Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie
Tutte le notizieSocietÓIndiciValute/ForexMaterie PrimeCriptovaluteETFTassiEconomiaTematicheSettori 

Factbox-Chi compra il greggio russo e chi si Ŕ fermato

02-05-2022 | 12:49
Models of oil barrels, pump jack and displayed Ukrainian and Russian flag colors in this illustration

Ecco la risposta dei paesi riguardo agli acquisti di petrolio russo dall'inizio della guerra in Ucraina il 24 febbraio e come hanno agito le aziende.

RISPOSTE DEI PAESI

Australia, Gran Bretagna, Canada e Stati Uniti hanno imposto divieti totali sugli acquisti di petrolio russo, ma i 27 membri dell'Unione Europea non sono riusciti a trovare un accordo sull'embargo.

Il blocco propende per un divieto sulle importazioni di petrolio russo entro la fine dell'anno come parte di un sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia.

La Germania, la più grande economia dell'UE, ha detto che sarebbe in grado di superare un embargo dell'UE sulle importazioni di petrolio russo entro la fine di quest'anno anche se un'interruzione potrebbe provocare carenze.

L'Ungheria ha detto di essere ancora contraria a qualsiasi embargo dell'Unione Europea sulle importazioni di petrolio e gas russo.

Molti raffinatori in Europa, tuttavia, hanno smesso di comprare il greggio russo volontariamente o hanno promesso di farlo alla scadenza dei loro contratti a lungo termine.

Anche le maggiori case commerciali globali stanno pianificando di ridurre gli acquisti di greggio e carburante russo dal 15 maggio.

Di conseguenza, le esportazioni di diesel russo dal porto baltico di Primorsk, una fonte di rifornimento chiave per l'Europa, dovrebbero diminuire di oltre il 30% a maggio.

La Cina e l'India, che hanno rifiutato di condannare le azioni della Russia, continuano a comprare greggio russo.

Qui di seguito sono riportati gli attuali ed ex acquirenti di greggio russo (in ordine alfabetico):

ACQUIRENTI ATTUALI

BHARAT PETROLEUM

La raffineria statale indiana Bharat Petroleum Corp Ltd ha comprato 2 milioni di barili di Urali russi per il carico di maggio dal commerciante Trafigura, hanno detto due persone familiari con l'acquisto. La società compra regolarmente Urali russi per la sua raffineria di Kochi, nel sud dell'India, da 310.000 barili al giorno (bpd).

HELLENIC PETROLEUM

La più grande raffineria di petrolio della Grecia si affida al greggio russo per circa il 15% delle sue entrate. All'inizio di questo mese la compagnia si è assicurata ulteriori forniture dall'Arabia Saudita.

HINDUSTAN PETROLEUM,

La raffineria statale indiana ha acquistato 2 milioni di barili di Urali russi per il carico di maggio, secondo fonti commerciali della scorsa settimana.

INDIAN OIL CORP

La principale raffineria indiana ha comprato 6 milioni di barili di Urals dal 24 febbraio e ha un contratto di fornitura con Rosneft per un massimo di 15 milioni di barili di greggio russo nel 2022.

Tuttavia, la raffineria, che compra anche greggio per conto della sua filiale Chennai Petroleum, ha escluso diversi tipi di greggio ad alto tenore di zolfo, compresi gli Urals, dalla sua ultima offerta, secondo fonti commerciali.

ISAB

La più grande raffineria italiana, di proprietà di Litasco SA, controllata da Lukoil, è stata costretta a rifornirsi di quasi tutto il greggio dal suo proprietario russo perché le banche internazionali non le forniscono più credito.

Il governo italiano sta considerando la nazionalizzazione temporanea di ISAB come una delle sue opzioni se vengono imposte sanzioni sul petrolio russo, hanno detto a Reuters due fonti governative.

LEUNA

Anche la raffineria Leuna nella Germania orientale, di proprietà maggioritaria della francese TotalEnergies, è alimentata con greggio russo dall'oleodotto Druzhba.

RAFFINERIA E PETROLCHIMICA DI MANGALORE

La raffineria statale indiana ha comprato 1 milione di barili di greggio russo degli Urali per il carico di maggio tramite un'offerta di un commerciante europeo, un acquisto raro spinto dallo sconto offerto.

MIRO

Il greggio russo continua a rappresentare circa il 14% delle entrate della più grande raffineria tedesca, Miro, che è posseduta al 24% da Rosneft.

MOL

La compagnia petrolifera ungherese, che gestisce tre raffinerie in Ungheria, Slovacchia e Croazia, continua a comprare greggio russo attraverso l'oleodotto Druzhba, oltre a prodotti raffinati.

La compagnia ha detto che ci vorrebbero dai due ai quattro anni e un costo tra i 500 e i 700 milioni di dollari per sostituire le importazioni di petrolio russo nel caso di un embargo europeo totale.

