Login
E-mail
Password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON

Home MarketScreener  >  Notizie  >  Economia & Forex

Notizie : Ultime notizie
Ultime notizieSocietàMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaAgendaSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Greggio in calo su rafforzamento dollaro e attese aumento produzione Opec+

26-02-2021 | 14:09
Una pompa petrolifera in miniatura davanti al logo Opec

Londra (Reuters) - Il petrolio è in calo sulla scia della flessione dei prezzi obbligazionari che ha rafforzato il dollaro Usa, mentre è atteso un aumento delle forniture di greggio in risposta al ritorno delle quotazioni oltre i livelli pre-pandemia.

Intorno alle 12,00, i futures sul Brent per il contratto di aprile, in scadenza oggi, cedono 48 centesimi, o lo 0,7%, a 66,40 dollari al barile. Il contratto di maggio, più scambiato, perde 46 centesimi, a 65,64 dollari, dopo essere sceso fino a 65,04 dollari nel corso della sessione.

I futures sul greggio Usa cedono 43 centesimi, o lo 0,7%, a 63,11 dollari al barile.

Un sell-off sul mercato obbligazionario ha fatto salire il dollaro Usa, rendendo il greggio denominato in dollari più costoso per i detentori di altre valute.

Nonostante la flessione odierna, sia il Brent che il greggio Usa si avviano ad archiviare il mese in rialzo di circa il 20%, grazie agli stop alla produzione negli Stati Uniti e un generalizzato ottimismo relativo alla ripresa della domanda, alimentato dai programmi di vaccinazione contro il Covid-19.

Gli investitori scommettono su un aumento delle forniture in seguito alla riunione dell'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio e alleati, gruppo conosciuto come Opec+, della prossima settimana.

I prezzi del greggio Usa subiscono inoltre le pressioni di un calo della domanda delle raffinerie in seguito alla chiusura di molti stabilimenti sulla Costa del Golfo dopo le tempeste invernali della scorsa settimana.

A causa del maltempo è ancora inattiva una capacità di raffinazione pari a 4 milioni di barili al giorno e potrebbe volerci fino al 5 marzo per tornare a pieno regime, sebbene ci sia il rischio di ritardi, secondo una nota degli analisti di J.P. di questa settimana.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Sabina Suzzi)


© Reuters 2021
Ultime notizie "Economia & Forex"
09/04L'agenda della prossima settimana
DJ
09/04S.LEGALI : F.Annunziata nel Supervisory Board di Droit et Croissance
DJ
09/04JUST EAT : a Reggio Emilia oltre 50 rider assunti con Ccnl Logistica
DJ
09/04REGIONI : Gelmini; congratulazioni Fedriga, avanti con collaborazione
DJ
09/04REGIONI : Di Maio; buon lavoro a Fedriga, nuovo presidente Conferenza
DJ
09/04INFRASTRUTTURE : Giovannini dispone piano sorveglianza gallerie
DJ
09/04B. PROFILO : Rosa Cipriotti si dimette da Consigliere indipendente
DJ
09/04TOP STORIES ITALIA : Iss; raggiunto plateau, lenta decrescita casi Covid
DJ
09/04TOP STORIES ITALIA : commercio in ripresa, per Confesercenti non basta
DJ
09/04TOP STORIES ITALIA : Credit Suisse; Paese in fase cruciale, "ora o mai piú"
DJ
Ultime notizie "Economia & Forex"