Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietąMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Factbox - Le aziende vendono le loro attivitą in Russia

28-06-2022 | 15:01

Alcune aziende occidentali hanno accettato di vendere i loro beni russi o di affidarli a manager locali, mentre si affannano a rispettare le sanzioni per il conflitto in Ucraina e ad affrontare le minacce del Cremlino di sequestrare i beni di proprietą straniera.

Le mosse, che fanno parte di un più ampio esodo aziendale dal Paese, probabilmente susciteranno preoccupazioni per il fatto che le aziende e le istituzioni russe stiano accaparrando beni preziosi a prezzi stracciati.

Di seguito è riportato un elenco di aziende per settore che hanno annunciato accordi per la vendita delle loro attività in Russia:

AUTOS

INCHCAPE

Il distributore britannico di auto ha dichiarato di aver accettato di vendere la sua attività in Russia a un management locale. La vendita comporterà una perdita eccezionale non in contanti prima delle imposte di circa 240 milioni di sterline (299 milioni di dollari).

RENAULT La casa automobilistica francese ha dichiarato il 16 maggio che venderà la sua partecipazione di maggioranza nella più grande casa automobilistica russa, Avtovaz, all'Istituto Centrale Russo di Ricerca e Sviluppo di Automobili e Motori (Nami), con un'opzione di sei anni per riacquistare la partecipazione.

Renault ha anche dichiarato che il 100% delle azioni di Renault Russia andrà alla città di Mosca.

Il 27 aprile, la Russia aveva dichiarato che Renault avrebbe trasferito la sua partecipazione del 67,69% in Avtovaz all'Istituto per la somma simbolica di un rublo.

BANCHE

PPF

Il gruppo di investimento ceco ha accettato di vendere le sue attività bancarie russe ad un gruppo di investitori, ha dichiarato PPF il 17 maggio.

L'istituto di credito al consumo di PPF, la Home Credit and Finance Bank, e le sue filiali saranno acquisite da investitori guidati da Ivan Tyryshkin, ha detto PPF, senza fornire il prezzo o altri dettagli della transazione.

SOCIETE GENERALE La banca francese ha dichiarato il 18 maggio di aver chiuso la vendita della sua attività russa Rosbank al gruppo Interros, un'azienda legata all'oligarca russo Vladimir Potanin.

La vendita comporterà per la banca un impatto sul reddito netto di 3,2 miliardi di euro (3,35 miliardi di dollari).

COMPONENTI E ATTREZZATURE ELETTRICHE

SCHNEIDER ELECTRIC

Il produttore francese di apparecchiature elettriche venderà le sue attività in Russia e Bielorussia a dirigenti locali, ha dichiarato il 27 aprile, dopo aver firmato una lettera di intenti con gli acquirenti designati.

L'azienda cancellerà fino a 300 milioni di euro (314 milioni di dollari) di valore contabile netto ed effettuerà uno storno non monetario della conversione valutaria, stimato in 120 milioni di euro.

ENERGIA

SHELL

Il gigante britannico dell'energia e del petrolchimico venderà la sua attività russa di vendita al dettaglio e di lubrificanti alla russa Lukoil, hanno dichiarato le società il 12 maggio. L'accordo comprende 411 stazioni di vendita al dettaglio e l'impianto di miscelazione di lubrificanti di Torzhok. Shell non ha voluto commentare il valore dell'accordo.

ALIMENTI E BEVANDE

AB INBEV

Il 22 aprile, il produttore di birra olandese ha dichiarato che venderà la sua partecipazione non di controllo nella sua joint venture russa AB InBev Efes. La cessione comporterà una svalutazione di 1,1 miliardi di dollari nel primo trimestre. La joint venture possiede 11 birrifici in Russia e tre in Ucraina.

ATRIA

L'azienda finlandese di trasformazione alimentare ha dichiarato il 16 maggio di aver venduto la sua attività di fast food in Russia, Sibylla Rus, al produttore di carne russo Cherkizovo per circa 8 milioni di euro (8,4 milioni di dollari).

FAZER

L'azienda finlandese di panetteria e servizi alimentari ha dichiarato il 29 aprile di aver accettato di vendere la sua unità russa alla Kolomenskij Bakery and Confectionery Holding di Mosca. Fazer non ha rivelato il valore della transazione.

MCDONALD'S CORP

Il gigante americano del fast food ha dichiarato il 19 maggio che avrebbe venduto la sua attività russa al suo attuale licenziatario Alexander Govor e che i ristoranti avrebbero operato con un nuovo marchio.

McDonald's Corp, che possiede circa l'84% dei suoi quasi 850 ristoranti nel Paese, non ha rivelato i termini finanziari della transazione.

PAULIG

L'azienda privata finlandese di alimenti e bevande ha dichiarato il 5 maggio di aver venduto le sue attività in Russia all'investitore privato indiano Vikas Soi, dopo essere stata citata dalle autorità russe come esempio di azienda straniera che potrebbe essere nazionalizzata.

L'azienda ha dichiarato che la cessione comprende l'unità Paulig Rus LLC e le attività di Paulig, nonché la sua torrefazione di caffè a Tver, ma non il marchio Paulig, che sarà gradualmente eliminato in Russia nei prossimi mesi.

