Login
E-mail
Password
Mostra password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietàMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaAgendaSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Francia : ucciso leader Isis resposabile attacchi Niger in 2017

16-09-2021 | 12:15

MILANO (MF-DJ)--La Francia ha dichiarato di aver ucciso Adnan Abu Walid al-Sahrawi, il leader dello Stato Islamico che ha guidato l'uccisione di quattro militari statunitensi in Niger nel 2017 ed è stato a capo di uno dei gruppi di maggior successo dell'organizzazione terroristica.

"Questo è un altro grande successo nella nostra lotta contro i gruppi terroristici nel Sahel", ha detto il presidente francese, Emmanuel Macron, riferendosi alla vasta regione a sud del Sahara che è diventata sede di alcune delle cellule jihadiste più pericolose del mondo. Macron non ha fornito dettagli su quando o dove esattamente al-Sahrawi sia morto.

La carriera di al-Sahrawi, nato nel Sahara, e passato da gruppi militanti locali ad al Qaeda e poi affiliato allo Stato Islamico, ha seguito l'evoluzione della minaccia jihadista nella regione. Era famoso soprattutto per aver guidato l'operazione del 2017 in cui sono stati uccisi quattro soldati statunitensi nel villaggio nigeriano di Tongo Tongo, causando la più grande perdita di vite americane in combattimento in Africa dalla battaglia di Mogadiscio nel 1993.

L'affermazione di Macron, se confermata, segnerà una rara vittoria per la vacillante campagna antiterrorismo della Francia nel Sahel, iniziata nel 2013 per espellere gli alleati di al Qaeda dalla città maliana di Timbuktu.

La Francia sta riducendo la sua presenza militare nel Sahel da 5.100 soldati a 2.500-3.000 sulla base di un ridispiegamento delle forze annunciato da Macron a luglio. La presenza militare di otto anni ha ottenuto sostegno misto in patria e ha causato la morte di 55 soldati francesi. "La Francia non ha la vocazione, tanto meno la volontà, di rimanere per sempre nel Sahel", ha detto Macron.

Circa 2.400 civili sono stati uccisi in attacchi separati in Mali, Niger e Burkina Faso lo scorso anno, secondo i dati dell'Armed Conflict Location&Event Data Project. Il gruppo di Al-Sahrawi è diventato il più mortale, essendo responsabile del 79% delle vittime delle violenze contro i civili in Niger a giugno 2021, ha affermato Acled. L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati stima che il conflitto abbia provocato lo sfollamento di circa 684.000 persone nella regione.

L'anno scorso, un'operazione francese sostenuta dagli Stati Uniti ha ucciso il leader regionale di al Qaeda, Abdelmalek Droukdel, ma i funzionari statunitensi, francesi e regionali sono stati costretti a revocare le affermazioni non confermate sulla morte di altri militanti di spicco, tra cui il vice di al-Sahrawi, Abdelhakim al-Sahrawi.

Adnan Abu Walid al-Sahrawi proveniva dal Sahara occidentale, un'ex colonia spagnola che ora è un territorio conteso controllato dal Marocco. Inizialmente ha lavorato con il Fronte Polisario, appoggiato dall'Algeria, un gruppo di guerriglieri che lottano per l'indipendenza del Sahara occidentale, prima di unirsi ad al Qaeda nel Maghreb islamico e trasferirsi nel Sahel, dove ha combattuto a fianco dei jihadisti che hanno conquistato Timbuktu.

Nel 2015 è poi diventato capo di un nuovo gruppo dello Stato Islamico nel Sahel, che ha conquistato aree di territorio in Siria e Iraq. Mentre quelle roccaforti si rimpicciolivano sotto l'attacco delle forze della coalizione occidentali e dei loro alleati locali, il leader del Sahel è salito alla ribalta, usando la violenza per ritagliarsi uno spazio in un'economia criminale in piena espansione basata sul contrabbando, dal bestiame rubato al carburante illecito fino a narcotici, migranti e oro.

Gli omicidi di Tongo Tongo hanno portato a fissare una taglia del Governo degli Stati Uniti di 5 milioni sulla testa di al-Sahrawi, rendendolo uno degli uomini più ricercati in Africa. Nei suoi sei anni come leader dello Stato Islamico nel Grande Sahara, o Isgs, il gruppo è emerso come un rivale degli affiliati di al Qaeda più radicati nella regione. Al-Sahrawi ha costruito il potere politico e finanziario del gruppo, usando fondi per acquistare armi, guadagnarsi la fedeltà dei membri delle tribù locali e pagare i salari dei combattenti e degli amministratori nelle aree che controlla.

Sotto al-Sahrawi, i combattenti dello Stato Islamico hanno lanciato una serie di massacri sulle popolazioni locali nella cosiddetta regione di confine tra tre stati tra Mali, Niger e Burkina Faso. A giugno, combattenti dell'ISGS, molti dei quali bambini soldato, hanno ucciso 130 civili burkinabé - la peggiore atrocità terroristica nella storia di un paese che è sprofondato nella violenza estremista negli ultimi anni - spingendo gli appelli a intensificare gli sforzi internazionali contro il terrorismo in tutta l'Africa occidentale.

Al-Sahrawi ha anche concentrato la sua potenza di fuoco sui suoi ex compagni di al Qaeda, inviando truppe, autobombe e attentatori suicidi nelle loro basi mentre i due gruppi combattevano per la supremazia di tutto il Sahel.

La morte di Al-Sahrawi lascerà un altro militante islamista, Iyad Ag Ghaly, nel mirino della Francia. L'organizzazione di Ghaly, il Gruppo a sostegno dell'Islam e dei musulmani, è stata dietro un attacco del 2018 all'ambasciata francese a Ouagadougou, la capitale del Burkina Faso. "Chiaramente oggi è Iyad Ag Ghaly la priorità numero uno", ha detto a giugno Ric Vidaud, comandante delle forze speciali di Francia. "E' la persona che dobbiamo assolutamente catturare, o neutralizzare se ciò non sarà possibile, nei prossimi mesi", ha aggiunto.

cos

(END) Dow Jones Newswires

September 16, 2021 06:14 ET (10:14 GMT)

Ultime notizie "Economia & Forex"
13:20HNH HOSPITALITY: al 31/10 ricavi per 34,8 mln
DJ
13:16VUELING: lancia volo Brindisi-Barcellona
DJ
13:16AGCOM: Lasorella vicepresidente Regolatori Ue Erga per 2022
DJ
12:52FISCO: Berlusconi, bene taglio tasse per altro impulso crescita
DJ
12:51Greggio in rialzo su disponibilità Opec+ ad agire in caso di calo domanda
RE
12:50COVID: Ema, rischio 'molto raro' di miocardite e pericardite con vaccini a mRna
DJ
12:46GOVERNO: Berlusconi; avanti al 2023, ma è eccezzione emergenziale
DJ
12:42USA: Senato conferma sottosegretario Tesoro per antiterrorismo e sanzioni
DJ
12:39L'assicuratore indiano Star Health taglia le dimensioni dell'IPO dopo una tiepida sottoscrizione
MR
12:38LAVORO: PwC, produttività in crescita a scapito di strategie future
DJ
Ultime notizie "Economia & Forex"