NAYARA ENERGY

La raffineria privata indiana, in parte di proprietà di Rosneft, ha acquistato petrolio russo dopo un anno di assenza, comprando circa 1,8 milioni di barili di Urali da Trafigura.

NEFTOCHIM BURGAS

Una raffineria bulgara, di proprietà della russa Lukoil, e con il greggio russo che rappresenta circa il 60% delle sue entrate, continua a raffinare il greggio russo.

PCK SCHWEDT

La raffineria tedesca PCK Schwedt, posseduta al 54% da Rosneft, riceve greggio attraverso l'oleodotto Druzhba.

PERTAMINA

L'azienda energetica statale indonesiana PT Pertamina sta considerando l'acquisto di greggio dalla Russia mentre cerca petrolio per una raffineria appena rinnovata.

PKN Orlen

La più grande raffineria polacca ha smesso di comprare greggio russo sul mercato spot, passando al petrolio del Mare del Nord, ma continua a comprare Urali in base a contratti firmati in precedenza che scadono alla fine di quest'anno o più tardi.

L'azienda, che gestisce raffinerie in Lituania, Polonia e Repubblica Ceca, ha visto il suo profitto dalla raffinazione aumentare a marzo grazie allo sconto che paga per il petrolio russo.

SINOPEC

La compagnia statale cinese Sinopec, la più grande raffinatrice dell'Asia, continua ad acquistare greggio russo in base a contratti a lungo termine firmati in precedenza ma si tiene alla larga da nuovi accordi spot.

EX COMPRATORI

BP

La major petrolifera britannica, che sta abbandonando la sua partecipazione in Rosneft, non stipulerà nuovi accordi con entità russe per il carico nei porti russi, a meno che non sia "essenziale per garantire la sicurezza delle forniture".

ENEOS

La più grande raffineria del Giappone ha smesso di comprare petrolio greggio dalla Russia, mentre alcuni carichi firmati in base ad accordi precedenti arriveranno in Giappone fino a circa aprile. L'azienda prevede di procurarsi forniture alternative dal Medio Oriente.

ENI

Il gruppo energetico, posseduto al 30,3% dal governo italiano, sospende gli acquisti di petrolio russo.

Nessun greggio russo sarà usato nella raffineria tedesca Bayernoil, in cui Eni e Rosneft hanno quote.

EQUINOR

L'azienda energetica norvegese a maggioranza statale ha smesso di commerciare il petrolio russo mentre riduce le sue operazioni nel paese.

GALP

L'azienda portoghese di petrolio e gas ha sospeso tutti i nuovi acquisti di prodotti petroliferi dalla Russia o da aziende russe.

GLENCORE

L'azienda globale di estrazione e commercio, che detiene una quota dello 0,57% di Rosneft, ha detto che continuerà ad onorare i suoi obblighi secondo i contratti firmati in precedenza, ma "non entrerà in nessun nuovo affare di commercio di materie prime di origine russa a meno che non sia diretto dalle autorità governative competenti".

NESTE

La raffineria finlandese non ha acquistato greggio russo sul mercato spot dall'inizio della guerra e non ha intenzione di firmare nuovi accordi quando l'attuale contratto di fornitura a lungo termine terminerà a luglio. Dall'inizio di aprile la raffineria ha sostituito circa l'85% del greggio russo con altri greggi.

OMV PETROM

La principale azienda rumena di petrolio e gas, controllata dall'austriaca OMV, ha detto che si sta preparando a liberarsi dalle importazioni di greggio russo, che rappresentano circa il 30% del fabbisogno annuale della sua raffineria Petrobrazi.

PREEM

La più grande raffineria svedese, di proprietà del miliardario saudita Mohammed Hussein al-Amoudi, ha "messo in pausa" i nuovi ordini di greggio russo, che rappresentavano circa il 7% dei suoi acquisti, sostituendoli con barili del Mare del Nord.

REPSOL

La compagnia spagnola ha smesso di comprare greggio russo nel mercato spot.

SHELL

Il più grande commerciante di petrolio del mondo ha smesso di comprare greggio russo e il 27 aprile ha detto che non accetterà più prodotti raffinati con contenuto russo, compresi i carburanti miscelati.

TRAFIGURA

Il commerciante globale di materie prime con sede a Ginevra prevede di fermare tutti gli acquisti di greggio da Rosneft entro il 15 maggio, quando entreranno in vigore regole più rigide dell'UE sulle vendite di petrolio russo, e di ridurre "sostanzialmente" il volume dei prodotti raffinati che compra da Rosneft.

TOTALENERGIES

La compagnia petrolifera francese ha detto che non stipulerà o rinnoverà più i contratti esistenti per comprare petrolio greggio e prodotti petroliferi russi, con l'obiettivo di interrompere tutti gli acquisti entro la fine del 2022.

I contratti coprono principalmente le forniture per la sua raffineria di Leuna nella Germania orientale, che riceve il greggio russo attraverso l'oleodotto Druzhba, nonché la fornitura di gasolio europeo.

