Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie
Tutte le notizieSocietÓIndiciValute/ForexMaterie PrimeCriptovaluteETFTassiEconomiaTematicheSettori 

Il dollaro si mantiene saldo sulle scommesse della Fed, mentre l'Aussie Ŕ in difficoltÓ prima della RBA.

06-12-2022 | 03:00
FILE PHOTO: Illustration shows U.S. dollar banknotes

Il dollaro statunitense si Ŕ mantenuto stabile nei confronti dei principali concorrenti martedý, a seguito del suo pi¨ grande rally in due settimane, dopo che i solidi dati sui servizi negli Stati Uniti hanno alimentato le scommesse che la Federal Reserve potrebbe alzare i tassi di interesse pi¨ di quanto previsto di recente.

Il dollaro australiano è rimasto vicino al minimo di una settimana in vista dell'imminente decisione sui tassi della banca centrale, con gli operatori di mercato alla ricerca di segnali di una pausa nell'inasprimento dopo che l'inflazione si è inaspettatamente raffreddata il mese scorso.

L'indice del dollaro statunitense - che misura la valuta rispetto ai sei principali concorrenti - è passato di mano a 105,11 nelle prime contrattazioni asiatiche, con un calo dello 0,1% dopo il rally dello 0,7% di lunedì, il più grande dal 21 novembre.

Era sceso a 104,1 per la prima volta dal 28 giugno, in quanto i trader hanno continuato a frenare le scommesse di una stretta aggressiva da parte della Fed.

Tuttavia, in seguito ha invertito la rotta quando il PMI non manifatturiero dell'Institute for Supply Management (ISM) è salito inaspettatamente, indicando che il settore dei servizi, che rappresenta più di due terzi dell'attività economica degli Stati Uniti, è rimasto resistente.

Il Comitato federale per il mercato aperto deciderà la politica da seguire il 15 dicembre. Attualmente i trader si aspettano un rialzo di mezzo punto per una fascia politica del 4,25-4,5% e un tasso terminale di poco superiore al 5% a maggio.

"Il dollaro ha davvero fatto il botto su tutta la linea", ha detto Bart Wakabayashi, direttore della filiale di State Street a Tokyo. "Penso che ci sia stato un certo posizionamento short sul dollaro, e tutti i comunicati economici notturni degli Stati Uniti sono stati molto forti e hanno indicato una Fed falco. Aumenteranno i tassi fino a quando i dati lo dimostreranno".

I rendimenti del Tesoro a lungo termine degli Stati Uniti sono saliti al massimo dal 20 ottobre durante la notte, facendo salire la coppia dollaro-yen, sensibile ai rendimenti, dell'1,83% fino a 136,835. Il dollaro è sceso dello 0,25% martedì, anche se a 136,46 yen.

L'euro è rimbalzato dello 0,13% a 1,0505 dollari, dopo un calo dello 0,46% nella notte. La sterlina ha recuperato lo 0,16% a 1,22035 dollari dopo il calo dello 0,88% di lunedì.

Il dollaro australiano è salito dello 0,21% a 0,6713 dollari, recuperando parte del calo dell'1,4% registrato durante la notte.

La Reserve Bank of Australia è universalmente prevista dagli economisti in un sondaggio Reuters per aumentare il tasso chiave di un quarto di punto alle 0130 GMT.

L'attenzione maggiore sarà rivolta a qualsiasi indizio nella dichiarazione politica sulle prospettive per la riunione successiva di febbraio, dopo che i dati morbidi dell'IPC hanno suggerito che il picco dell'inflazione potrebbe essere vicino.

Negli ultimi giorni, tuttavia, la politica della RBA è passata in secondo piano rispetto all'ottimismo sull'allentamento delle restrizioni COVID-19 in Cina, uno dei principali partner commerciali.

L'Aussie ha raggiunto un picco di 2 mesi e mezzo a 0,6851 dollari lunedì, con fonti che hanno detto a Reuters che un cambiamento di politica a Pechino riguardo al COVID potrebbe arrivare già mercoledì.

Per quanto riguarda la RBA, "il rischio è che non ci siano cambiamenti, ma riteniamo che si tratti di un rischio limitato", ha scritto Carol Kong, stratega presso Commonwealth Bank of Australia, in una nota del cliente.

"Ci aspettiamo che la RBA modifichi la sua forward guidance in modo sottile ma significativo, passando da 'si aspetta di aumentare ulteriormente i tassi di interesse' a 'è probabile che aumenti ulteriormente i tassi di interesse' o 'è disposta ad aumentare ulteriormente i tassi di interesse', (il che) indicherebbe che la RBA ritiene di essere alla fine del suo ciclo di inasprimento, o almeno vicino ad esso", spingendo l'Aussie al ribasso.

