TOKYO (awp/ats/ans) - Il rallentamento della domanda di semiconduttori a livello globale, e i timori di una frenata dell'economia in Cina, hanno pesato sulla produzione industriale giapponese, in calo per il secondo anno consecutivo nel 2023.

La flessione dell'1,1% si confronta con una contrazione avvenuta in 12 dei 14 settori monitorati, con la produzione di macchinari industriali che ha registrato il peggior risultato individuale. In base alle valutazioni governative, particolare attenzione viene riposta sulle prospettive dell'economia di Stati Uniti e Cina, i principali due partner di riferimento delle merci Made in Japan, e la sospensione prolungata dell'output della Daihatsu a seguito dello scandalo sulle manomissioni dei test di sicurezza dei veicoli annunciato in dicembre.

L'impatto del terremoto del primo gennaio, di magnitudo 7.6 nel Giappone centro occidentale, secondo il ministero dell'Economia nipponico, avrà comunque "effetti limitati".