Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrazione
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaProfessionisti della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

I produttori di chip vedono un impatto limitato per ora, mentre la Russia invade l'Ucraina

24-02-2022 | 10:47
FILE PHOTO: Semiconductors are pictured at chip packaging firm Unisem'splant in Ipoh

Le grandi aziende di chip hanno detto di aspettarsi per ora un'interruzione limitata della catena di rifornimento dal conflitto Russia-Ucraina, grazie alle scorte di materie prime e all'approvvigionamento diversificato, ma alcune fonti dell'industria hanno detto che ci potrebbe essere un impatto più a lungo termine.

L'Europa ha affrontato una delle più grandi crisi di sicurezza degli ultimi decenni, dopo che la Russia ha invaso l'Ucraina via terra, aria e mare.

La crisi ha colpito i titoli delle aziende tecnologiche che si riforniscono o vendono a livello globale tra i timori di ulteriori interruzioni della catena di approvvigionamento dopo una carenza di chip semiconduttori durata un anno.

L'Ucraina fornisce più del 90% del neon statunitense per semiconduttori, fondamentale per i laser usati nella produzione di chip. Il gas, un biprodotto della produzione russa di acciaio, viene purificato in Ucraina, dice la società di ricerche di mercato Techcet. La Russia è la fonte del 35% del palladio usato negli Stati Uniti. Il metallo è usato nei sensori e nella memoria, tra le altre applicazioni.

"I produttori di chip non sentono alcun impatto diretto, ma le aziende che li riforniscono di materiali per la fabbricazione di semiconduttori comprano gas, inclusi neon e palladio, dalla Russia e dall'Ucraina", ha detto una fonte dell'industria di chip giapponese che ha parlato a condizione di anonimato. "La disponibilità di quei materiali è già scarsa, quindi qualsiasi ulteriore pressione sulle forniture potrebbe far salire i prezzi. Questo a sua volta potrebbe far salire i prezzi dei chip".

Ma le aziende sono meglio preparate che negli ultimi anni, grazie ad altre interruzioni e conflitti.

"Comprendiamo che i rapporti sulla potenziale interruzione della fornitura di minerali e gas nobili, a causa delle tensioni in corso tra Russia e Ucraina, sono preoccupanti per l'industria dei semiconduttori", ha detto il produttore di chip di memoria Micron Technology, ma ha aggiunto di aver "diversificato l'approvvigionamento" per le sue forniture.

La Casa Bianca ha detto all'industria dei chip di diversificare i suoi fornitori in caso di ritorsione della Russia contro le sanzioni statunitensi, che finora hanno preso di mira il gasdotto russo Nord Stream 2 verso l'Europa e alcune banche russe. Si attendono ulteriori passi.

FONTI ALTERNATIVE

ASML Holding, un fornitore olandese chiave per i produttori di chip tra cui TSMC, Samsung Electronics e Intel, ha detto mercoledì che stava esaminando fonti alternative per il neon.

La maggior parte dei produttori di chip ha detto di essere in modalità di attesa prima dell'escalation di giovedì, dopo aver già diversificato le catene di approvvigionamento a causa dello stallo commerciale USA-Cina, della pandemia e del battibecco diplomatico del Giappone con la Corea del Sud.

Alcune aziende hanno iniziato a diversificare dall'Ucraina e dalla Russia dopo che l'annessione della Crimea da parte di Mosca nel 2014 ha innescato un salto nei prezzi dei neon.

Il CEO di SK Hynix, produttore sudcoreano di chip di memoria, Lee Seok-hee ha detto ai giornalisti la settimana scorsa che l'azienda si è "assicurata un sacco" di materiali per chip e che "non c'è da preoccuparsi".

Intel Corp ha detto di non prevedere alcun impatto. GlobalFoundries ha detto di non aspettarsi un rischio diretto e di avere flessibilità per cercare fonti al di fuori della Russia o dell'Ucraina, così come il produttore di chip di Taiwan United Microelectronics Corp.

