Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Gli svizzeri rispondono con freddezza alla richiesta dell'Ucraina di sequestrare i beni russi

05-07-2022 | 20:23
Ukraine Recovery Conference in Lugano

La Svizzera ha risposto con freddezza alle richieste del primo ministro ucraino di utilizzare i beni congelati dei russi ultra ricchi per aiutare a finanziare il progetto di ricostruzione del suo Paese da 750 miliardi di dollari.

Il Primo Ministro ucraino Denys Shmygal ha dichiarato ad una conferenza a Lugano che 300-500 miliardi di dollari di beni russi sono stati congelati dagli Stati Uniti, dall'Unione Europea e dalla Gran Bretagna, denaro che, secondo lui, potrebbe aiutare a ricostruire scuole, ospedali e case distrutte.

"Proponiamo di trovare (una) formula per creare una legislazione nazionale e internazionale per (creare) la possibilità di confiscare i beni congelati in caso di aggressione non provocata", ha detto Shmygal, riferendosi all'invasione dell'Ucraina da parte della Russia.

Un passo del genere migliorerebbe la sicurezza globale scoraggiando le aggressioni non provocate e ingiustificate, ha detto a una conferenza stampa al termine della conferenza di recupero di due giorni.

Ma la Svizzera, che a maggio ha segnalato 6,3 miliardi di franchi svizzeri (6,50 miliardi di dollari) di beni russi congelati, si è opposta a una consegna automatica della ricchezza. Il Paese, che ha adottato le sanzioni dell'UE contro i russi, è stato a lungo una destinazione popolare per l'élite di Mosca e un luogo di detenzione per la ricchezza russa.

Il Presidente svizzero Ignazio Cassis ha affermato che è importante proteggere gli individui dal potere dello Stato e creare una base legale per la confisca dei fondi.

"Secondo le regole che abbiamo nella stragrande maggioranza delle democrazie..., possiamo congelare i beni, possiamo congelare per chiarire la provenienza di questi beni", ha detto Cassis ai giornalisti.

Ma è necessario affrontare anche le questioni relative ai legami tra il denaro e la guerra in Ucraina e alla proporzionalità delle misure, ha detto Cassis.

"Ora possiamo prendere una decisione che è perfetta per l'Ucraina, ma creiamo la possibilità di prendere la stessa decisione in molte altre possibilità e... diamo molto più potere allo Stato e non ai cittadini".

(1 dollaro = 0,9688 franchi svizzeri)


ę MarketScreener con Reuters 2022
Ultime notizie "Economia & Forex"
15:47UCRAINA: arrivati a Kiev tre sistemi antiaerei inviati da Germania
DJ
15:43La strategia statunitense per l'Africa pone l'accento sulle minacce di Cina e Russia
MR
15:42UCRAINA: Russia consentirà visita Aiea a centrale nucleare Zaporizhzhia
DJ
15:30L'inflazione di luglio in Messico è vista al livello più alto dal 2000
MR
15:27La Manchester Building Society è in trattative iniziali per la fusione con la Newcastle Building
MR
15:21TAIWAN: Cina, esercitazioni in linea con diritto internazionale
DJ
15:11BFF: riceve i requisiti Srep di Bankititalia
DJ
15:07UCRAINA: regione Zaporizhzhia terrà referendum su adesione a Russia
DJ
15:05L'Ucraina ha bombardato l'impianto di Zaporizhzhia domenica, dice la Russia
MR
15:02BioNTech, consegne vaccini adattati a Omicron inizieranno in ottobre
RE
Ultime notizie "Economia & Forex"