Gli spread tra i rendimenti delle obbligazioni societarie investment-grade statunitensi e i Treasury statunitensi sono saliti ai massimi da oltre tre mesi, in un segnale di avversione al rischio dovuto all'incertezza politica in Francia e al rally dei titoli di Stato statunitensi.

Gli spread indicano il premio richiesto dagli investitori per detenere obbligazioni societarie piuttosto che i più sicuri titoli di Stato. Lo spread sull'ICE BofA U.S. Corporate Index, un benchmark comunemente utilizzato per il debito di alto livello, è salito a 96 punti base questa settimana, il massimo da metà marzo.

Separatamente, il Markit CDX North American Investment Grade Index, un paniere di credit default swap che serve come indicatore del rischio di credito, si è allargato fino a un massimo intraday di oltre 54 punti base venerdì, il più alto dal 1° maggio.

I movimenti hanno seguito le turbolenze nei mercati finanziari francesi dove, prima delle elezioni parlamentari a sorpresa in Francia, gli investitori hanno venduto titoli di Stato a causa delle preoccupazioni per una crisi di bilancio nella seconda economia più grande dell'eurozona.

In una nota di venerdì, gli strateghi di Barclays hanno affermato che il crollo del debito societario statunitense è stato in parte dovuto a una "fuga verso la qualità" causata dall'incertezza politica, con gli investitori che si sono spostati verso i più sicuri Treasury statunitensi, che questo mese sono saliti dopo dati sull'inflazione migliori del previsto.

Anche le emissioni di debito societario investment-grade, più consistenti del previsto, hanno contribuito all'allargamento degli spread. Oltre 31,4 miliardi di dollari di operazioni sono stati prezzati questa settimana, al di sopra delle previsioni di 27 miliardi di dollari, secondo i dati IFR.

I rendimenti del Tesoro - che si muovono inversamente ai prezzi - sono diminuiti questo mese, con i rendimenti benchmark a 10 anni scesi al 4,269% venerdì dal 4,554% di fine maggio. Il rally "ha portato gli investitori a chiedere una maggiore compensazione per l'assunzione del rischio di credito", ha detto Blair Shwedo, responsabile delle vendite e del trading del reddito fisso presso U.S. Bank.

Tuttavia, gli spread del credito rimangono storicamente stretti a causa della resilienza economica degli Stati Uniti, nonostante gli alti costi di finanziamento, e della prospettiva di tassi di interesse più bassi in futuro. In questo periodo dell'anno scorso, gli spread investment grade si attestavano a 135 punti base.

Per Daniel Krieter, direttore della strategia del reddito fisso presso BMO Capital Markets, è troppo presto per dire se il recente selloff sia un'opportunità di acquisto o un segnale di spostamento degli spread in un nuovo trading range dopo la forte domanda dell'inizio dell'anno.

"Sospettiamo che non sapremo la risposta fino a dopo la conclusione delle elezioni francesi, e che è improbabile che gli spread registrino una performance sostanziale fino a quando il rischio di questo evento non sarà passato", ha dichiarato in una nota di venerdì. (Relazioni di Davide Barbuscia e Matt Tracy; Redazione di Josie Kao)