"Ma qualsiasi perdita dell'AUD indotta dalla RBA potrebbe rivelarsi di breve durata, mentre i mercati rimangono ottimisti sull'uscita della Cina dalle sue rigide politiche COVID", ha aggiunto Kong.


ę MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
AUSTRALIAN DOLLAR / CANADIAN DOLLAR (AUD/CAD) 0.09%0.94816 Prezzo in differita.2.21%
AUSTRALIAN DOLLAR / EURO (AUD/EUR) 0.16%0.6538 Prezzo in differita.1.70%
AUSTRALIAN DOLLAR / JAPANESE YEN (AUD/JPY) 0.08%92.42 Prezzo in differita.2.70%
AUSTRALIAN DOLLAR / NEW ZEALAND DOLLAR (AUD/NZD) -0.10%1.09506 Prezzo in differita.1.19%
AUSTRALIAN DOLLAR / SWISS FRANC (AUD/CHF) 0.15%0.65543 Prezzo in differita.3.31%
AUSTRALIAN DOLLAR / US DOLLAR (AUD/USD) -0.08%0.71081 Prezzo in differita.3.43%
BRITISH POUND / AUSTRALIAN DOLLAR (GBP/AUD) -0.19%1.74164 Prezzo in differita.-1.49%
BRITISH POUND / EURO (GBP/EUR) -0.05%1.1385 Prezzo in differita.0.24%
BRITISH POUND / US DOLLAR (GBP/USD) -0.27%1.23801 Prezzo in differita.1.95%
CANADIAN DOLLAR / AUSTRALIAN DOLLAR (CAD/AUD) -0.09%1.054786 Prezzo in differita.-2.16%
CANADIAN DOLLAR / EURO (CAD/EUR) 0.04%0.689765 Prezzo in differita.-0.43%
CANADIAN DOLLAR / US DOLLAR (CAD/USD) -0.17%0.74961 Prezzo in differita.1.32%
COMMONWEALTH BANK OF AUSTRALIA 0.96%109.89 Prezzo in differita.6.07%
DOW JONES FXCM DOLLAR INDEX 0.06%12682.36 Prezzo in tempo reale.-1.38%
EURO / AUSTRALIAN DOLLAR (EUR/AUD) -0.14%1.529 Prezzo in differita.-1.61%
EURO / US DOLLAR (EUR/USD) -0.22%1.0868 Prezzo in differita.1.75%
INDIAN RUPEE / AUSTRALIAN DOLLAR (INR/AUD) -0.15%0.01725 Prezzo in differita.-1.95%
INDIAN RUPEE / EURO (INR/EUR) 0.01%0.011281 Prezzo in differita.-0.34%
INDIAN RUPEE / US DOLLAR (INR/USD) -0.16%0.012265 Prezzo in differita.1.37%
NEW ZEALAND DOLLAR / US DOLLAR (NZD/USD) 0.01%0.64905 Prezzo in differita.2.31%
US DOLLAR / AUSTRALIAN DOLLAR (USD/AUD) 0.06%1.406826 Prezzo in differita.-3.36%
US DOLLAR / EURO (USD/EUR) 0.22%0.920217 Prezzo in differita.-1.72%
US DOLLAR / JAPANESE YEN (USD/JPY) 0.17%130.03 Prezzo in differita.-0.68%
Ultime notizie "Economia"
05:41L'Australia ribadisce il sostegno all'Ucraina dopo che il padre di Djokovic posa con i tifosi della Russia
MR
05:22I titoli di Adani Group aumentano le perdite a causa dell'attacco dei venditori allo scoperto
MR
04:58L'indiana Adani dà il via alla vendita di azioni per 2,45 miliardi di dollari, mentre è sotto attacco dei venditori allo scoperto
MR
04:51L'indiana Tata Motors balza del 6% con il primo profitto trimestrale in 2 anni
MR
04:44Il premier giapponese Kishida dice che non si può escludere un ritorno alla deflazione
MR
04:22Oro poco variato in vista dei dati sull'inflazione negli Stati Uniti
MR
04:20L'amministratore dell'EPA degli Stati Uniti sta pensando di dimettersi - fonti
MR
03:49Le azioni indiane apriranno in rialzo grazie all'attenuarsi dei timori di recessione degli Stati Uniti
MR
03:47Il Giappone e i Paesi Bassi si uniranno agli Stati Uniti nei controlli sui chip cinesi -Bloomberg
MR
03:20Bill Ackman dice che il rapporto di Hindenburg su Adani Group è 'altamente credibile'.
MR
Ultime notizie "Economia"