Login
E-mail
Password
Mostra password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaAgendaSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Greggio estende guadagni a massimi pluriennali su contrazione offerta

25-10-2021 | 12:26
Piattaforme offshore nel Golfo del Messico vicino Port Fourchon, Louisiana

LONDRA (Reuters) - Il greggio estende i guadagni registrati prima del weekend toccando massimi da diversi anni, sostenuto dalla ridotta offerta globale e dal rafforzamento della domanda di carburante negli Stati Uniti e in altri aree sulla scia della ripresa delle economie dalla crisi innescata dalla pandemia.

Intorno alle 12,00 italiane, i futures sul Brent avanzano di 51 centesimi, o dello 0,6%, a 86,04 dollari il barile, dopo aver chiuso la scorsa seduta in rialzo dell'1,1%. Durante la sessione hanno toccato 86,43 dollari il barile, ai massimi da ottobre 2018.

I futures sul greggio Usa guadagnano 65 centesimi, o lo 0,8%, a 84,41 dollari il barile, dopo aver chiuso venerdì in rialzo dell'1,5%. Durante la seduta il contratto ha toccato quota 84,76 dollari il barile, ai massimi da ottobre 2014.

Entrambi i contratti hanno chiuso la scorsa settimana leggermente in rialzo nonostante l'aumento dei casi di coronavirus in Gran Bretagna e in Europa orientale, un segnale di un inverno potenzialmente difficile all'orizzonte.

"Sembra che il continuo calo delle scorte globali sia ancora ampiamente previsto nei prossimi mesi e solo una scalfittura nella crescita della domanda potrebbe modificare il sentiment sottostante", ha detto Tamas Varga, analista petrolifero di Pvm Oil Associates a Londra.

Goldman Sachs sottolinea che un forte rimbalzo nella domanda globale petrolifera potrebbe spingere i prezzi del Brent oltre la stima per la fine dell'anno di 90 dollari il barile. La banca prevede che il passaggio da gas a petrolio potrebbe contribuire per almeno 1 milione di barili al giorno alla domanda di greggio.

Dopo oltre un anno di domanda di carburante depressa, il consumo di benzina e di distillati è nuovamente in linea con le medie a cinque anni negli Stati Uniti, il primo consumatore di carburante al mondo.

Intanto le società energetiche statunitensi hanno ridotto la scorsa settimana le piattaforme di greggio e gas naturale per la prima volta in sette settimane, pur a fronte di un aumento dei prezzi del greggio, in base ai dati diffusi venerdì da Baker Hughes Co.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in Redazione a Milano Sabina Suzzi, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com, +48587696613)


ę Reuters 2021
Ultime notizie "Economia & Forex"
11:05Zona euro, inflazione alta potrebbe portare ad aumento tassi in 2023 - Knot
RE
11:05Zona euro, "gobba" inflazione vicina a picco, calo in 2022 -Lagarde
RE
11:04TOP STORIES ITALIA: Istat rialza stime Pil 2021 a +6,3%, 2022 a +4,7%
DJ
11:02TOP STORIES ITALIA: Pmi, terziario piú forte e aumentano assunzioni
DJ
11:02TOP STORIES ITALIA: Datrix, +11% al debutto su EGM
DJ
11:00EUROZONA: vendite dettaglio settembre riviste a -0,4% m/m, +2,6% a/a
DJ
11:00EUROZONA: +0,2% m/m vendite dettaglio ottobre (+1,4% a/a)
DJ
11:00SAFILO: rinnova partnership con Special Olympics
DJ
10:56UE: Sassoli, necessarie misure immediate per mitigare cambiamento climatico
DJ
10:56BCE: Lagarde; rialzo tassi improbabili in 2022, ma non esiteremo quando sarà momento
DJ
Ultime notizie "Economia & Forex"