Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

L'economia statunitense inizia il secondo trimestre con una nota forte; l'aumento dell'inflazione rallenta

30-05-2022 | 07:45
FILE PHOTO: A customer counts her money at the register of a Toys R Us store on the Thanksgiving Day holiday in Manchester

La spesa dei consumatori statunitensi Ŕ aumentata pi¨ del previsto ad aprile, in quanto le famiglie hanno incrementato gli acquisti di beni e servizi, e l'aumento dell'inflazione Ŕ rallentato, il che potrebbe sostenere la crescita economica nel secondo trimestre tra i crescenti timori di una recessione.

La spesa dei consumatori statunitensi è aumentata più del previsto ad aprile, in quanto le famiglie hanno incrementato gli acquisti di beni e servizi, e l'aumento dell'inflazione è rallentato, il che potrebbe sostenere la crescita economica nel secondo trimestre, tra i crescenti timori di una recessione.

Le prospettive a breve termine dell'economia sono state anche illuminate da altri dati del Dipartimento del Commercio di venerdì, che hanno mostrato che il deficit commerciale dei beni si è ridotto bruscamente il mese scorso. Un deficit commerciale record ha causato una contrazione della produzione nel primo trimestre.

"L'economia può sempre girare su se stessa, ma a questo punto del ciclo economico, i consumatori stanno ancora spendendo il loro cuore, tenendo a bada i venti di recessione", ha detto Christopher Rupkey, capo economista di FWDBONDS a New York.

La spesa dei consumatori, che rappresenta più di due terzi dell'attività economica degli Stati Uniti, è aumentata dello 0,9% il mese scorso. I dati di marzo sono stati rivisti al rialzo per mostrare una corsa delle uscite dell'1,4% invece dell'1,1% come precedentemente riportato. La forza della spesa è stata registrata nonostante il sentimento dei consumatori fosse al livello più basso dal 2011.

La spesa per i beni è aumentata di un solido 0,8%, trainata da nuovi veicoli a motore, abbigliamento, calzature, beni ricreativi, nonché arredamento e attrezzature per la casa. La domanda di beni rimane forte, anche se la spesa per i servizi sta aumentando.

Le spese per i servizi sono aumentate dello 0,9%, in quanto i consumatori cenano spesso fuori casa e viaggiano. Sono aumentate anche le spese per l'alloggio e le utenze e i servizi ricreativi.

Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto un aumento della spesa dei consumatori dello 0,7%. La spesa è sostenuta da risparmi massicci e da forti aumenti salariali, con le aziende che si affannano a riempire un record di 11,5 milioni di posti di lavoro alla fine di marzo.

Il reddito personale è aumentato dello 0,4%, con i salari che hanno rappresentato la maggior parte dell'aumento. Il tasso di risparmio è sceso al 4,4%, il più basso da settembre 2008, dal 5,0% di marzo. Questo suggerisce che le famiglie hanno attinto agli oltre 2.000 miliardi di dollari di risparmi in eccesso accumulati durante la pandemia COVID-19.

La riduzione dei risparmi potrebbe significare un rallentamento della spesa dei consumatori, soprattutto in considerazione dell'aumento dei costi di finanziamento.

"Le famiglie ad alto e medio reddito hanno ancora dei risparmi accumulati", ha detto Diane Swonk, capo economista di Grant Thornton a Chicago. "Le famiglie del quintile più basso hanno ora attinto a quel poco che avevano in eccesso di riserve".

L'atteggiamento di politica monetaria da falco della Federal Reserve, che lotta per contenere l'inflazione elevata e riportarla al suo obiettivo del 2%, ha alimentato le preoccupazioni di una recessione. I timori di una recessione economica sono stati esacerbati anche dalla guerra che la Russia sta trascinando contro l'Ucraina e dalla politica cinese di zero COVID-19, che hanno ulteriormente ingarbugliato le catene di approvvigionamento.

La banca centrale statunitense ha aumentato il tasso di interesse politico di 75 punti base da marzo. Si prevede che la Fed aumenterà il tasso overnight di mezzo punto percentuale in ciascuna delle prossime riunioni di giugno e luglio.

La forte spesa dei consumatori ha offerto un po' di tregua agli asset rischiosi come le azioni, dopo un recente forte sell-off. Le azioni di Wall Street sono aumentate. Il dollaro è rimasto stabile rispetto ad un paniere di valute. I prezzi dei Treasury statunitensi sono stati misti.

