Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrazione
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaProfessionisti della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Factbox - L'inflazione globale si sta avvicinando al picco?

10-08-2022 | 16:37
FILE PHOTO: A shopping cart is seen in a supermarket as inflation affected consumer prices in Manhattan, New York City

Definire l'apice dell'attuale ondata di inflazione Ŕ stato un esercizio doloroso per gli economisti e i banchieri centrali, che sono stati smentiti pi¨ volte nel corso dell'ultimo anno.

Ma i dati di mercoledì, che hanno mostrato che alcune misure dell'inflazione si sono raffreddate nelle due maggiori economie del mondo, probabilmente riaccenderanno il dibattito sulla possibilità che il peggio sia passato dopo un anno di crescita torrida dei prezzi.

I prezzi al consumo degli Stati Uniti non sono aumentati nel mese di luglio rispetto al mese precedente, grazie ad un forte calo del costo della benzina, dando il primo notevole segnale di sollievo agli americani che hanno visto l'inflazione salire negli ultimi due anni.

Inoltre, l'inflazione di fabbrica della Cina è rallentata a un minimo di 17 mesi su base annua, mentre i prezzi al consumo sono aumentati meno del previsto.

Dopo aver erroneamente previsto l'anno scorso che l'alta inflazione sarebbe stata transitoria, la maggior parte dei banchieri centrali ha smesso di cercare di stabilire una data esatta per il picco dell'attuale crescita dei prezzi.

Ma i funzionari della Federal Reserve vedono una decelerazione dell'inflazione nella seconda metà dell'anno, la Banca Centrale Europea colloca il picco nel terzo trimestre e la Banca d'Inghilterra lo vede in ottobre.

Ecco alcuni dei dati chiave che stanno influenzando il dibattito sull'inflazione:

LE MATERIE PRIME STANNO DIVENTANDO PIÙ ECONOMICHE...

Il principale responsabile dell'impennata dei prezzi al consumo dello scorso inverno - l'energia e altre materie prime - potrebbe essere foriero di un'inflazione più bassa questa volta.

I prezzi di molte materie prime chiave come il petrolio, il grano e il rame sono scesi negli ultimi mesi, con un indice Refinitiv che va dal petrolio greggio al succo d'arancia in calo di quasi il 20% rispetto al picco di maggio.

Il calo rispecchia soprattutto l'indebolimento della domanda globale a causa della recessione economica, dalla Cina agli Stati Uniti e all'Europa, dove i consumatori stanno lottando per far fronte ai prezzi elevati.

Questo sta già avendo un impatto su alcune misure dell'inflazione: la percentuale di produttori che segnalano un aumento dei costi di produzione si sta riducendo e la crescita dei prezzi all'ingrosso sta rallentando in gran parte del mondo.

Questo dovrebbe alla fine riflettersi sull'inflazione al consumo.

GRAFICO: Il prezzo delle materie prime si è un po' attenuato (https://fingfx.thomsonreuters.com/gfx/mkt/zdvxoznbapx/The%20price%20of%20raw%20materials%20has%20eased%20back%20a%20little.png)

...MA LE BOLLETTE ENERGETICHE EUROPEE NO

Tuttavia, è improbabile che le famiglie europee vedano le loro bollette energetiche ridursi a breve, e si parla sempre più spesso di razionamenti in alcuni Paesi, tra cui la Germania.

Questo perché i prezzi del gas in Europa, che da anni si affida alla Russia per gran parte delle sue importazioni, sono ancora quattro volte più alti rispetto a un anno fa e vicini ai massimi storici.

Anche in Gran Bretagna, che dispone di gas proprio ma di una capacità di stoccaggio molto ridotta, i consumatori sono destinati a vedere le loro bollette dell'energia elettrica saltare a ottobre, quando scadrà l'attuale tetto di prezzo.

Ci sono cattive notizie anche per gli automobilisti tedeschi, che vedranno scadere un sussidio alla pompa di benzina alla fine di agosto.

GRAFICO: I prezzi del gas in Europa sono aumentati di quattro volte in un anno (https://fingfx.thomsonreuters.com/gfx/mkt/gdvzyodljpw/European%20gas%20prices%20have%20gone%20up%20fourfold%20in%20one%20year.png)

LE ASPETTATIVE SONO (PER LO PIÙ) SOTTO CONTROLLO

Alcuni banchieri centrali possono trarre conforto dal fatto che gli investitori non hanno perso fiducia in loro.

Le misure di mercato delle aspettative di inflazione negli Stati Uniti e nella zona euro sono appena al di sopra dell'obiettivo del 2% delle banche centrali, mentre rimangono scomodamente alte in Gran Bretagna.

Anche il messaggio delle famiglie, che reagiscono più lentamente dei mercati ai cambiamenti e tendono a sovrastimare l'inflazione, non è di panico.

I consumatori intervistati dalle banche centrali degli Stati Uniti, della zona euro e della Gran Bretagna vedono un'inflazione superiore al 2% per diversi anni a venire, ma non molto più alta del 3% al massimo.

