Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie
Tutte le notizieSocietÓIndiciValute/ForexMaterie PrimeCriptovaluteETFTassiEconomiaTematicheSettori 

L'Australia prende in considerazione la possibilitÓ di limitare le esportazioni di gas per evitare la crisi dell'approvvigionamento interno

01-08-2022 | 03:55

L'Australia ha detto lunedì che deciderà se limitare le esportazioni di gas naturale liquefatto (LNG) dopo che un ente di controllo ha sollecitato delle restrizioni, avvertendo che uno dei maggiori fornitori mondiali di questo combustibile potrebbe trovarsi di fronte ad una carenza e ad un'impennata dei prezzi il prossimo anno.

La mossa del Governo, dopo una raccomandazione della Commissione australiana per la concorrenza e i consumatori (ACCC), arriva anche quando il Paese è in competizione con il Qatar e gli Stati Uniti come primo esportatore di GNL al mondo.

L'ACCC ha avvertito che il gas supplementare è necessario per compensare il calo della produzione nei giacimenti offshore che da tempo riforniscono la popolosa costa orientale, dove vive quasi il 90% della popolazione australiana.

Il Ministro delle Risorse Madeleine King ha dichiarato che si consulterà con gli esportatori di GNL e con i partner commerciali dell'Australia prima di prendere una decisione in ottobre.

La decisione potrebbe influenzare le forniture di carburante e i prezzi nel 2023 per i consumatori globali, già turbati dalle interruzioni di gas dovute alla guerra in Ucraina. La carenza è piccola in termini globali, ma la richiesta di dirottare i preziosi carichi dal mercato delle esportazioni aumenterà le preoccupazioni per la crescente scarsità delle forniture energetiche.

Le limitazioni alle esportazioni avrebbero probabilmente un impatto sulla joint venture Gladstone LNG guidata da Santos Ltd, i cui partner sono TotalEnergies SA, Korea Gas Corp (KOGAS) e Petronas della Malesia.

La richiesta di azione è arrivata in una raccomandazione dell'ACCC che invita il Governo a premere il grilletto sul Meccanismo australiano di fornitura di gas interno. La misura, istituita nel 2017, può essere utilizzata per costringere gli esportatori di GNL della costa orientale a dirottare il gas verso il mercato interno per evitare carenze.

"Il nostro ultimo rapporto sul gas rileva che le prospettive per il mercato del gas della costa orientale sono peggiorate in modo significativo", ha dichiarato la presidente dell'ACCC Gina Cass-Gottlieb in un comunicato.

La commissione ha riscontrato che gli esportatori di GNL probabilmente ritireranno dal mercato nazionale più gas di quello che intendono fornire. Si prevede ora una carenza di 56 petajoule, pari a circa il 10% della domanda, ovvero 14 carichi di GNL in totale. L'Australia ha esportato una media di 100 carichi al mese finora quest'anno, secondo i dati di Refinitiv Eikon.

La Commissione non solo ha avvertito di una carenza nel 2023, ma ha anche affermato di "incoraggiare fortemente gli esportatori di GNL ad aumentare immediatamente la loro fornitura al mercato (australiano)".

GOVERNO SOTTO PRESSIONE

La crisi delle forniture di gas a livello mondiale si è aggravata sulla scia del conflitto tra Russia e Ucraina. Gli acquirenti di GNL in Europa e in Asia sono in competizione per le spedizioni in sostituzione del gas russo, facendo lievitare i prezzi e spingendo i produttori australiani ad esportare gas non contrattato.

Il rapporto dell'ACCC arriva dopo che la domanda di gas è aumentata per la produzione di energia elettrica a causa delle interruzioni degli impianti a carbone e per il riscaldamento. L'impennata della domanda ha provocato un forte aumento dei prezzi del gas e dell'energia elettrica e ha quasi provocato un blackout nell'Australia orientale a giugno.

I risultati aggiungono pressione al governo laburista appena eletto, affinché rafforzi la fornitura di gas a livello locale. L'impennata dei prezzi ha portato i produttori che dipendono dal gas a minacciare di chiudere gli impianti e tagliare i posti di lavoro.

