Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrazione
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaProfessionisti della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Gazprom: il costo del gas in Europa pu˛ aumentare del 60% (milanofinanza.it)

16-08-2022 | 15:10

MILANO (MF-DJ)--Continua la corsa del prezzo del gas sulla scia delle tensioni che vengono dal fronte della guerra in Ucraina, anche se i flussi verso la Germania, attraverso il gasdotto Nord Stream 1, sono sostanzialmente stabili sui bassi livelli registrati dopo il taglio di capacità deciso da Mosca a fine luglio. I future europei di riferimento sul gas naturale, quotati ad Amsterdam, schizzano dell'11% a 244,38 euro a megawattora, nuovo record da marzo. L'estate torrida abbassa i livelli di acqua nei fiumi, rende antieconomico il transito delle chiatte che trasportano combustibili e costringe le utility a utilizzare più gas, proprio in un momento in cui l'offerta dalla Russia continua a essere ridotta.

Il colosso statale russo Gazprom, si legge su milanofinanza.it, ha avvertito che i prezzi del gas in Europa potrebbero aumentare del 60% a oltre 4.000 dollari per 1.000 metri cubi quest'inverno, poiché le esportazioni e la produzione dell'azienda continuano a diminuire a causa delle sanzioni occidentali, decise a causa della guerra in Ucraina iniziata da Mosca. Il costo del gas sul mercato spot in Europa ha raggiunto quota 2.500 dollari per mille metri cubi, secondo stime prudenti; con una tale tendenza in inverno, potrebbero superare i 4.000 dollari, ha riferito Gazprom, aggiungendo che sono stati prodotti 274,8 miliardi di metri cubi di gas tra gennaio e agosto di quest'anno. In particolare, la produzione è scesa del 13% anno su anno con l'export di gas calato a 78,5 miliardi di metri cubi (-36% anno su anno), mentre è aumentato quello verso la Cina tramite il gasdotto Power of Siberia. Anche la domanda interna è scesa: -2,3% anno su anno.

L'Unione europea è impegnata a ridurre la sua dipendenza dall'energia russa e per questo intende quintuplicare il sostegno finanziario a una missione militare africana in Mozambico, secondo quanto risulta da un documento interno dell'Ue visionato dall'agenzia Reuters, mentre attacchi di gruppi islamisti minacciano alcuni progetti sul gas. Infatti, al largo della costa settentrionale del Mozambico le compagnie petrolifere occidentali stanno progettando di costruire un enorme terminale di gas naturale liquefatto.

Dal 2017 il Mozambico è alle prese con militanti legati allo Stato Islamico nella provincia di Cabo Delgado, la più settentrionale e ricca di gas, vicino a progetti di gas naturale liquefatto del valore di miliardi di dollari. Una missione militare dell'Africa meridionale e un intervento separato delle truppe del Ruanda sono riusciti a evitare che i militanti si diffondessero ulteriormente, ma la situazione rimane molto instabile.

Il documento preparato dal Servizio europeo per l'azione esterna (Seae) raccomanda lo stanziamento di 15 milioni di euro di finanziamenti Ue fino al 2024 per la missione della Comunità per lo sviluppo dell'Africa meridionale (Sadc), un blocco di 16 nazioni africane, di cui sei hanno inviato truppe in Mozambico. La missione dovrebbe essere prorogata per sei o dodici mesi durante il vertice della Sadc che si terrà a Kinshasa a partire dal 17 agosto. La proposta dovrà ottenere l'appoggio dei 27 governi Ue, i cui esperti militari terranno una riunione ordinaria il prossimo 25 agosto.

Il tutto mentre un portavoce della Commissione Europea ha chiarito che non è possibile eliminare l'Iva dal nuovo prelievo tedesco sul gas (il governo ha annunciato un'imposta annuale da circa 290 euro, il provvedimento fiscale riguarda indistintamente i consumatori finali), come richiesto da Berlino. Tuttavia, l'esecutivo Ue vuole trovare una soluzione che accolga la richiesta della Germania in un altro modo. "Non c'è la possibilità di esentare questo tipo di prelievo ed è per questo che siamo in contatto con il governo tedesco per trovare soluzioni che vadano a vantaggio dei consumatori finali e che abbiano lo stesso effetto", ha detto il portavoce della Commissione Ue, Dan Ferrie.

red/alb


(END) Dow Jones Newswires

August 16, 2022 09:09 ET (13:09 GMT)

Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
S&P GSCI NATURAL GAS INDEX 0.27%328.2611 Prezzo in tempo reale.87.45%
US DOLLAR / RUSSIAN ROUBLE (USD/RUB) 2.21%57.75 Prezzo in differita.-24.11%
Ultime notizie "Economia & Forex"
21:05Analisi - La folla di tori del dollaro aumenta il rischio di un violento pullback
MR
21:04Le deposizioni di Musk e di Agrawal di Twitter sono state rinviate - fonti
MR
21:02La banca centrale messicana vede un aumento del tasso di riferimento al livello record del 9,25% - Sondaggio Reuters
MR
20:11Le previsioni di profitto al ribasso sollevano le preoccupazioni di Wall Street, che vacilla.
MR
20:03Esclusivo: dopo il voto per la sua destituzione, Claver-Carone dell'IDB dice che intraprenderà un'azione legale
MR
20:01Ghana, FMI in trattative sul pacchetto di salvataggio
MR
19:50La forza del dollaro statunitense crea una situazione 'insostenibile' che rischia la crisi finanziaria - Morgan Stanley
MR
19:42La Banca del Canada deve aumentare i tassi per contenere l'inflazione - Governatore della Banca Centrale del Canada
MR
19:37Le trattative sul capitale del Monte dei Paschi entrano nel tratto finale dopo il voto dell'Italia
MR
19:32Nota di chiusura
DJ
Ultime notizie "Economia & Forex"