I futures sul grano di Chicago hanno prolungato il loro calo per la seconda sessione consecutiva martedì, mentre il rafforzamento del dollaro e le enormi esportazioni di grano a basso costo dalla Russia hanno continuato a fare pressione sui prezzi, che sono stati scambiati vicino ai minimi dal 2020.

Anche i futures sul mais erano più bassi e i semi di soia erano stabili.

I futures sul grano del Chicago Board of Trade (CBOT) per la consegna di maggio erano in calo dello 0,4% a $5,49-1/2 al bushel alle 1130 GMT, dopo essere scesi fino a $5,24 il mese scorso.

Il mais CBOT è sceso dello 0,2% a $4,30-1/2 al bushel e i semi di soia erano praticamente invariati a $11,59 al bushel.

Il dollaro è salito al massimo dal 2 novembre contro un paniere di valute, rendendo i prodotti agricoli statunitensi più costosi per gli acquirenti con altre valute e danneggiando potenzialmente la domanda.

I consulenti Sovecon hanno stimato che la Russia esporterà 4,2-4,6 milioni di tonnellate di grano ad aprile, rispetto al record di 4,4 milioni di tonnellate dell'anno precedente.

La Russia ha spedito circa 4,9 milioni di tonnellate a marzo, il massimo per qualsiasi marzo registrato.

"Per la maggior parte del 2024, ci aspettiamo che i mercati globali dei cereali e dei semi oleosi siano sovraccarichi e che i prezzi siano bassi", ha dichiarato l'analista della Commonwealth Bank Dennis Voznesenksi in un rapporto di ricerca.

"La continua pressione delle esportazioni di grano russo sui mercati mondiali, le grandi esportazioni di mais e soia del Brasile e i prossimi raccolti invernali europei e nordamericani (grano e orzo) dovrebbero continuare a pesare sui mercati", ha detto, prevedendo che i bassi profitti agricoli finiranno per ridurre l'offerta e sollevare i prezzi.

Gli investitori speculativi stanno scommettendo su un ulteriore calo dei prezzi per tutti e tre i raccolti, ma la loro ampia posizione corta netta lascia i mercati vulnerabili alle ondate di coperture corte che spingono i prezzi verso l'alto.

Il rapporto settimanale sull'andamento dei raccolti del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) ha valutato il 55% del raccolto di grano invernale statunitense in condizioni buone-eccellenti, in calo dell'1% rispetto alla settimana scorsa, ma comunque il più alto per questo periodo dell'anno dal 2020.

Le valutazioni relativamente forti del grano sottolineano un cambiamento nelle forniture globali di cereali verso l'eccedenza, dopo le carenze degli ultimi anni.

Per quanto riguarda la soia, le piogge prolungate nel cuore dell'Argentina hanno alimentato i timori di ritardi nel raccolto in corso, che potrebbero causare perdite di produzione, secondo la Borsa dei cereali di Rosario.

I frantoi di soia statunitensi hanno lavorato una quantità record di soia nel mese di marzo, anche se il ritmo di frantumazione giornaliero è leggermente rallentato rispetto al record di febbraio, secondo i dati della National Oilseed Processors Association (NOPA).