I tempi per il lancio dei fondi negoziati in borsa (ETF) legati alla criptovaluta ether dipendono in gran parte dalla rapidità con cui gli emittenti risponderanno alle richieste della U.S. Securities and Exchange Commission, ha dichiarato mercoledì il presidente Gary Gensler.

Il mese scorso la SEC ha approvato le richieste di Nasdaq, CBOE e NYSE di quotare gli ETF sull'etere. Si è trattato di una vittoria a sorpresa per l'industria delle criptovalute, che si aspettava che la SEC respingesse i depositi dopo gli scoraggianti incontri con l'autorità di regolamentazione.

La SEC deve ancora approvare le dichiarazioni di registrazione degli emittenti dell'ETF, che contengono informazioni dettagliate per gli investitori, prima di poter iniziare a negoziare. Questo processo di solito comporta un lungo tira e molla tra gli emittenti di ETF e i funzionari della SEC.

"Gli emittenti sono motivati a rispondere ai commenti che ricevono, ma dipende da loro quanto sono reattivi", ha detto. Gensler ha rifiutato di dire se pensa che il processo richiederà settimane o mesi.

Gensler e i funzionari dell'agenzia non avevano commentato in precedenza il motivo per cui la SEC sembrava fare un'inversione di rotta e approvare i depositi della borsa dell'etere.

Mercoledì scorso, Gensler ha detto che la sfida giudiziaria dello scorso anno, intentata da Grayscale Investments, che ha costretto la SEC ad approvare gli ETF di bitcoin spot a gennaio, ha influenzato il suo pensiero sui prodotti di ether.

Grayscale ha sostenuto con successo che, poiché la SEC aveva precedentemente approvato gli ETF legati ai futures di bitcoin, avrebbe dovuto approvare anche gli ETF di bitcoin spot, poiché i prezzi dei futures di bitcoin sono altamente correlati con i prezzi spot.

Gensler ha detto che i casi sono simili, dal momento che i futures di ethereum sono stati negoziati dall'anno scorso. Il personale della SEC "ha esaminato questi documenti (sull'etere), ha esaminato le varie correlazioni... le correlazioni sono relativamente simili alle correlazioni nello spazio del bitcoin", ha detto Gensler.

Dopo che il tribunale si è pronunciato l'anno scorso a favore di Grayscale, la SEC ha approvato gli ETF di bitcoin spot a gennaio. In una dichiarazione di allora, Gensler ha riconosciuto la decisione del tribunale, aggiungendo di ritenere che l'approvazione dei prodotti fosse "il percorso più sostenibile".

La SEC aveva respinto per un decennio gli ETF sul bitcoin. "I tribunali hanno deciso diversamente. Ci siamo adeguati", ha detto Gensler.

Tuttavia, ha aggiunto che continua a vedere lo spazio cripto come "pieno di frodi, truffe e conflitti". (Relazioni di Hannah Lang e Chris Prentice a New York; editing di Michelle Price e David Gregorio)