Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Il rapporto dell'ONU collega le truppe maliane, 'dalla pelle bianca', alle morti di civili.

05-08-2022 | 19:57

Le truppe governative maliane e i "soldati dalla pelle bianca" hanno arrestato 33 civili nel Mali centrale a marzo, che sono stati poi trovati uccisi a colpi di arma da fuoco e i loro corpi sono stati bruciati, hanno dichiarato gli osservatori delle sanzioni al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite in un rapporto visto da Reuters venerdý.

Il rapporto non identifica i "soldati dalla pelle bianca" che sono accusati di aver radunato uomini e ragazzi più grandi in un piccolo villaggio del Mali, legando loro le mani dietro la schiena e bendandoli. Le truppe maliane sono poi arrivate e sono accusate di aver picchiato gli uomini e portato via 29 mauritani e 4 maliani.

"Le donne hanno atteso il ritorno degli uomini, ma un giorno dopo sono state informate dai parenti che i corpi degli uomini erano stati trovati a 4 km di distanza. Gli uomini erano stati uccisi e poi bruciati", hanno scritto gli osservatori delle Nazioni Unite, citando le testimonianze ricevute.

Il Mali sta lottando per arginare un'insurrezione islamista che ha messo radici dopo una rivolta del 2012 e da allora si è diffusa nei Paesi vicini, uccidendo migliaia di persone e sfollando milioni di persone nella regione del Sahel dell'Africa occidentale.

Una missione di pace delle Nazioni Unite è stata dispiegata nel 2013 per sostenere le truppe straniere e locali che combattono i militanti.

I leader militari del Mali hanno preso il potere con un colpo di Stato dell'agosto 2020 e hanno litigato con i vicini regionali e i partner internazionali per i ritardi nelle elezioni, i presunti abusi dell'esercito e la cooperazione con i mercenari russi.

La giunta al potere del Mali non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento sul rapporto degli osservatori delle sanzioni delle Nazioni Unite di venerdì.

Il Gruppo Wagner della Russia ha iniziato a fornire centinaia di combattenti l'anno scorso per sostenere l'esercito maliano e da allora è stato accusato dai gruppi per i diritti umani e dai residenti locali di aver partecipato a massacri di civili.

Il governo russo ha riconosciuto la presenza di personale Wagner in Mali, ma il governo maliano li ha descritti come istruttori dell'esercito russo e non come appaltatori privati della sicurezza. Wagner non ha una rappresentanza pubblica e non ha commentato le accuse di violazione dei diritti umani.


ę MarketScreener con Reuters 2022
Ultime notizie "Economia & Forex"
15:37SPECTRUM MARKETS: Serix, a luglio investitori in modalità risk off
DJ
15:25Usa, indice prezzi al consumo invariato a luglio, sotto attese
RE
15:23IRAN: Usa, sta addestrando Russia a utilizzare i suoi droni avanzati
DJ
15:20Fed, trader attendono rialzo tassi 50 pb a settembre su allentamento inflazione
RE
15:16I nemici dell'aborto ottengono i voti dei governatori repubblicani in Wisconsin, Minnesota
MR
15:14USA: Trump interrogato oggi a Ny in indagine su frode fiscale
DJ
15:11Forex, dollaro perde terreno dopo dati inflazione Usa sotto attese
RE
15:01TOP STORIES ITALIA: borse accelerano, inflazione Usa inferiore a stime
DJ
15:01TOP STORIES ITALIA: Fondo Mise salva Conbipel con 3,8 mln, avrà 49% Newco
DJ
15:01TOP STORIES ITALIA: da Rfi (FS) gara da 1,1 mld per passante AV Firenze
DJ
Ultime notizie "Economia & Forex"