Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Factbox-Chi compra ancora petrolio greggio russo

31-03-2022 | 17:33
Smoke billows from a fire at oil refinery, owned by Russian oil producer Gazprom Neft, in Moscow

Australia, Gran Bretagna, Canada e Stati Uniti hanno imposto divieti totali sugli acquisti di petrolio russo dopo l'invasione di Mosca in Ucraina, ma l'Unione Europea rimane divisa.

Finora i 27 membri del blocco non sono stati in grado di accordarsi su un embargo, con la Germania che mette in guardia da passi affrettati che potrebbero spingere l'economia in recessione e alcuni Paesi, come l'Ungheria, che si oppongono a qualsiasi divieto.

La Germania, tuttavia, ha già ridotto la sua dipendenza dalle importazioni di petrolio russo e mira ad eliminarle completamente entro la fine di quest'anno, hanno detto i funzionari.

Molti acquirenti in Europa hanno già evitato volontariamente il greggio russo per evitare danni alla reputazione o possibili difficoltà legali.

Nel frattempo, India e Cina, che hanno rifiutato di condannare le azioni della Russia, continuano a comprare greggio russo.

Attirata da forti sconti in seguito alle sanzioni occidentali sulle entità russe, l'India ha comprato almeno 13 milioni di barili di greggio russo da quando il paese ha invaso l'Ucraina alla fine di febbraio.

Questo rispetto a circa 16 milioni di barili per tutto l'anno scorso, secondo i dati compilati da Reuters.

Di seguito sono elencati i principali acquirenti di greggio russo:

NEFTOCHIM BURGAS

Una raffineria bulgara, di proprietà della russa Lukoil, e con il greggio russo che rappresenta circa il 60% delle sue entrate, continua a raffinare il greggio russo.

MIRO

Il greggio russo continua a rappresentare circa il 14% dell'entrata nella più grande raffineria tedesca, Miro, che è di proprietà di Rosneft al 24%.

PCK SCHWEDT

La raffineria tedesca PCK Schwedt, posseduta al 54% da Rosneft, riceve greggio attraverso l'oleodotto Druzhba.

PERTAMINA

L'azienda energetica statale indonesiana PT Pertamina sta considerando l'acquisto di greggio dalla Russia mentre cerca petrolio per una raffineria appena rinnovata.

LEUNA

Anche la raffineria di Leuna nella Germania orientale, di proprietà maggioritaria di TotalEnergies, viene alimentata con greggio russo tramite l'oleodotto Druzhba.

HELLENIC PETROLEUM

La più grande raffineria di petrolio della Grecia si affida al greggio russo per circa il 15% delle sue entrate. All'inizio di questo mese la compagnia si è assicurata ulteriori forniture dall'Arabia Saudita.

ISAB

La più grande raffineria italiana, di proprietà della Litasco SA, controllata da Lukoil, lavora greggio russo e non russo.

MOL

Il gruppo petrolifero ungherese, che gestisce tre raffinerie in Croazia, Ungheria e Slovacchia, continua a comprare greggio russo tramite l'oleodotto Druzhba, oltre a prodotti raffinati, ha detto a Reuters una fonte della compagnia.

L'Ungheria si oppone alle sanzioni sul petrolio e sul gas russo.

RAFFINERIA DELLA ZEELANDIA

La raffineria olandese, posseduta al 45% da Lukoil, ha rifiutato di commentare se stesse usando petrolio greggio russo.

RAFFINERIA DI ROTTERDAM

La Exxon Mobil ha rifiutato di commentare se la sua raffineria olandese di Rotterdam stesse usando petrolio greggio russo.

HINDUSTAN PETROLEUM,

La raffineria statale indiana ha acquistato 2 milioni di barili di Urali russi per il carico di maggio, secondo fonti commerciali della scorsa settimana.

INDIAN OIL CORP

La principale raffineria indiana il 23 marzo ha acquistato 3 milioni di barili di Urali per la consegna di maggio da Vitol, secondo fonti commerciali. Questo è il secondo acquisto di Urali da parte di IOC da quando la Russia ha invaso l'Ucraina il 24 febbraio.

La compagnia ha un contratto con Rosneft che le dà un'opzione per comprare fino a 2 milioni di tonnellate, equivalenti a circa 15 milioni di barili, di greggio Urals nel 2022.

NAYARA ENERGY

La raffineria privata indiana, in parte di proprietà della russa Rosneft, ha acquistato petrolio russo dopo un anno di assenza, comprando circa 1,8 milioni di barili di Urals dal commerciante Trafigura.

Di seguito elenchiamo quelli che hanno smesso di comprare petrolio russo:

BP

La major petrolifera britannica, che sta abbandonando la sua partecipazione in Rosneft, non stipulerà nuovi accordi con entità russe per il carico nei porti russi, a meno che non sia "essenziale per garantire la sicurezza delle forniture".

ENEOS

Il maggiore raffinatore giapponese ha smesso di comprare petrolio greggio dalla Russia, mentre alcuni carichi firmati in base ad accordi precedenti arriveranno in Giappone fino a circa aprile.

ENI

Il gruppo energetico, posseduto al 30,3% dal governo italiano, sospende gli acquisti di petrolio russo.

Nessun greggio russo sarà usato nella raffineria tedesca Bayernoil, in cui Eni e Rosneft hanno quote.

EQUINOR

L'azienda energetica norvegese a maggioranza statale ha smesso di commerciare il petrolio russo mentre riduce le sue operazioni nel paese.

GALP

L'azienda portoghese di petrolio e gas ha sospeso tutti i nuovi acquisti di prodotti petroliferi dalla Russia o da aziende russe.

