Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietàMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Il dollaro si dirige verso un calo settimanale, mentre i trader riducono le opinioni sul rialzo dei tassi della Fed

27-05-2022 | 21:36
FILE PHOTO: U.S. dollar notes are seen in front of a stock graph in this picture illustration

Il dollaro è salito venerdì, ma si è avviato verso il più grande calo settimanale in quasi quattro mesi, poiché gli operatori hanno ridotto le aspettative di rialzo dei tassi della Federal Reserve, in seguito ai segnali che la banca centrale statunitense potrebbe rallentare o addirittura sospendere il suo ciclo di inasprimento nella seconda metà dell'anno.

Il dollaro è sceso e si è avviato verso il secondo calo settimanale consecutivo, in quanto gli operatori hanno ridotto le aspettative di rialzo dei tassi d'interesse della Federal Reserve degli Stati Uniti e il miglioramento dei dati sull'inflazione e sulla spesa dei consumatori ha attenuato i timori di recessione.

L'indice del dollaro, che misura la valuta rifugio contro un paniere di altre sei valute principali, è sceso fino a 101,43, il valore più basso dal 25 aprile. Su base settimanale, è sceso dell'1,3%, dopo il calo dell'1,45% della settimana precedente. Alle 10:45 ora orientale (1445 GMT), il dollaro era in calo dello 0,147% a 101,57.

All'inizio di questo mese, il biglietto verde ha raggiunto un picco di quasi due decenni al di sopra di 105, ma è diminuito insieme alle previsioni sull'entità dei probabili aumenti dei tassi della Fed quest'anno, alimentati in parte dai timori di un'inflazione in crescita.

"Il dollaro sta perdendo quota mentre la visione di una pausa della Fed sui rialzi dei tassi in autunno guadagna trazione", ha detto Joe Manimbo, analista di mercato senior presso Western Union Business Solutions.

I verbali della riunione di maggio della Fed di questa settimana hanno mostrato che la maggior parte dei partecipanti riteneva che i rialzi di 50 punti base sarebbero stati appropriati nelle riunioni politiche di giugno e luglio, ma molti pensavano che rialzi importanti e anticipati avrebbero lasciato spazio ad una pausa più avanti nel corso dell'anno, per valutare se la politica più restrittiva sta aiutando a domare l'inflazione.

Sebbene l'inflazione abbia continuato ad aumentare nel mese di aprile, è cresciuta meno rispetto agli ultimi mesi, secondo i dati mostrati venerdì. L'indice dei prezzi delle spese per i consumi personali (PCE) è salito dello 0,2%, il guadagno minore da novembre 2020, dopo essere salito dello 0,9% a marzo. Per i 12 mesi fino ad aprile, l'indice dei prezzi PCE è avanzato del 6,3% dopo il balzo del 6,6% di marzo.

I rendimenti del Tesoro americano di riferimento erano più bassi venerdì, ma sono rimbalzati brevemente dai minimi di sessione dopo i dati sull'inflazione di aprile, che hanno alimentato le speranze che il peggio delle pressioni sui prezzi sia passato.

Un rapporto separato ha mostrato che la spesa dei consumatori statunitensi è aumentata più del previsto il mese scorso, in quanto le famiglie hanno incrementato gli acquisti di beni e servizi.

Il rapporto chiave della prossima settimana per gli Stati Uniti saranno i numeri delle buste paga non agricole di maggio, alla fine della settimana.

"I dati sui posti di lavoro faranno luce sulla possibilità di inasprimento a partire dal terzo trimestre", ha detto Manimbo.

L'euro è stato il principale beneficiario del declino del dollaro, ma anche questo slancio si è arrestato, in quanto gli investitori ritengono che gran parte dei rialzi dei tassi previsti dalla Banca Centrale Europea siano stati prezzati nei livelli attuali.

La moneta unica era in rialzo dello 0,06% a 1,07395 dollari, dopo aver raggiunto i livelli più alti da un mese a questa parte. La sterlina era in rialzo dello 0,31% a 1,2646 dollari.

Il dollaro australiano, sensibile al rischio, è salito dello 0,89% a $0,7163, mentre il dollaro neozelandese è balzato dell'1,08% a $0,6548.

Il miglioramento del sentimento di rischio non ha però aiutato il bitcoin, che è sceso dello 0,64% a 28.997 dollari, continuando il graduale declino di questa settimana dal livello psicologicamente importante di 30.000 dollari.


© MarketScreener con Reuters 2022
Ultime notizie "Economia & Forex"
23:06Il sentimento dei consumatori della Corea del Sud scende a giugno - sondaggio
MR
22:58I consulenti della FDA statunitense raccomandano l'inclusione del componente Omicron per i booster COVID
MR
22:36La FTC statunitense cita in giudizio Walmart per aver presumibilmente consentito servizi di trasferimento di denaro per frode
MR
22:00R. Kelly chiede 10 anni di carcere, il minimo, mentre si profila la sentenza per un caso di sesso.
MR
21:47Gli Stati Uniti faranno pressione sulla Turchia mentre la Finlandia e la Svezia cercano una svolta nella NATO
MR
21:46Saipem ricorrerà in appello contro il verdetto di colpevolezza del tribunale algerino per il contratto Arzew
MR
20:57Le discussioni del G7 con Cina e India sul tetto del prezzo del petrolio russo sono positive - fonte
MR
20:49La contabilità dell'iperinflazione di BBVA in Turchia ha colpito l'utile di gruppo del 1° trimestre per 324 milioni di euro
MR
20:38Ghislaine Maxwell è stata condannata a 20 anni di carcere per traffico sessuale
MR
20:33Ghislaine Maxwell è stata condannata a 20 anni di carcere per traffico sessuale
MR
Ultime notizie "Economia & Forex"