Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie
Tutte le notizieSocietÓIndiciValute/ForexMaterie PrimeCriptovaluteETFTassiEconomiaTematicheSettori 

Explainer - COP27: come il cambiamento climatico impatta sui Paesi di tutto il mondo

09-11-2022 | 14:45
COP27 climate summit, in Sharm el-Sheikh

Mentre i delegati alla conferenza sul clima COP27 discutono del problema comune del cambiamento climatico, ogni Paese dovrÓ affrontare le proprie sfide e minacce.

A febbraio, l'agenzia delle Nazioni Unite per la scienza del clima ha pubblicato un importante rapporto sull'adattamento ad un mondo più caldo - e ha dettagliato come tale sforzo varierà da luogo a luogo. Mentre alcuni Paesi vedranno sciogliersi i ghiacciai o innalzarsi le coste, altri dovranno fare i conti soprattutto con incendi furiosi e caldo estremo, secondo il rapporto del Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico.

Questo richiederà investimenti e soluzioni diverse, mentre le comunità cercheranno di adattarsi. Ecco alcuni dei modi in cui il cambiamento climatico colpirà i Paesi di ogni regione:

ASIA

I Paesi con territorio nelle montagne dell'Himalaya o nelle sue propaggini, tra cui Cina, India, Nepal e Pakistan, potrebbero trovarsi ad affrontare improvvisi eventi di inondazione, secondo il rapporto. Quando il ghiaccio si scioglie, l'acqua può accumularsi dietro le creste rocciose e formare dei laghi. E quando queste rocce cedono, l'acqua si precipita verso il basso, mettendo a rischio le comunità montane a valle.

Più a sud, si prevede che le zanzare che possono portare malattie come la febbre dengue e la malaria si diffonderanno in nuove zone dell'Asia subtropicale, incoraggiate dalle temperature più calde e dalle forti piogge.

E centinaia di milioni di persone saranno in movimento. Un rapporto della Banca Mondiale ha avvertito a settembre che gli impatti climatici, tra cui la scarsità d'acqua e la diminuzione dei raccolti, potrebbero costringere circa 216 milioni di persone a migrare all'interno dei loro Paesi entro il 2050.

AFRICA

Vivendo nel continente più caldo del mondo, gli africani sono particolarmente a rischio di soffrire di stress da calore. Se il riscaldamento globale supera di 1,5 gradi Celsius (2,7 gradi Fahrenheit) i livelli preindustriali, almeno 15 persone in più ogni 100.000 moriranno ogni anno a causa del caldo estremo, secondo l'IPCC.

La popolazione africana probabilmente crescerà più velocemente di qualsiasi altra nel corso del 21° secolo, con molte persone che vivranno nelle città costiere. Entro il 2060, si prevede che più di 200 milioni di persone in Africa saranno vulnerabili all'innalzamento del livello del mare.

La capitale costiera della Nigeria, Lagos, è sulla buona strada per diventare la città più popolosa del mondo nel 2100. La crescita della popolazione in tutto il continente potrebbe anche aumentare la scarsità di risorse.

AMERICA CENTRALE E MERIDIONALE

La foresta pluviale amazzonica e le migliaia di piante e animali diversi che sostiene sono altamente vulnerabili alla siccità e agli incendi, aggravati dal disboscamento degli alberi da parte degli agricoltori.

Siccità, tempeste e inondazioni peggioreranno in alcune zone delle Ande, nel nord-est del Brasile e in parti dell'America Centrale. Insieme all'instabilità geopolitica ed economica, questi impatti potrebbero portare a ondate migratorie.

Le malattie trasmesse dalle zanzare, zika, chikungunya e dengue, potrebbero far ammalare più persone.

EUROPA

L'ondata di calore dell'estate 2019 ha offerto solo un assaggio di ciò che accadrà in Europa se il riscaldamento raggiungerà i 3 gradi Celsius. A tali temperature, i casi di stress da calore e di morte legata al calore raddoppierebbero, se non triplicherebbero, rispetto a 1,5C.

