Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

'Fallimento abissale': Il movimento per i diritti all'aborto si divide sul futuro post-Roe

24-06-2022 | 20:52
United States Supreme Court overturns the landmark Roe v Wade abortion decision

Colpito duramente dalla decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti di ribaltare la sentenza Roe v. Wade di venerdý scorso, il movimento per i diritti all'aborto si trova spaccato, demoralizzato e di fronte a un panorama sorprendente in cui la procedura potrebbe essere vietata in metÓ del Paese.

Gli attivisti di base arrabbiati definiscono gli sforzi passati un "fallimento abissale". Dicono che i gruppi nazionali di difesa dei diritti dell'aborto sono stati così presi dall'idea di vincere le elezioni federali che hanno permesso ai conservatori di ridurre i diritti dell'aborto attraverso la legislazione a livello statale per decenni.

Allo stesso tempo, questi gruppi hanno raccolto e versato centinaia di milioni di dollari ai candidati democratici al Congresso e alle presidenziali - in gran parte a vuoto, dicono gli attivisti.

Mini Timmaraju, presidente di NARAL/Pro-Choice America, uno dei più potenti gruppi nazionali per i diritti dell'aborto, ha detto che il movimento dovrebbe rivedere le sue tattiche.

"Mentre il diritto veniva ridotto negli Stati, le voci federali erano ancora concentrate sulla protezione di Roe", ha detto Timmaraju, che è stata nominata al suo posto l'anno scorso. "Sarebbe una negligenza non indagare su quanto è accaduto".

NARAL e altri pilastri del diritto all'aborto, tra cui Planned Parenthood e EMILY's List, affermano che stanno investendo sempre più nella politica a livello statale. Ma insistono sul fatto che una solida presenza a livello federale rimane fondamentale per scongiurare i tentativi repubblicani di far passare un vero e proprio divieto nazionale dell'aborto al Congresso.

Con l'annullamento della Roe, la divisione all'interno del movimento per i diritti all'aborto si sta allargando lungo linee progressiste e moderate, proprio come l'attuale Partito Democratico, dicono gli attivisti di base.

"La lotta è negli Stati", afferma Kellie Copeland, direttore esecutivo di Pro-Choice Ohio. "Washington ha avuto la sua occasione - e ha fallito".

I gruppi tradizionali vogliono in gran parte mantenere la rotta che hanno seguito dalla decisione Roe v. Wade del 1973. Sperano che la sentenza della Corte Suprema galvanizzi gli elettori nelle elezioni di novembre, forse aiutando i Democratici a mantenere il controllo del Congresso e a promuovere gli sforzi per codificare le protezioni di Roe nella legge federale.

Gli attivisti progressisti affermano che è giunto il momento di concentrarsi sulla garanzia che le donne e le persone che cercano l'aborto possano ottenerlo indipendentemente dal luogo in cui vivono.

GIOCO DELLE COLPE

Il percorso verso la decisione della Corte Suprema inizia con i repubblicani conservatori, che per 40 anni hanno spinto per nominare giudici federali ostili alla Roe e hanno lavorato a livello statale per approvare leggi che limitano i diritti all'aborto.

Più di 1.330 restrizioni sull'aborto sono state approvate dalle legislature statali da quando la Roe è diventata legge, secondo il Guttmacher Institute, che tiene traccia dell'accesso all'aborto. Circa il 44% di queste restrizioni è stato approvato solo nell'ultimo decennio. La sentenza di venerdì conferisce a queste legislature statali il potere di determinare la legalità dell'aborto, limitando potenzialmente l'accesso di milioni di donne a livello nazionale.

Alcuni attivisti di lunga data affermano che il movimento per i diritti dell'aborto ha sottovalutato la tenacia dei conservatori.

"Il movimento pro-choice ha commesso un grave errore", ha detto Merle Hoffman, che ha aperto una clinica abortiva a New York all'inizio degli anni Settanta. "Hanno minimizzato la forza e la persistenza della loro opposizione".

Gli esperti e i sostenitori indicano vari punti di svolta legali e politici nella battaglia sui diritti dell'aborto: una decisione della Corte Suprema del 1992 che ha permesso agli Stati di iniziare a ridurre l'accesso all'aborto; le elezioni di metà mandato del 2010 che hanno portato a enormi guadagni repubblicani a livello statale; il successo dei Repubblicani del Senato nel tenere lontano dalla Corte un candidato alla Corte Suprema di Obama; e la riluttanza dei Presidenti democratici a fare dei diritti e dell'accesso all'aborto una priorità mentre avevano la maggioranza del partito al Congresso.

