccato la nave da carico e sta indagando sulla rivendicazione dell'Ucraina.

La Turchia, membro della NATO, che ha buoni rapporti sia con Mosca che con Kiev, ha criticato l'invasione ma ha anche respinto le sanzioni occidentali contro la Russia. Ankara ha concordato con l'Ucraina di bloccare le spedizioni commerciali tra la Crimea e la Turchia dal 2014.

Allo stesso tempo, la Turchia ha svolto un ruolo chiave nelle discussioni tra le Nazioni Unite, la Russia e l'Ucraina su un potenziale corridoio del Mar Nero per esportare grano dall'Ucraina.

Il Ministero della Giustizia turco ha rifiutato di commentare le due lettere di Kyiv e ha fatto riferimento ai recenti commenti del Ministero degli Esteri turco, che ha indagato sulle affermazioni pubbliche dell'Ucraina secondo cui il grano rubato dalla Russia sarebbe arrivato in Turchia e ha stabilito che non c'era alcun problema.

"Abbiamo visto che il porto di partenza delle navi e l'origine delle merci è la Russia nei registri", ha detto il Ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu ai giornalisti il 23 giugno, senza identificare quali navi. "Siamo contrari al fatto che i cereali ucraini o altri beni vengano presi dalla Russia... e non permetteremo che questi beni arrivino da noi". Il Ministero degli Esteri non ha risposto alle richieste di commento sulla nave proveniente da Berdyansk e arrivata in Turchia alla fine della settimana scorsa.

Una fonte diplomatica turca ha aggiunto che Kyiv ha condiviso con Ankara le sue affermazioni sul presunto furto di grano portato in Turchia tramite navi russe e che la cooperazione con i funzionari ucraini è in corso.

L'ufficio del procuratore generale ucraino non ha risposto alle richieste di commento. Taras Vysotskiy, primo vice del Ministro dell'Agricoltura ucraino, ha dichiarato a Reuters che Kyiv stima che siano state esportate circa 400.000 tonnellate di grano rubato. L'ambasciatore ucraino in Turchia, Vasyl Bodnar, ha detto a Reuters che l'Ucraina ritiene che la maggior parte sia andata in Turchia e che Kyiv ha inviato alle autorità turche quelle che considera prove sul coinvolgimento di 13 navi.

La lettera del 13 giugno afferma che almeno due delle navi hanno spento i sistemi di tracciamento che trasmettevano apertamente prima di entrare nel porto di Sebastopoli.

Inoltre, Kyiv sospettava che il grano venisse prelevato dai territori occupati di recente, in particolare da Kherson, dove, a detta di Kyiv, c'erano diversi elevatori di grano a cui i proprietari non avevano accesso a causa dell'occupazione. Non ha identificato i proprietari. Kyiv, nella lettera, ha aggiunto che sta indagando sulle violazioni criminali delle regole e delle consuetudini di guerra dell'Ucraina, senza nominare le persone.

L'ambasciata ucraina a Beirut ha dichiarato a Reuters che almeno sette aziende che possiedono unità di stoccaggio nel territorio appena occupato hanno registrato cause penali con le autorità ucraine, sostenendo che la Russia ha rubato il loro grano. Due delle aziende, Ukrlandfarming e State Food and Grain Corporation of Ukraine, hanno confermato a Reuters di aver presentato un documento alle autorità ucraine, ma hanno rifiutato di fornire dettagli. Le altre non hanno risposto alle richieste di commento.

L'Ucraina ha anche affermato che la Russia ha inviato alla Siria, suo alleato, del grano presumibilmente rubato all'Ucraina dopo l'invasione di febbraio. L'ambasciata ucraina a Beirut ha dichiarato a Reuters che almeno 150.000 tonnellate di quello che ha detto essere grano "rubato" sono arrivate in Siria da febbraio, per lo più su navi russe, senza specificare come lo sapeva.

Né l'autorità portuale siriana, che fa parte del Ministero dei Trasporti, né il Ministero dell'Informazione siriano hanno risposto alle richieste di commento.

VIAGGI TURCHI

Una delle navi nominate da Kyiv nella lettera del 13 giugno, la Mikhail Nenashev, lunga 169 metri, si trovava al terminal cerealicolo Avlita di Sebastopoli dal 14 al 16 giugno, secondo le immagini satellitari acquisite da Planet Labs PBC, un operatore satellitare privato, che mostrano la nave attraccata accanto a silos di grano con gru che svettano sopra.

La nave è arrivata otto giorni dopo a Iskenderun, in Turchia, secondo i dati di tracciamento navale di Refinitiv Eikon. Le foto e i video forniti da Yoruk Isik, analista geopolitico con sede a Istanbul e capo della società di consulenza Bosphorus Observer, mostrano gru portuali che sollevano quello che dalle immagini sembra essere un carico dorato, simile a grano, dalla Mikhail Nenashev ai camion il 27 giugno nel vicino porto di Dortyol.

