Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrazione
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaProfessionisti della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Esclusivo: il Papa spera che l'edificio di Londra sia l'ultimo scandalo finanziario del Vaticano

07-07-2022 | 17:23
FILE PHOTO: Reuters exclusive interview with Pope Francis at the Vatican

Papa Francesco ha detto di sperare che la recente vendita di un edificio di lusso a Londra, al centro di un processo per corruzione in corso, significhi che il Vaticano pu˛ vedere la fine degli scandali finanziari.

Le finanze vaticane sono state uno dei tanti argomenti della Chiesa e internazionali che il Pontefice 85enne ha trattato in un'intervista esclusiva con Reuters nella sua residenza vaticana il 2 luglio.

In altre parti dell'intervista ha negato di avere intenzione di dimettersi a breve, ha negato di avere il cancro, ha parlato delle sue speranze di andare a Mosca e a Kiev e ha rivelato che per la prima volta nominerà delle donne in un comitato vaticano che lo aiuta a scegliere i vescovi.

L'intervista ha avuto luogo un giorno dopo che il Vaticano ha annunciato di aver completato la vendita dell'edificio di Sloane Avenue a Chelsea, incassando una cifra stimata di circa 140 milioni di euro.

Dieci persone, tra cui un cardinale vaticano e due broker finanziari italiani, sono sotto processo in Vaticano con accuse che includono appropriazione indebita, frode, riciclaggio di denaro ed estorsione in relazione all'edificio.

Al Papa è stato chiesto se credeva che i controlli fossero sufficienti per evitare che scandali simili si ripetessero.

"Credo di sì", ha detto.

La Segreteria di Stato vaticana ha investito per la prima volta nell'edificio nel 2014 con i fondi del proprio fondo sovrano, gestito senza controlli esterni.

Ha resistito anche alla supervisione della Segreteria per l'Economia, che il Papa ha istituito nel 2014 per supervisionare tutte le finanze vaticane e mettere un freno a decenni di scandali causati dalla frammentazione delle finanze, in cui diversi dipartimenti esercitavano il controllo in modo simile a un feudo.

A seguito del pessimo e imbarazzante affare di Londra, il Papa ha tolto alla Segreteria di Stato il controllo sui propri fondi di investimento nel 2020. Il mese scorso, ha istituito un comitato per supervisionare l'etica di tutti gli investimenti vaticani.

"Prima, l'amministrazione (del denaro vaticano) era molto disordinata", ha detto il Papa, aggiungendo che la Segreteria per l'Economia è ora composta da persone esperte e tecniche, "che non cadono nelle mani di benefattori o amici, che possono farvi sbagliare".

LA BEATA IMELDA

Ha fatto l'esempio di sacerdoti che non avevano alcuna esperienza finanziaria a cui è stato chiesto di gestire le finanze di un dipartimento e che in buona fede hanno cercato aiuto da amici nel settore finanziario esterno.

"Ma a volte gli amici non erano la Beata Imelda", ha detto, riferendosi a una ragazza italiana di 11 anni del XIV secolo, simbolo della purezza dell'infanzia.

"E quindi quello che è successo, è successo", ha detto il Papa.

Ha incolpato "l'irresponsabilità della struttura" per gli scandali finanziari passati, dicendo che l'amministrazione del denaro "non era matura".

Nell'intervista, Francesco ha elogiato il Cardinale australiano George Pell come "il genio" che aveva insistito sul fatto che il Vaticano avesse bisogno di un ministero dell'economia generale per controllare i flussi di denaro e combattere la corruzione.

Pell è stato il primo capo della Segreteria per l'Economia, ricevendo un mandato dal Papa per ripulire le torbide finanze del Vaticano.

Pell, oggi 81enne, ha lasciato l'incarico nel 2018 per affrontare le accuse di abusi sessuali risalenti a decenni fa in Australia. Ha trascorso 13 mesi in isolamento prima di essere scagionato da tutte le accuse in appello nel 2020.

Il Cardinale Angelo Becciu, che Pell ha accusato di aver opposto resistenza alle riforme finanziarie quando era il numero due della Segreteria di Stato, è attualmente uno dei 10 imputati nel processo per corruzione sull'affare immobiliare di Londra.

Tutti gli imputati hanno negato di aver commesso illeciti.


ę MarketScreener con Reuters 2022
Ultime notizie "Economia & Forex"
21:02La banca centrale messicana vede un aumento del tasso di riferimento al livello record del 9,25% - Sondaggio Reuters
MR
20:11Le previsioni di profitto al ribasso sollevano le preoccupazioni di Wall Street, che vacilla.
MR
20:03Esclusivo: dopo il voto per la sua destituzione, Claver-Carone dell'IDB dice che intraprenderà un'azione legale
MR
20:01Ghana, FMI in trattative sul pacchetto di salvataggio
MR
19:50La forza del dollaro statunitense crea una situazione 'insostenibile' che rischia la crisi finanziaria - Morgan Stanley
MR
19:42La Banca del Canada deve aumentare i tassi per contenere l'inflazione - Governatore della Banca Centrale del Canada
MR
19:37Le trattative sul capitale del Monte dei Paschi entrano nel tratto finale dopo il voto dell'Italia
MR
19:32Nota di chiusura
DJ
19:30Tecma : in 1* sem. perdita netta a 1,99 mln (+0,47 mln al 30/06/2021)
DJ
19:30Dedagroup : Il Bisonte sceglie Stealth per rispondere a esigenze verticali
DJ
Ultime notizie "Economia & Forex"