Ma molti hanno detto che il più grande cambiamento di mare nella lotta è stato culturale. Gli attivisti conservatori sono stati in grado di trasformare il diritto di abortire da un principio femminista a qualcosa che è diventato un dilemma morale, con l'aiuto della tecnologia che ha permesso alle persone di vedere immagini di feti.

L'aborto è stato stigmatizzato, dicono gli attivisti. I democratici hanno parlato di renderlo "sicuro, legale e raro", invece di parlarne come di un diritto.

L'aborto legale ha mantenuto un ampio sostegno pubblico. In un sondaggio Reuters/Ipsos condotto il mese scorso, il 71% degli intervistati, compreso il 60% dei repubblicani, ha dichiarato di ritenere che la decisione di interrompere una gravidanza debba essere lasciata alla donna e al suo medico.

Amelia Bonow, cofondatrice di Shout Your Abortion, un gruppo di advocacy progressista che mira a normalizzare l'aborto, fa parte di una nuova ondata di attivisti che hanno perso fiducia nel processo politico e nei tribunali.

Vogliono invece utilizzare altri strumenti - telemedicina, pillole abortive, viaggi - per aiutare le donne in difficoltà a ottenere l'aborto indipendentemente dallo Stato in cui vivono.

"Stiamo creando un mondo in cui possiamo sopravvivere", ha detto Bonow, di fronte a quello che ha definito "un fallimento abissale".

I sostenitori dei diritti all'aborto, ha detto Bonow, dovrebbero smettere di donare denaro alle organizzazioni nazionali e donare invece ai fondi locali per l'aborto e ai gruppi di difesa per migliorare l'accesso all'aborto.

"Non stiamo più parlando di diritti", ha detto Bonow. "Stiamo parlando di creare accesso in assenza di diritti".

'LASCIATI INDIETRO'

Mallory Schwarz, direttrice esecutiva di Pro-Choice Missouri, ha assistito con sgomento nel 2019 all'approvazione da parte dei legislatori repubblicani del suo Stato di una legge antiabortista che avrebbe vietato la procedura se l'Alta Corte avesse eliminato le protezioni federali.

Nonostante le sue suppliche, ha detto, l'aiuto finanziario tanto necessario da parte della sua organizzazione madre, NARAL, non è mai arrivato.

"È stato davvero deludente essere lasciati indietro mentre i gruppi nazionali fanno dichiarazioni sui milioni di dollari che stanno per buttare via in un paio di corse al Senato", ha detto Schwarz, il cui gruppo non è più affiliato a NARAL.

NARAL ha dichiarato di aver deciso di passare a una "struttura nazionale integrata" piuttosto che affidarsi ad affiliati indipendenti.

NARAL, Planned Parenthood e EMILY's List hanno speso più di 190 milioni di dollari durante il ciclo elettorale 2020 per eleggere i sostenitori dei diritti dell'aborto, con la maggior parte della spesa a livello federale.

I gruppi principali per i diritti dell'aborto sostengono di avere ancora un ruolo significativo da svolgere, ma hanno detto che il finanziamento delle campagne politiche federali alla fine non è riuscito a proteggere i diritti dell'aborto.

"Sarebbe sciocco pensare di poter continuare a fare affari come al solito", ha detto Timmaraju. "C'è l'opportunità di pensare in modo innovativo".


ę MarketScreener con Reuters 2022
Ultime notizie "Economia & Forex"
14:58Il veterano leader dell'opposizione Odinga è in vantaggio nella corsa presidenziale in Kenya - risultati ufficiali
MR
09:44La prima nave di cereali diretta in Africa arriva nel porto ucraino
MR
09:40Il presidente della Sierra Leone dice che le proteste miravano a rovesciare il governo
MR
02:46L'accoltellamento di Rushdie getta nel caos un tranquillo ritiro letterario
MR
02:45L'accoltellamento di Rushdie getta nel caos un tranquillo ritiro letterario
MR
02:23Il Grupo SURA della Colombia registra un aumento del 30,3% nell'utile netto del secondo trimestre.
MR
01:18La Corea del Nord revoca il mandato della maschera, distanziando le regole dopo aver dichiarato la vittoria del COVID
MR
00:22Emergent riceve una lettera di avvertimento dalla FDA per problemi di controllo della qualità
MR
00:05La città artica canadese dichiara lo stato di emergenza per la carenza d'acqua
MR
12/08Gli speculatori hanno tagliato le scommesse lunghe sul dollaro USA nell'ultima settimana
MR
Ultime notizie "Economia & Forex"