RAISIO

L'azienda finlandese di trasformazione alimentare ha dichiarato il 29 aprile di aver accettato di vendere la sua attività di consumo in Russia a Copacker Agro Ltd per circa 1,5 milioni di euro (1,6 milioni di dollari). A seguito della vendita, Raisio ha dichiarato che riconoscerà una perdita di valore stimata di 2,9 milioni di euro nell'utile del primo trimestre prima degli interessi e delle imposte.

VALIO

Il produttore lattiero-caseario finlandese ha venduto le sue attività in Russia a GK Velkom, ha dichiarato l'azienda il 26 aprile, a seguito di una precedente minaccia da parte delle autorità russe di nazionalizzare le sue attività in quel Paese. Valio ha dichiarato che la transazione avrà effetto immediato, ma non ha fornito alcun valore finanziario.

MINIERA

AMUR MINERALS CORP

La società mineraria russa quotata a Londra ha annunciato il 9 maggio di aver proposto di vendere il suo principale progetto Kun-Manie per 105 milioni di dollari e ha accettato di cedere all'acquirente il beneficio di tutti i prestiti dovuti da Kun-Manie ad Amur in cambio di 30 milioni di dollari.

KINROSS

Kinross Gold Corp sta vendendo le sue attività russe al gruppo di società Highland Gold Mining per un totale di 680 milioni di dollari in contanti, ha dichiarato il minatore d'oro canadese il 5 aprile, quasi un mese dopo aver sospeso le sue operazioni nel Paese.

ALTRI

GRUPPO AUTHENTIC BRANDS

Il rivenditore turco di scarpe FLO Magazacilik è in trattative per acquistare più di 100 negozi di proprietà del marchio di fitness Reebok in Russia, che fa parte dell'Authentic Brands Group, ha detto il 16 maggio il presidente di FLO Mehmet Ziylan. Ziylan ha aggiunto che l'accordo non è stato finalizzato.

BRUNEL INTERNATIONAL

L'azienda olandese di servizi per l'impiego sta per vendere le attività in Russia ad un management locale, ha dichiarato il 29 aprile, aggiungendo che il suo investimento netto nel Paese a fine marzo era di 14 milioni di euro (14,7 milioni di dollari).

GRUPPO FLUGGER

Il produttore danese di vernici ha dichiarato l'8 aprile di aver avviato la vendita delle sue società russe e bielorusse, con una svalutazione di 115 milioni di corone danesi (16,2 milioni di dollari).

MARCHI IMPERIALI

Il gruppo britannico di tabacco ha dichiarato il 17 maggio che i termini del suo accordo per uscire dalla Russia non includevano una clausola che le permettesse di riacquistare le sue attività in quel Paese in futuro.

Imperial Brands aveva annunciato il trasferimento delle sue attività russe a "investitori con sede in Russia" il 20 aprile, a seguito di colloqui con una terza parte non identificata a marzo.

MAERSK

La compagnia di navigazione danese ha trovato possibili acquirenti per la sua partecipazione del 30,75% in Global Ports Investments, che gestisce porti in Russia, ha dichiarato il 4 maggio.

SOPRANO

La società di formazione finlandese ha dichiarato il 19 maggio di aver venduto la sua unità in Russia a un management locale. La vendita non avrà un impatto significativo sui risultati dell'azienda.

STORA ENSO

L'azienda forestale finlandese ha completato la sua uscita dalla Russia con la vendita di tre impianti di imballaggio in cartone ondulato alla direzione locale, ha dichiarato il 16 maggio.

Alla fine di aprile, Stora aveva dichiarato di aver accettato di vendere le sue due segherie e le loro attività forestali in Russia alla gestione locale, registrando una perdita di 130 milioni di euro (136 milioni di dollari).

YIT

Il costruttore finlandese ha firmato un accordo con Etalon Group PLC per la vendita delle sue attività in Russia per circa 50 milioni di euro (52 milioni di dollari). A seguito della vendita, YIT ha dichiarato che registrerà una svalutazione di circa 150 milioni di euro nel conto economico del primo trimestre.

(1 dollaro = 0,8022 sterline)

(1 dollaro = 0,9546 euro)

(1 dollaro = 7,1002 corone danesi)


© MarketScreener con Reuters 2022
Ultime notizie "Economia & Forex"
15:38I futures del TSX sono in calo per l'indebolimento dei prezzi delle materie prime e per lo scivolone delle azioni globali.
MR
15:37NATO: Biden, alleanza più forte che mai con ingresso Finlandia e Svezia
DJ
15:37GOVERNO: Orlando, nessuno ha interesse a farlo cadere
DJ
15:36SUPERBONUS: Orlando; va trovata soluzione, sì a uscita graduale
DJ
15:34PETROLIO: greggio Usa in calo dell'1,8% a 107,9 usd
DJ
15:32UCRAINA: Zelensky sente Steimeier, focus su aumento aiuti militari
DJ
15:30UCRAINA: Biden, da Usa in arrivo altri 800 mln usd aiuti militari
DJ
15:30IBL B.: perfezionata la fusione di IBL Family in Banca di Sconto
DJ
15:29GERMANIA: Scholz, aumenteremo capacità militari il più velocemente possibile
DJ
15:19UCRAINA: Ue, domani discorso von der Leyen a Parlamento Kiev
DJ
Ultime notizie "Economia & Forex"