Oltre i 3°C, "ci sono dei limiti al potenziale di adattamento delle persone e dei sistemi sanitari esistenti", afferma il rapporto IPCC.

Si prevede che i danni delle inondazioni costiere andranno ben oltre lo sprofondamento di Venezia, aumentando di almeno 10 volte entro la fine del secolo.

E nonostante la relativa ricchezza dell'Europa, le attuali misure di adattamento sono insufficienti. Gli scienziati prevedono che nei prossimi decenni, nell'Europa meridionale, continueranno ad esserci morti per il caldo, fallimenti dei raccolti e razionamento dell'acqua durante la siccità.

AMERICA DEL NORD

I grandi incendi continueranno a bruciare le foreste e a oscurare i cieli negli Stati Uniti occidentali e in Canada, causando la distruzione della natura e dei mezzi di sussistenza e contribuendo all'inquinamento dell'aria e dell'acqua.

Anche se il riscaldamento globale sarà mantenuto a 1,5°C, molte parti degli Stati Uniti saranno ad alto rischio di gravi tempeste e uragani, oltre alle inondazioni dovute all'aumento del livello del mare e alle mareggiate.

Lunedì, la Quinta Valutazione Nazionale del Clima del Paese ha avvertito che questi eventi minacceranno "le cose che gli americani apprezzano di più", come case sicure, famiglie sane, servizi pubblici e un'economia sostenibile. L'IPCC ha anche affermato che tali impatti climatici interromperebbero le catene di approvvigionamento globali e il commercio internazionale.

E nell'Artico, lo scioglimento del ghiaccio marino, il riscaldamento delle temperature e il disgelo del permafrost spingeranno molte specie sull'orlo dell'estinzione. In un nuovo rapporto di lunedì, gli scienziati hanno previsto che il ghiaccio marino estivo scomparirà completamente entro il 2030.

AUSTRALASIA

La Grande Barriera Corallina e le foreste di alghe dell'Australia raggiungeranno un limite di adattamento difficile oltre 1,5°C, subendo cambiamenti irreversibili a causa delle ondate di calore marino. Le entrate del turismo diminuirebbero drasticamente, secondo l'IPCC.

Incendi estremi metterebbero a dura prova l'Australia meridionale e orientale e alcune parti della Nuova Zelanda.

E con l'inaridimento delle foreste australiane, il frassino alpino, i boschi di snowgum e le foreste di jarrah del nord crollerebbero in gran parte.


ę MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
DOW JONES AFRICA TITANS 50 INDEX -0.21%477.69 Prezzo in tempo reale.4.56%
EURO / BRAZILIAN REAL (EUR/BRL) -0.20%5.5672 Prezzo in differita.-2.62%
S&P AFRICA 40 INDEX -0.26%158.27 Prezzo in tempo reale.4.14%
Ultime notizie "Economia"
23:32La Yellen del Tesoro statunitense: l'inflazione rimane elevata ma ci sono segnali incoraggianti
MR
23:08Il prestatore di BNPL Affirm taglierà circa il 19% della sua forza lavoro
MR
23:07Il mondo dovrebbe 'calmarsi' sulle varianti COVID della Cina - scienziato cinese
MR
23:04Lo studio legale Shearman & Sterling di New York licenzia avvocati e personale
MR
23:02Esclusivo: il CEO di JPMorgan dice che l'economia sta andando 'bene', ma cita potenziali nubi di tempesta
MR
23:00L'MSCI riceve un feedback su Adani Group in merito al flottante dei titoli
MR
22:48Sorpresa sorpresa!
MR
22:41L'Australia riconosce la sospensione dell'indagine sull'abbattimento dell'MH17
MR
22:14I guadagni della Disney battono le stime, mentre i visitatori affollano i parchi a tema
MR
21:59FTX ottiene l'approvazione del tribunale per citare in giudizio il fondatore Bankman-Fried e altri addetti ai lavori
MR
Ultime notizie "Economia"