GLENCORE

L'azienda globale di estrazione e commercio, che detiene lo 0,57% di Rosneft, ha detto che continuerà ad onorare i suoi obblighi secondo i contratti firmati in precedenza, ma "non entrerà in nessun nuovo affare di commercio di materie prime di origine russa a meno che non sia diretto dalle autorità governative competenti".

NESTE

La raffineria finlandese ha contratti di petrolio russo fino alla fine dell'anno, ma non sta facendo nuovi accordi di fornitura.

PKN Orlen

La più grande raffineria polacca non ha comprato greggio degli Urali sul mercato spot dall'inizio della guerra in Ucraina, ha detto venerdì la società, mentre ha comprato alcuni carichi dalla Norvegia.

L'azienda, che gestisce raffinerie in Lituania, Polonia e Repubblica Ceca, compra però greggio in base a contratti di fornitura a lungo termine firmati in precedenza con le russe Rosneft e Tatneft.

PREEM

La più grande raffineria svedese, di proprietà del miliardario saudita Mohammed Hussein al-Amoudi, ha "messo in pausa" i nuovi ordini di greggio russo, che rappresentavano circa il 7% dei suoi acquisti, sostituendoli con barili del Mare del Nord.

REPSOL

La compagnia spagnola ha smesso di comprare greggio russo nel mercato spot.

SHELL

Il più grande commerciante di petrolio del mondo smetterà di comprare greggio russo ed eliminerà gradualmente il suo coinvolgimento in tutti gli idrocarburi russi.

TOTALENERGIES

La major petrolifera francese non firmerà nuovi contratti, promettendo di smettere di comprare greggio e prodotti petroliferi russi entro la fine di quest'anno.

VARO ENERGY

La raffineria svizzera, che possiede il 51,4% della raffineria tedesca Bayernoil, ha detto che non ha intenzione di stipulare nuovi contratti per comprare greggio russo.


ę MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
AUSTRALIAN DOLLAR / US DOLLAR (AUD/USD) -0.05%0.70179 Prezzo in differita.-1.99%
BRITISH POUND / US DOLLAR (GBP/USD) 0.29%1.2091 Prezzo in differita.-10.37%
CANADIAN DOLLAR / US DOLLAR (CAD/USD) 0.42%0.778 Prezzo in differita.-1.08%
ENEOS HOLDINGS, INC. -1.24%500.6 Prezzo in differita.17.80%
ENI SPA -0.45%11.578 Prezzo in differita.-4.83%
EQUINOR ASA 4.24%366.5 Prezzo in tempo reale.49.05%
EURO / US DOLLAR (EUR/USD) 0.04%1.0166 Prezzo in differita.-10.63%
EXXON MOBIL CORPORATION -0.93%91.46 Prezzo in differita.50.87%
GALP ENERGIA, SGPS, S.A. 0.43%10.455 Prezzo in tempo reale.22.18%
GLENCORE PLC 3.96%482.9 Prezzo in differita.23.88%
HELLENIC PETROLEUM S.A. 1.40%6.54 Prezzo in differita.3.70%
HINDUSTAN PETROLEUM CORPORATION LIMITED 3.88%255.4 Prezzo in differita.-15.91%
INDIAN OIL CORPORATION LIMITED 2.24%73.15 Prezzo in differita.-3.74%
INDIAN RUPEE / US DOLLAR (INR/USD) 0.39%0.01262 Prezzo in differita.-6.47%
LONDON BRENT OIL -1.14%92.52 Prezzo in differita.25.24%
LUKOIL -1.14%3911 Prezzo di chiusura.-40.47%
NESTE OYJ 2.87%50.94 Prezzo in differita.14.21%
NEW ZEALAND DOLLAR / US DOLLAR (NZD/USD) -0.28%0.6344 Prezzo in differita.-5.68%
POLSKI KONCERN NAFTOWY ORLEN SPÓ?KA AKCYJNA -3.60%69.7 Prezzo in differita.-2.74%
REPSOL S.A. 2.15%12.615 Prezzo in differita.18.34%
ROSNEFT OIL COMPANY -3.77%351.2 Prezzo di chiusura.-41.46%
S&P GSCI CRUDE OIL INDEX -3.03%472.213 Prezzo in tempo reale.18.14%
TATNEFT 0.49%409.9 Prezzo di chiusura.-18.10%
TOTALENERGIES SE 1.56%51.5 Prezzo in tempo reale.13.62%
US DOLLAR / RUSSIAN ROUBLE (USD/RUB) -1.19%60.75 Prezzo in differita.-17.93%
WTI -1.08%87.151 Prezzo in differita.21.55%
Ultime notizie "Economia & Forex"
23:27I candidati alla leadership britannica sono contrari alla nuova spinta indipendentista scozzese
MR
22:58Gli Stati Uniti cercano una soluzione per l'ufficiale di marina incarcerato in Giappone - Dipartimento di Stato
MR
22:54Gli Stati Uniti cercano una soluzione per l'ufficiale di marina incarcerato in Giappone - Dipartimento di Stato
MR
22:15Gli Stati americani citano in giudizio Mariner Finance, di proprietà di Warburg, e denunciano la concessione di prestiti predatori.
MR
22:11Biden firma un disegno di legge da 430 miliardi di dollari per il clima, la sanità e le tasse
MR
22:06Lula, Bolsonaro entrano ufficialmente nella stagione della campagna elettorale e corteggiano gli elettori
MR
22:04MARKETMIND: I risultati del secondo trimestre di Tencent sono al centro della scena in Asia
MR
21:44L'azienda canadese promette di assumere persone indigene nella miniera di potassio dell'Amazzonia
MR
21:27La Federal Reserve pubblica una guida per le banche che considerano le attività in criptovaluta
MR
21:18Il presidente francese Macron afferma di aver discusso della crisi ucraina con il premier indiano Modi.
MR
Ultime notizie "Economia & Forex"