"È fondamentale che la nostra fornitura di gas nazionale sia sicura e a prezzi competitivi, soprattutto quando le famiglie e le imprese sono sottoposte a pressioni estreme", ha dichiarato il Tesoriere Jim Chalmers.

Il gruppo di pressione dell'industria del gas ha risposto alla richiesta dell'ACCC sottolineando che gli esportatori di GNL hanno 167 PJ di gas non contrattato disponibile per il mercato interno.

"Si tratta di una quantità di gas più che sufficiente per garantire che non si verifichino carenze", ha dichiarato in un comunicato il direttore generale ad interim dell'Australian Petroleum Production and Exploration Association, Damian Dwyer.

MISURE PIÙ SEVERE

Il Ministro delle Risorse King lunedì ha esteso il Meccanismo di Sicurezza del Gas Interno Australiano fino al 2030. Ha detto che sta anche cercando di rafforzare la misura, includendo potenzialmente un trigger di prezzo.

Il rapporto dell'ACCC solleva dubbi sulla "licenza sociale" degli esportatori, ha detto, in quanto l'impegno dei produttori di GNL a rifornire il mercato interno è diminuito costantemente dal 2017.

"I produttori di gas sanno che questo è dannoso per loro", ha detto King ai giornalisti durante una conferenza stampa televisiva a Canberra.

Ma ha anche detto che non ha senso cercare di rompere i contratti a lungo termine che hanno sostenuto lo sviluppo dell'enorme industria dell'esportazione di GNL.

"Vogliamo essere conosciuti e rimanere, come siamo conosciuti, come un partner commerciale affidabile", ha detto la King.

Gli analisti hanno detto che la King dovrà affrontare la pressione di altri membri del suo partito per proteggere i posti di lavoro dei produttori che dipendono dal gas.

"Ci aspettiamo che il Governo dichiari una carenza di gas nel 2023 e inasprisca il quadro normativo, ma che alla fine persegua un risultato 'volontario' in cui i produttori di GNL del Queensland accettino di mantenere il mercato rifornito per qualsiasi carenza l'anno prossimo", ha dichiarato Saul Kavonic, analista di Credit Suisse.


ę MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
KOREA GAS CORPORATION 0.88%34300 Prezzo di chiusura.-5.25%
ORIGIN ENERGY LIMITED 0.68%7.37 Prezzo in differita.-5.18%
S&P GSCI NATURAL GAS INDEX -1.19%131.3794 Prezzo in tempo reale.-34.86%
SANTOS LIMITED 0.00%7.24 Prezzo in differita.1.40%
SHELL PLC 2.18%2394.5 Prezzo in differita.0.67%
TOTALENERGIES SE 1.01%59.06 Prezzo in tempo reale.-0.24%
Ultime notizie "Economia"
12:46BOND : spread Btp/Bund in allargameno di 3,35 pb a 185,069 pb
DJ
12:44Autonomia : Zaia; andremo a tavolo trattative con 23 materie, poi decideremo
DJ
12:44Energia : De Luca, su grandi reti competenza deve essere nazionale
DJ
12:44Autonomia : De Luca; tema va discusso partendo da numeri, servono risorse
DJ
12:43H&M mette in evidenza la tristezza del fast-fashion, mentre il lusso subisce un colpo in Cina
MR
12:38Borsa Milano in lieve rialzo, bene energia, Buzzi, Cnh, recupera lusso
RE
12:36Il Regno Unito nutre alcune preoccupazioni sulla legge statunitense sulle sovvenzioni verdi, afferma Hunt
MR
12:34I fondi comuni azionari indiani passeranno alla liquidazione in due giorni
MR
12:34Autonomia : Calderoli, se ci sarà necessità Stato stabilirà dove reperire risorse
DJ
12:33Autonomia : Calderoli; confronto avviato con Confindustria, non vogliamo spaccare Paese
DJ
Ultime notizie "Economia"