Il dollaro ha subito un'ampia flessione venerdì, in quanto i trader hanno prenotato i profitti dopo i recenti guadagni, ma la valuta statunitense rimane ben posizionata per ulteriori progressi, sostenuta dai solidi dati economici statunitensi che hanno spinto i mercati a ridimensionare le aspettative di tagli dei tassi di interesse.

I dati di venerdì hanno mostrato che i nuovi ordini per i principali beni strumentali manifatturieri statunitensi sono rimbalzati più del previsto ad aprile e anche le spedizioni di questi beni sono aumentate, suggerendo una ripresa della spesa delle imprese per le attrezzature all'inizio del secondo trimestre.

Questo fa seguito ai dati di giovedì, che hanno mostrato un'accelerazione dell'attività imprenditoriale statunitense a maggio, al livello più alto in poco più di due anni, e i produttori hanno registrato un aumento dei prezzi degli input.

I verbali dell'ultima riunione della Federal Reserve, pubblicati questa settimana, hanno mostrato un vivace dibattito tra i responsabili politici sul fatto che i tassi attuali siano sufficientemente restrittivi per raffreddare l'inflazione.

Il dollaro era in calo dello 0,3% a 104,74 contro un paniere di valute venerdì, dopo essere avanzato in cinque delle ultime sei sessioni di trading. L'euro era in rialzo dello 0,3% a 1,08495 dollari.

"Gli investitori stanno solo ora cogliendo l'opportunità di riflettere sulla settimana e di prendere qualche profitto... si tratta di un'operazione di puro posizionamento", ha detto Boris Kovacevic, stratega di mercato globale presso la società di pagamenti Convera a Vienna.

Mentre i dati economici statunitensi più forti del previsto hanno indotto i trader a posticipare la tempistica del primo taglio dei tassi della Fed a settembre, anche le aspettative di tagli dei tassi da parte di altre banche centrali sono diminuite.

"Per quanto le aspettative di allentamento da parte della Federal Reserve si siano raffreddate nel corso dell'ultima settimana, è una storia simile per i banchieri centrali di tutto il mondo - anche le modifiche ai tagli dei tassi della BCE si sono ridotte dopo molti commenti ufficiali da lunedì", ha detto Helen Given, FX trader presso Monex USA a Washington.

Nonostante il ritiro di venerdì, le prospettive a breve termine per il dollaro sono ottimistiche, hanno detto gli analisti.

"Il tema dell'eccezionalismo degli Stati Uniti è ancora in corso", ha detto Kovacevic di Convera.

Il dollaro è in rialzo di quasi l'1% questa settimana rispetto allo yen giapponese, a 156,98 yen, anche se i rendimenti dei titoli di Stato giapponesi sono saliti anch'essi, toccando i massimi del decennio e superando l'1% sul tenore a 10 anni.

L'inflazione core del Giappone è rallentata per il secondo mese consecutivo ad aprile, soddisfacendo le aspettative del mercato - e rimanendo al di sopra dell'obiettivo della banca centrale - al 2,2%.

"Sta avendo un effetto molto limitato sullo yen", ha detto Martin Whetton, responsabile della strategia dei mercati finanziari presso Westpac a Sydney. "Il guadagno della detenzione di dollari è di gran lunga superiore", ha detto, mentre la retorica dei politici ha anche reso i trader nervosi per quanto riguarda l'inflazione e il rischio che i tagli dei tassi siano lontani o piccoli.

La sterlina è salita dello 0,3% a 1,27345 dollari venerdì.

I dati hanno mostrato che il tempo piovoso ha colpito la spesa dei consumatori britannici molto più del previsto ad aprile, ma le prove di un'inflazione vischiosa e l'annuncio a sorpresa di questa settimana di elezioni generali a luglio hanno mantenuto la sterlina vicino ai massimi di due mesi.

La Cina ha iniziato una seconda giornata di giochi di guerra intorno a Taiwan. Lo yuan cinese si è mantenuto stabile nel mercato offshore intorno a 7,262.

Il dollaro neozelandese è salito dello 0,3% a 0,61185 dollari, sostenuto da un cambiamento di prospettiva da falco da parte della Reserve Bank of New Zealand.

Tra le criptovalute, l'ether è sceso dell'1,2% a $3.707, un giorno dopo che la U.S. Securities and Exchange Commission ha approvato le richieste di Nasdaq, CBOE e NYSE di quotare fondi negoziati in borsa (ETF) legati al prezzo dell'ether, aprendo potenzialmente la strada all'inizio delle negoziazioni dei prodotti nel corso dell'anno. Per la settimana, l'ether è aumentato del 20%.