Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrazione
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaProfessionisti della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Il Messico cerca una soluzione 'reciprocamente soddisfacente' alla controversia sul commercio energetico degli Stati Uniti - Ministro aggiunto

22-07-2022 | 14:02
FILE PHOTO: Americas Society and Council of the Americas event in Mexico City

Il Vice Ministro dell'Economia del Messico, Luz Maria de la Mora, ha dichiarato a Reuters di sperare in una "soluzione reciprocamente soddisfacente" per i colloqui richiesti da Stati Uniti e Canada su quelle che sostengono essere le violazioni messicane in materia di energia di un patto commerciale regionale.

Le richieste statunitensi e canadesi arrivano dopo anni di preoccupazioni da parte delle aziende private di queste nazioni, secondo le quali la spinta del Presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador a stringere la presa dello Stato sui settori del petrolio e dell'energia elettrica li ha trattati in modo ingiusto e in violazione dell'Accordo Stati Uniti-Messico-Canada (USMCA).

"Vogliamo approfittare di questa fase di consultazione... per vedere come possiamo raggiungere una soluzione reciprocamente soddisfacente attraverso un dialogo aperto, franco e costruttivo, che ci permetterà di superare queste differenze", ha detto De la Mora a Reuters in un'intervista.

La richiesta di consultazioni segna la più grave controversia commerciale tra Washington e Città del Messico da quando il patto commerciale USMCA è entrato in vigore due anni fa e, se non risolta, potrebbe portare a tariffe punitive da parte degli Stati Uniti.

Sebbene De la Mora abbia detto che il Governo messicano cercherà di sostenere che le sue politiche energetiche non violano l'accordo commerciale, il suo tono conciliante sulla ricerca di una soluzione che vada a vantaggio di tutte le parti contrasta con la reazione di sfida di Lopez Obrador contro le denunce.

Il nazionalista energetico di sinistra si è impegnato a rilanciare il produttore petrolifero statale Petroleos Mexicanos (Pemex) e l'azienda elettrica Comision Federal de Electricidad (CFE), che secondo lui i suoi predecessori hanno deliberatamente 'distrutto' per cedere il mercato energetico del Messico agli stranieri.

Il Rappresentante del Commercio degli Stati Uniti afferma che le mosse per sostenere le aziende statali hanno minato le aziende americane in Messico.

De la Mora ha detto che il Messico non utilizzerà una disputa commerciale separata con Washington sull'industria automobilistica come merce di scambio.

"Speriamo che questa questione venga risolta entro la fine dell'anno e siamo molto ottimisti sul fatto che abbiamo un caso molto solido e che avremo una risoluzione favorevole per il Messico", ha detto De la Mora, riferendosi alla disputa sull'auto, che include disaccordi sulle proposte di agevolazioni fiscali degli Stati Uniti per la produzione di veicoli elettrici.

A gennaio, il Canada ha dichiarato che si sarebbe unito al Messico nel richiedere un panel di risoluzione delle controversie per appianare le divergenze con gli Stati Uniti sulle modalità di applicazione dei requisiti di contenuto del settore automobilistico previsti dal trattato.

Alla domanda se le politiche energetiche di Lopez Obrador stiano spaventando gli investimenti, De la Mora ha sottolineato i recenti annunci di investimenti in Messico da parte della società energetica statunitense Sempra Energy e della canadese TC Energy.

Ha sostenuto che il meccanismo di risoluzione delle controversie dell'USMCA offre agli investitori una certezza, perché se dovessero sorgere delle divergenze, come è successo ora, il suo utilizzo aiuterebbe a chiarire le cose.

"Il meccanismo di risoluzione delle controversie è molto solido, è un meccanismo che consente all'investitore di avere maggiore certezza e questo è molto positivo per il clima imprenditoriale", ha affermato.

Gli Stati Uniti hanno richiesto consultazioni nell'ambito dell'USMCA sulle politiche energetiche del Messico il 20 luglio.

Secondo le regole dell'USMCA, gli Stati Uniti e il Messico avvieranno le consultazioni entro 30 giorni dalla richiesta degli Stati Uniti, a meno che le parti non decidano diversamente. Se non risolvono la questione attraverso le consultazioni entro 75 giorni dalla richiesta degli Stati Uniti, questi ultimi possono richiedere l'istituzione di un panel di controversie.


ę MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
LONDON BRENT OIL 2.32%88.03 Prezzo in differita.7.68%
SEMPRA ENERGY 1.62%156.29 Prezzo in differita.16.53%
TC ENERGY CORPORATION 1.48%57.62 Prezzo in differita.-1.99%
WTI 2.95%80.749 Prezzo in differita.4.16%
Ultime notizie "Economia & Forex"
16:53Datrix : 7,1 mln ricavi cons. 1* sem., +48% a/a
DJ
16:53UCRAINA : Von der Leyen propone nuovo pacchetto sanzioni contro Russia
DJ
16:53Reddito : Messina; attenti a toglierlo, prima nuovo strumento su lavoro
DJ
16:49Intesa Sanpaolo : Messina, continueremo a essere pilastro economia reale
DJ
16:49La Germania prolunga i tempi di funzionamento delle centrali elettriche a carbone per aumentare l'offerta
MR
16:42Bce: Messina, bilanciare rialzo tassi evitando di mandare in recessione Paesi
DJ
16:42Fincantieri: Graziano nuovo presidente di Assonave
DJ
16:41Ue, nuove sanzioni "faranno pagare a Cremlino" escalation in Ucraina - von der Leyen
RE
16:37Imprese : Messina; aiuti solo a chi è in difficoltà, le altre devono dare
DJ
16:34La raffineria britannica Essar Oil firma un accordo di acquisto con Vertex Hydrogen
MR
Ultime notizie "Economia & Forex"