Login
E-mail
Password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietàMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaAgendaSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Greggio, prezzi toccano massimi 13 mesi con calo produzione Usa, stabilità tassi Fed

25-02-2021 | 12:48
Serbatoi di petrolio greggio presso l'hub di Cushing

LONDRA (Reuters) - I prezzi del greggio hanno proseguito in rialzo per una quarta seduta consecutiva, raggiungendo i massimi di oltre 13 mesi, sostenuti dalla conferma che i tassi di interesse rimarranno bassi negli Stati Uniti, deve la produzione di petrolio ha è stata negativamente impattata dalla tempesta Texas.

Intorno alle 11,40 i future sul Brent per aprile guadagnano 25 centesimi a quota 67,37 dollari a barile, mentre il greggio Usa si attesta a 63,43, in rialzo di 19 centesimi o lo 0,4%.

Entrambi i derivati hanno toccato i propri massimi dall' 8 gennaio 2020 con il Brent a 67,70 dollari a barile e il greggio Usa a 63,79. I contratti del Brent per aprile scadono domani.

La conferma della Federal Reserve che i tassi di interesse rimarranno bassi almeno per il momento ha indebolito il dollaro, stimolando invece l'appetito per il rischio degli investitori e il mercato azionario globale.

La tempesta di neve in Texas ha portato ad un calo della produzione del greggio Usa di oltre il 10%, circa un milione di barili al giorno, la scorsa settimana, secondo quanto riportato ieri dalla Energy Information Administration (Eia).

Le scorte di carburante nel più grande consumatore di petrolio al mondo potrebbero essere ridotte a loro volta, con i dati sull'input di greggio nelle raffinerie ai minimi da settembre 2008, secondo i dati Eia (Energy Information Administration).

Gli analisti ING hanno riferito che le scorte di greggio potrebbero crescere nelle prossime settimane con la produzione che si è ripresa abbastanza in fretta, mentre ci si aspetta che alle raffinerie occorra più tempo per tornare alla normalità.

L' Opec+, che include i paesi Opec e i loro alleati, tra cui la Russia, si incontrerà il 4 marzo.

Il gruppo discuterà un lieve allentamento alle restrizioni alla produzione a partire da aprile, vista la risalita dei prezzi, secondo quanto affermano fonti Opec+, benché alcuni membri suggeriscano di mantenere in vigore i tagli al momento, visto il rischio di nuove battute d'arresto nella lotta alla pandemia.

(Tradotto da Redazione Danzica, in Redazione a Milano Elvira Pollina, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)


© Reuters 2021
Ultime notizie "Economia & Forex"
16/04Nota di chiusura
DJ
16/04L'agenda della prossima settimana
DJ
16/04PELLICONI : lancia un e-commerce per personalizzazione packaging
DJ
16/04FED : Waller, economia Usa pronta a scattare ma no momento di staccare spina
DJ
16/04PMI : Italiafintech, nel 1* trim 2021 crescono aziende finanziate
DJ
16/04COVID : Anp-Cia, subito vaccini a domicilio per over 80
DJ
16/04USA : Biden manterrà limite ammissione rifugiati per quest'anno a 15.000
DJ
16/04USA : sanzioni Russia contro 8 funzionari di alto livello
DJ
16/04BUZZI U. : esecuzione accordo d'acquisto di Crh Brasil
DJ
16/04RUSSIA : Lavrov, espelleremo 10 diplomatici Usa
DJ
Ultime notizie "Economia & Forex"