La stragrande maggioranza degli economisti in un sondaggio globale di Reuters ha anche affermato che ci vorrà almeno l'anno prossimo prima che la crisi regredisca in modo significativo, mentre il 39% ritiene che ci vorrà più tempo. [ECILT/WRAP]

GRAFICO: Le aspettative di inflazione sono per lo più sotto controllo (https://fingfx.thomsonreuters.com/gfx/mkt/jnvwenxdrvw/Inflation%20expectations%20are%20mostly%20under%20control.png)

I PREZZI CORE POTREBBERO AVERE UNA TENDENZA AL RIBASSO...

Le misure dell'inflazione che escludono i prezzi dell'energia e degli alimenti hanno già iniziato a scendere negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, e alcuni prevedono che il Giappone e la zona euro seguiranno l'esempio.

L'inflazione di base rimane ben al di sopra della zona di comfort delle banche centrali in tutte le economie sviluppate e in via di sviluppo, il che significa che è necessario un ulteriore inasprimento della politica.

Ma l'ultimo rallentamento negli Stati Uniti e in Gran Bretagna ha dimostrato che i recenti aumenti dei tassi di interesse stavano già avendo qualche effetto.

E un modello di intelligenza artificiale utilizzato da Oxford Economics suggerisce che l'inflazione di base raggiungerà il picco anche in Giappone e nella zona euro nella seconda metà dell'anno.

La rete di memoria a breve termine, originariamente sviluppata per aiutare le macchine ad apprendere le lingue umane, analizza i dati dettagliati sull'inflazione per individuare i modelli che la aiutano a prevedere l'indice dei prezzi al consumo in futuro.

GRAFICO: L'inflazione core sembra aver raggiunto il picco (

)

... MA I SALARI STANNO SALENDO

I salari dei lavoratori non hanno ancora raggiunto l'aumento dei prezzi nell'ultimo anno, ma stanno almeno recuperando terreno.

Il costo unitario del lavoro, ovvero il costo della manodopera per ogni unità di prodotto, è cresciuto di quasi il 10% per le aziende non agricole negli Stati Uniti nel secondo trimestre di quest'anno, secondo i dati mostrati all'inizio di questa settimana.

I salari sono uno dei motori più importanti dei prezzi a lungo termine e, se aumentano troppo velocemente, possono innescare un circolo vizioso di aumenti dei prezzi.

Ma al di fuori degli Stati Uniti, il rimbalzo è stato più modesto e l'imminente recessione potrebbe indebolire la mano del lavoro nelle trattative salariali.

GRAFICO: I salari statunitensi puntano verso l'alto (

)


ę MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
AUSTRALIAN DOLLAR / EURO (AUD/EUR) 0.13%0.66282 Prezzo in differita.4.92%
BRITISH POUND / EURO (GBP/EUR) -0.21%1.1335 Prezzo in differita.-6.23%
CANADIAN DOLLAR / EURO (CAD/EUR) 0.25%0.74599 Prezzo in differita.8.56%
CIRCLE S.P.A. 0.29%3.48 Prezzo in differita.-10.31%
INDIAN RUPEE / EURO (INR/EUR) 0.78%0.012594 Prezzo in differita.7.10%
LONDON BRENT OIL -2.53%86.26 Prezzo in differita.9.98%
POWER SOLUTIONS, LTD. -0.40%2520 Prezzo in differita.8.30%
S&P GSCI CRUDE OIL INDEX -1.02%442.5078 Prezzo in tempo reale.8.68%
TORRID HOLDINGS INC. -4.01%4.31 Prezzo in differita.-56.38%
US DOLLAR / EURO (USD/EUR) 0.66%1.025168 Prezzo in differita.17.15%
US DOLLAR / RUSSIAN ROUBLE (USD/RUB) 5.72%59.996 Prezzo in differita.-22.70%
WHEAT FUTURES (ZW) - CBE (ELECTRONIC)/C1 -0.89%895.25 Prezzo di chiusura.17.19%
WTI -1.35%80.394 Prezzo in differita.8.46%
Ultime notizie "Economia & Forex"
14:45Governo: Fink (Blackrock); molto dipenderà da chi andrà all'Economia (milanofinanza.it)
DJ
14:40L'Italia proroga la scadenza per le trattative di acquisizione di ITA Airways, dicono le fonti
MR
14:40Leonardo Spa : nasce a Roma il 1* liceo digitale
DJ
14:38I fondi obbligazionari statunitensi registrano il maggior deflusso settimanale in tre mesi
MR
14:36Usa : +0,3% m/m consenso redditi famiglie agosto
DJ
14:36Usa : +0,2% m/m consenso spesa per consumi agosto
DJ
14:34Gas : rischio bollette triplicate rispetto a inverno 2019/20 (Ecco)
DJ
14:34Lucisano M.G. : utile netto 1* sem sale a 131.000 euro (75.000 euro 1* sem 21
DJ
14:34Usa : spese personali consumi luglio riviste da +0,1% a -0,2%
DJ
14:34Usa : redditi luglio rivisti da +0,2 a +0,3
DJ
Ultime notizie "Economia & Forex"