Da marzo, la Mikhail Nenashev ha visitato il terminal di cereali di Sebastopoli in almeno altre tre occasioni, prima di arrivare in Turchia tra i 5 e i 15 giorni dopo, secondo le immagini satellitari e i dati di tracciamento delle navi.

In un caso, ha scaricato 27.000 tonnellate di grano nel porto marittimo turco di Derince il 22 aprile, secondo i dati di Refinitiv Eikon, che mostrano che il carico è stato caricato a Sebastopoli, in Crimea. L'Ucraina, nella sua lettera del 13 giugno, ha affermato che la Mikhail Nenashev ha caricato 27.500 tonnellate di grano presso il terminal cerealicolo Avlita di Sebastopoli ad aprile, senza specificare in quale giorno.

Il porto di Dortyol non ha risposto alle domande di Reuters sulle spedizioni o sulle precauzioni prese alla luce delle rivendicazioni ucraine. Il porto di Derince ha confermato di aver ricevuto "navi russe che trasportavano cereali", ma non ha commentato i processi di controllo. Non c'è stata risposta alla sede centrale di Avlita e una persona dell'ufficio di Sebastopoli che ha risposto al telefono ha negato di essere a conoscenza di grano ucraino nel porto e ha messo giù il telefono.

Un'altra delle navi, la Matros Pozynich, ha attraccato in Siria in almeno tre occasioni entro una o due settimane dalla visita al terminal cereali Avlita di Sebastopoli, secondo le immagini satellitari e i dati di tracciamento delle navi. La terza nave, Matros Koshka, in almeno tre occasioni ha lasciato il terminal cerealicolo di Sebastopoli prima di spegnere i transponder della nave, secondo le immagini satellitari e i dati di tracciamento. In una di queste occasioni, ha attraccato in Siria 10 giorni dopo, secondo un'immagine satellitare di Planet Labs.

Tutte e tre le navi sono di proprietà e gestite dalla società Crane Marine Contractor LLC, con sede in Russia, e sono state acquistate a dicembre o febbraio, secondo i registri di proprietà di Equasis. L'azienda è una filiale di United Shipbuilding Corporation (USC), secondo una copia dello statuto di Crane Marine attualmente presente sul suo sito web. Il sito web di USC elenca anche Crane Marine come una delle sue società. I registri aziendali russi mostrano che Crane Marine è di proprietà del gruppo Caspian Energy, che fa parte di USC, secondo i comunicati stampa dell'azienda USC datati nel 2018.

Crane Marine non ha risposto a una richiesta di commento.

Gli Stati Uniti hanno sanzionato USC nel 2014 in risposta agli sforzi della Russia "per destabilizzare l'Ucraina orientale", affermando che l'azienda statale di tecnologia della difesa produceva armi e costruiva navi per la marina russa. Ad aprile, Washington ha rinnovato e ampliato le sanzioni relative all'azienda. La Gran Bretagna ha sanzionato USC a febbraio.

(Servizio di Jonathan Spicer a Istanbul e Reade Levinson a Londra; servizi aggiuntivi di Pavel Polityuk a Kiev, Azra Ceylan, Ali Kucukgocmen, Daren Butler e David Gauthier-Villars a Istanbul, Tuvan Gumrukcu e Orhan Coskun ad Ankara, Maya Gebeily a Beirut, Mark Trevelyan e Jonathan Saul a Londra e Gus Trompiz a Parigi; Redazione di Cassell Bryan-Low)


ę MarketScreener con Reuters 2022
Ultime notizie "Economia & Forex"
20:15Un albero (casa) cresce a Brooklyn; l'edificio di appartamenti di sei piani ha travi in legno
MR
19:50Un problema alla tuta spaziale costringe alla fine anticipata della passeggiata spaziale russa
MR
19:34Un'enorme esplosione colpisce la moschea di Kabul, si temono molte vittime
MR
19:34Un'enorme esplosione colpisce la moschea di Kabul, si temono molte vittime
MR
19:26ELEZIONI: Salvini, cosa buona proporre alcuni ministri prima
DJ
19:24ELEZIONI: Salvini, chi sceglie Pd sceglie patrimoniale
DJ
19:24ELEZIONI: Salvini, mio dovere morale azzerare Fornero
DJ
19:18Il fondo di buyout di Rothschild testa l'appetito per l'azienda di software da 1,5 miliardi di dollari A2Mac1
MR
19:15FOREVER BAMBÙ: diventa Società Benefit
DJ
19:07ASTE BOND: Usa collocano 15 mld usd Note 20 anni a 3,38%, cover 2,3
DJ
Ultime notizie "Economia & Forex"