Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie
Tutte le notizieSocietÓIndiciValute/ForexMaterie PrimeCriptovaluteETFTassiEconomiaTematicheSettori 

L'India ha acquistato il 40% del petrolio russo degli Urali via mare nel mese di novembre - dati Raffinitiv, operatori commerciali

29-11-2022 | 02:09
Pump jacks are seen at the Lukoil company owned Imilorskoye oil field outside the West Siberian city of Kogalym

L'India ha acquistato circa il 40% di tutti i volumi di esportazione via mare degli Urali caricati a novembre, superando gli altri Stati come acquirenti, secondo i calcoli di Reuters basati sui dati di Refinitiv e dei commercianti, mostrati lunedý.

Le spedizioni di petrolio russo Urals verso l'India hanno rappresentato circa il 40% del totale delle esportazioni via mare di Urals nel mese di novembre, senza includere il transito di petrolio dal Kazakistan, che viene venduto come KEBCO, secondo i calcoli di Reuters.

Allo stesso tempo, le spedizioni del grado in Europa, che in precedenza era il maggior consumatore di Urali via mare, a novembre sono state leggermente inferiori a un quarto. Quasi l'intero volume è stato consegnato alle raffinerie, in cui le compagnie petrolifere russe detengono azioni.

Il volume totale delle spedizioni di petrolio degli Urali dai porti russi a novembre è stato di 7,5 milioni di tonnellate, esclusi i volumi di transito del Kazakistan.

Il 5 dicembre, l'Unione Europea impone un embargo sulle forniture di petrolio russo via mare.

Secondo i commercianti, il volume delle forniture di petrolio degli Urali all'Europa potrebbe ridursi ulteriormente a dicembre, dal momento che l'embargo comporta il divieto di fornitura di petrolio russo anche da parte delle aziende russe alle loro rimanenti attività di raffinazione nell'UE.

Le discussioni dell'UE su un tetto massimo di prezzo per il petrolio russo stanno complicando gli scambi per i volumi di dicembre, hanno detto i commercianti, aumentando l'incertezza.

La Turchia rimane il principale acquirente di Urals nel Mediterraneo; a novembre, le consegne a questo Paese hanno rappresentato circa il 15% di tutte le esportazioni via mare di Urals, secondo i calcoli di Reuters.

Inoltre, diverse spedizioni di Urali si stanno dirigendo verso Port Said, in Egitto, dove si prevede che vengano ricaricate su navi cisterna più grandi per la successiva consegna in Asia, probabilmente in Cina.

La Cina ha rappresentato meno del 5% delle esportazioni marittime di Urali a novembre, secondo i dati, ma i commercianti si aspettano che alcune delle petroliere cambino la loro destinazione verso la Cina in un secondo momento.


ę MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
BRENT OIL 1.30%85.54 Prezzo in differita.-1.80%
US DOLLAR / TURKISH LIRA (USD/TRY) 0.11%18.8203 Prezzo in differita.0.60%
WTI 1.44%79.216 Prezzo in differita.-0.08%
Ultime notizie "Economia"
21:18L'impatto delle fluttuazioni valutarie sulle aziende nordamericane è aumentato notevolmente nel terzo trimestre - rapporto
MR
20:55L'austriaca RBI più che raddoppia l'utile trimestrale
MR
20:45I senatori propongono nuove protezioni per i passeggeri delle compagnie aeree statunitensi dopo i crolli
MR
20:42Costruttori auto contro l'Ue, sforzo verde irrealistico
AW
20:10La partnership tra Stati Uniti e India punta su armi e AI per competere con la Cina
MR
19:57La Corte blocca la legge del New Jersey che consente allo Stato di citare in giudizio l'industria delle armi da fuoco
MR
19:56Esclusivo: Breton dell'UE dice a Twitter di fare di più per rispettare le regole tecnologiche del blocco
MR
19:53La provincia canadese prova a depenalizzare le droghe per combattere la crisi delle overdose
MR
19:44Amazon ha minacciato illegalmente i lavoratori di NYC in vista delle votazioni sindacali, secondo il giudice
MR
19:38La Casa Bianca di Biden, McCarthy si preparano all'incontro sul debito
MR
Ultime notizie "Economia"