TSMC, il più grande produttore di chip a contratto del mondo, ha rifiutato di commentare "al momento", mentre l'azienda taiwanese di test e imballaggio di chip ASE Technology ha detto che la sua fornitura di materiale è rimasta stabile "a questo punto".

Il Ministero degli Affari Economici di Taiwan ha detto a Reuters di aver controllato la catena di fornitura di semiconduttori di Taiwan e di non aver trovato alcun impatto diretto sui materiali o sulle attività di produzione.

"La Russia non è, al momento, uno dei principali mercati dell'industria taiwanese delle fonderie", ha detto Joanne Chiao, analista senior del ricercatore di mercato TrendForce.

Il chipmaker malese Unisem, tra i cui clienti c'è Apple, ha detto che non si aspetta alcun impatto sulla produzione di chip perché i materiali di cui ha bisogno non provengono dalla Russia e le sue macchine provengono principalmente da Stati Uniti, Giappone, Corea, Singapore e in loco.

La Malesia è un anello vitale nella produzione di chip, rappresentando il 13% dei test di assemblaggio e imballaggio dei chip globali.

La giapponese Ibiden, che produce substrati per l'imballaggio dei chip, ha detto di avere abbastanza materiali ma le sanzioni potrebbero cambiare la situazione, quando le è stato chiesto delle forniture di neon e di altri gas dalla Russia. "Siamo un po' preoccupati", ha detto un portavoce.


ę MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
APPLE INC. 0.66%151.76 Prezzo in differita.-15.09%
ASE TECHNOLOGY HOLDING CO., LTD. -0.25%81.1 Prezzo di chiusura.-23.85%
ASML HOLDING N.V. -2.39%439.7 Prezzo in tempo reale.-36.35%
GLOBALFOUNDRIES INC. 0.15%52.88 Prezzo in differita.-18.61%
IBIDEN CO.,LTD. -3.33%4215 Prezzo in differita.-36.26%
INTEL CORPORATION -0.30%26.89 Prezzo in differita.-47.63%
MICRON TECHNOLOGY, INC. 3.48%50.58 Prezzo in differita.-45.70%
MSCI SINGAPORE (GDTR) -0.44%5346.43 Prezzo in tempo reale.-14.46%
MSCI TAIWAN (STRD) 0.44%476.856 Prezzo in tempo reale.-34.31%
PALLADIUM -0.68%2055.03 Prezzo in differita.7.46%
SAMSUNG ELECTRONICS CO., LTD. 0.56%54200 Prezzo di chiusura.-30.78%
SK HYNIX INC. -0.61%82000 Prezzo di chiusura.-37.40%
TAIWAN SEMICONDUCTOR MANUFACTURING COMPANY LIMITED 0.34%448 Prezzo di chiusura.-27.15%
UNISEM (M) 0.00%2.63 Prezzo di chiusura.-35.54%
UNITED MICROELECTRONICS CORPORATION 1.22%37.3 Prezzo di chiusura.-42.62%
US DOLLAR / RUSSIAN ROUBLE (USD/RUB) 0.77%58.6164 Prezzo in differita.-21.89%
Ultime notizie "Economia & Forex"
09:22Lega : confermata fiducia a Salvini, ora serve unità (CorSera)
DJ
09:20Energia : governo sblocca 13 parchi eolici, ma gas in standby (Messaggero)
DJ
09:20Tlc: Virgin Fibra pronta per l'Italia (MF)
DJ
09:13Fisco : Ue aggiunge 3 paesi Caraibi a blacklist paradisi (IO)
DJ
09:13Mfe : Cardani, gruppo reattivo in contesto difficile
DJ
09:11Iccrea: apre gara per polizze (MF)
DJ
09:11Cambi : indice Dxy su massimi da 20 anni a 114,764
DJ
09:09Lego registra una forte crescita grazie alla domanda robusta e alle aperture di nuovi negozi
MR
09:07Auto: Parigi spinge su incentivi autarchici (MF)
DJ
09:07Cambi : euro/usd su minimi da 20 anni a 0,9541
DJ
Ultime notizie "Economia & Forex"