GAP COMMERCIALE PIÙ RIDOTTO

Sebbene l'inflazione abbia continuato ad aumentare ad aprile, non è stata della stessa entità degli ultimi mesi. L'indice dei prezzi delle spese per i consumi personali (PCE) è aumentato dello 0,2%, il guadagno più basso del novembre 2020, dopo essere salito dello 0,9% a marzo.

Nei 12 mesi fino ad aprile, l'indice dei prezzi PCE è avanzato del 6,3% dopo un balzo del 6,6% a marzo.

L'aumento annuale dell'indice dei prezzi PCE sta rallentando, in quanto i grandi guadagni dell'anno scorso escono dal calcolo.

Escludendo le componenti volatili di cibo ed energia, l'indice dei prezzi PCE ha guadagnato lo 0,3%, aumentando dello stesso margine per tre mesi consecutivi. Il cosiddetto indice dei prezzi PCE core è aumentato del 4,9% su base annua ad aprile, il guadagno più basso dallo scorso dicembre, dopo un aumento del 5,2% a marzo.

Si è trattato del secondo mese consecutivo di decelerazione del tasso di aumento dell'indice dei prezzi PCE core annuale. Questa misura dell'inflazione è la più seguita dagli economisti e dai responsabili politici.

"Dobbiamo vedere gli aumenti mensili raffreddarsi in modo più significativo prima che la Fed possa respirare", ha detto Jennifer Lee, economista senior presso BMO Capital Markets a Toronto.

La moderazione dell'inflazione fa ben sperare per la crescita del PIL di questo trimestre. Al netto dell'inflazione, la spesa dei consumatori è aumentata dello 0,7% ad aprile, dopo l'aumento dello 0,5% del mese precedente.

Ci sono state altre notizie sui beni, con un secondo rapporto del Dipartimento del Commercio che ha mostrato che il deficit commerciale dei beni è sceso del 15,9% a 105,9 miliardi di dollari ad aprile. La riduzione riflette un calo del 5,0% delle importazioni.

Sebbene le importazioni deboli siano positive per il numero del PIL, potrebbero segnalare un rallentamento della spesa dei consumatori e degli investimenti delle imprese. Le importazioni di beni di investimento e di consumo sono diminuite. Le importazioni di veicoli a motore, invece, sono aumentate. Le esportazioni di beni sono aumentate del 3,1%, stimolate dalle spedizioni di prodotti alimentari.

Le scorte all'ingrosso sono aumentate del 2,1% il mese scorso, mentre le scorte presso i rivenditori sono aumentate dello 0,7%. In seguito ai dati di venerdì, Goldman Sachs ha aumentato la stima di crescita del PIL del secondo trimestre di due decimi di punto percentuale, portandola ad un tasso annualizzato del 2,8%.

L'economia si è contratta ad un ritmo dell'1,5% lo scorso trimestre a causa del massiccio deficit commerciale e del rallentamento dell'accumulo di scorte rispetto al tasso robusto del quarto trimestre.


ę MarketScreener con Reuters 2022
Ultime notizie "Economia & Forex"
01:10La Gran Bretagna si impegna ad affrontare le barriere commerciali per gli esportatori
MR
01:07La produzione automobilistica della Gran Bretagna è aumentata a maggio, dopo un crollo di 10 mesi.
MR
01:04La commissione per i disordini del Campidoglio degli Stati Uniti cita in giudizio l'ex consigliere di Trump Pat Cipollone
MR
00:12Gli Stati Uniti fanno causa per bloccare l'acquisto di EverWatch da parte di Booz Allen
MR
00:08Coinbase cerca di espandersi in Europa - Bloomberg News
MR
00:05La crisi delle relazioni pubbliche della BOJ costringe a ripensare il messaggio sull'inflazione
MR
29/06Esclusivo-La tassa sul litio in California ritarderebbe le spedizioni alle case automobilistiche, avvertono i dirigenti
MR
29/06GIAPPONE: -7,2% m/m produzione industriale prel. maggio
DJ
29/06L'UE sostiene le regole antiriciclaggio delle criptovalute per reprimere il denaro sporco
MR
29/06L'ultimo beneficiario della Medaglia d'Onore degli Stati Uniti della Seconda Guerra Mondiale muore a 98 anni
MR
Ultime notizie "Economia & Forex"