VARO ENERGY

La raffineria svizzera, che possiede il 51,4% della raffineria tedesca Bayernoil, ha detto che non ha intenzione di stipulare nuovi contratti per comprare greggio russo.


ę MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
AUSTRALIAN DOLLAR / US DOLLAR (AUD/USD) -0.28%0.67603 Prezzo in differita.-7.37%
BHARAT PETROLEUM CORPORATION LIMITED 0.70%338.25 Prezzo in differita.-12.89%
BRENT OIL 0.72%76.96 Prezzo in differita.2.29%
BRITISH POUND / US DOLLAR (GBP/USD) 0.09%1.22481 Prezzo in differita.-9.76%
CANADIAN DOLLAR / US DOLLAR (CAD/USD) -0.29%0.73321 Prezzo in differita.-7.41%
CHENNAI PETROLEUM CORPORATION LIMITED -1.00%217.85 Prezzo di chiusura.112.33%
CHINA PETROLEUM & CHEMICAL CORPORATION -1.31%4.53 Prezzo di chiusura.7.09%
ENEOS HOLDINGS, INC. -0.38%445.2 Prezzo in differita.3.86%
ENI SPA -0.64%13.442 Prezzo in differita.10.67%
EQUINOR ASA -2.85%354.95 Prezzo in tempo reale.54.87%
EURO / US DOLLAR (EUR/USD) 0.02%1.05601 Prezzo in differita.-7.55%
GALP ENERGIA, SGPS, S.A. -0.43%11.615 Prezzo in tempo reale.36.97%
GLENCORE PLC -1.18%542.6 Prezzo in differita.46.31%
HELLENIC PETROLEUM S.A. 0.66%7.65 Prezzo in differita.22.19%
HINDUSTAN PETROLEUM CORPORATION LIMITED 1.91%239.8 Prezzo in differita.-19.55%
INDIAN OIL CORPORATION LIMITED 0.26%76.9 Prezzo in differita.3.25%
INDIAN RUPEE / US DOLLAR (INR/USD) 0.07%0.012162 Prezzo in differita.-9.45%
LUKOIL -1.14%3911 Prezzo di chiusura.-40.47%
MANGALORE REFINERY AND PETROCHEMICALS LIMITED -1.15%60.15 Prezzo di chiusura.39.40%
NESTE OYJ -0.41%45.8 Prezzo in differita.6.04%
NEW ZEALAND DOLLAR / US DOLLAR (NZD/USD) -0.09%0.63729 Prezzo in differita.-7.09%
OMV AG -0.57%46.98 Prezzo in differita.-5.41%
OMV PETROM S.A. -0.53%0.4655 Prezzo di chiusura.-6.71%
POLSKI KONCERN NAFTOWY ORLEN SPÓ?KA AKCYJNA -1.65%61.94 Prezzo in differita.-15.28%
REPSOL S.A. -0.99%14.045 Prezzo in differita.35.92%
ROSNEFT OIL COMPANY -3.77%351.2 Prezzo di chiusura.-41.46%
S&P GSCI CRUDE OIL INDEX 0.61%397.2047 Prezzo in tempo reale.-0.68%
S&P GSCI GAS OIL INDEX 1.64%757.7722 Prezzo in tempo reale.21.46%
TATNEFT 0.49%409.9 Prezzo di chiusura.-18.10%
TOTALENERGIES SE -1.20%56.13 Prezzo in tempo reale.27.29%
US DOLLAR / RUSSIAN ROUBLE (USD/RUB) 0.24%62.547 Prezzo in differita.-16.54%
WTI 0.55%72.397 Prezzo in differita.-1.19%
Ultime notizie "Economia"
11:09Il tribunale del Pakistan approva l'accordo con Barrick Gold sul progetto minerario
MR
11:04Esclusivo: la strategia minerale critica del Canada mira ad accelerare le autorizzazioni
MR
11:02TOP STORIES ITALIA: Inps, in 10 mesi respinte 1,29 mln domande Rdc a rischio frodi
DJ
11:02TOP STORIES ITALIA : Fai, Legambiente e Wwf cambiano rotta su rinnovabili
DJ
11:02TOP STORIES ITALIA: su Priolo spunta cordata Qatar oltre a Crossbridge
DJ
10:58Il tetto del prezzo del petrolio del G7 non è responsabile delle code delle petroliere in Turchia, dice l'UE
MR
10:56Morrisons in Gran Bretagna ha concluso un accordo di vendita e leaseback di 220 milioni di stg di logistica
MR
10:53Gli esperti affermano che il trasporto pubblico a basso costo potrebbe alleviare l'inflazione tedesca
MR
10:51Zoppas Industries: finanziamento "Sustainability-Linked" da 180 mln
DJ
10:51Zoppas I.: presidente, dovere di tutte imprese perseguire obiettivi sostenibilità Esg- 2 -
DJ
Ultime notizie "Economia"